Frasi di Francesco Mastriani

45  2

Francesco Mastriani

Data di nascita: 23. Novembre 1819
Data di morte: 7. Gennaio 1891

Pubblicità

Francesco Mastriani è stato uno scrittore italiano, autore di romanzi d'appendice di grande successo. Fu inoltre drammaturgo e giornalista.

Mostrò fin dagli esordi letterari grande attenzione nei confronti delle classi subalterne napoletane. Benché la sua narrativa, pittoresca e consolatoria , non abbia quasi spessore politico , diede un grande contributo alla nascita del meridionalismo e gettò le basi per la nascita del verismo.

Autori simili

Marco Missiroli1
scrittore italiano
Tom Antongini4
scrittore
Tommaso Giartosio foto
Tommaso Giartosio24
scrittore italiano
Tullio Avoledo foto
Tullio Avoledo22
scrittore italiano
Giorgio Falco foto
Giorgio Falco14
scrittore italiano
Pino Roveredo3
scrittore italiano
Enrico Brizzi foto
Enrico Brizzi76
scrittore italiano
Guido del Giudice foto
Guido del Giudice1
scrittore italiano
Danilo Pennone1
scrittore e compositore italiano

Frasi Francesco Mastriani

„Ed eccovi in secondo luogo la "cuna", altro flagello dell'infanzia, altro strumento di morte per bambini. Bisogna far dormire per forza quella mummia, che grida nei suoi ceppi. Le sue grida riescono importune, moleste, insopportabili. Dl'altronde, la madre deve attendere alla sua acconciatura, ha da intendersi colla sarta, ha da finire di leggere quel romanzo che tanto l'interessa! Deve vestirsi pel teatro, per le visite, pel veglione, per la passeggiata. Bisogna dunque per forza quel marzmottino si acceti nel sonno. Ed ecco il piccolo importuno consegnato alla balia, che te lo acchiappa come un involto di robe vecchie e te lo getta nella "cuna", dopo aver dato una buona ristretta alle fasce, quasi che tema ceh il prigioniero non scappi. Ed accola a far giuocare quel crpicciuolo ad un violento giuoco di altalena, agitando la culla in modo tempetosissimo che, senon fosse per legge fisica che il gran moto produce l'immobilità, quel puttino dovrebbe essere cento volte tramazzato sul suolo ovvero trabalzato in aria come la palla della racchetta. Bisogna far dormire a forza il monello. Dunque, stordendolo fino alla stupefazione, fino all'encefalagìa, fino al coma. L'oppio, la morfina ed altri mortali soporiferi riuscirebbero meno letali a quel tenero tessuto nervoso della violenta agitazione della "cuna". Un bel dì, il bambinello è assalito da convulsioni nervose e leva l'incomodo alla madre: «Dio se l'ha preso» dice questa. E noi diremo: «Siete voi che Glielo avete dato!».“

— Francesco Mastriani
Parte prima, libro II, cap. XXVI, p. 253-54

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Avanti
Anniversari di oggi
Tiziano Ferro foto
Tiziano Ferro139
cantautore italiano 1980
Anaïs Nin foto
Anaïs Nin41
scrittrice statunitense 1903 - 1977
Sándor Márai foto
Sándor Márai112
scrittore e giornalista ungherese 1900 - 1989
Malcolm X foto
Malcolm X11
attivista statunitense 1925 - 1965
Altri 78 anniversari oggi
Autori simili
Marco Missiroli1
scrittore italiano
Tom Antongini4
scrittore
Tommaso Giartosio foto
Tommaso Giartosio24
scrittore italiano
Tullio Avoledo foto
Tullio Avoledo22
scrittore italiano