Frasi di Rainer Maria Rilke

Rainer Maria Rilke photo
55   66

Rainer Maria Rilke

Data di nascita: 4. Dicembre 1875
Data di morte: 29. Dicembre 1926

Rainer Maria Rilke, nome completo René Karl Wilhelm Johann Josef Maria Rilke , è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo austriaco di origine boema. È considerato uno dei più importanti poeti di lingua tedesca del XX secolo. Autore di opere sia in prosa che in poesia, è famoso soprattutto per le Elegie duinesi , i Sonetti a Orfeo e I quaderni di Malte Laurids Brigge.



Wikipedia

Lavori

Letters to a Young Poet
Rainer Maria Rilke
Elegie duinesi
Elegie duinesi
Rainer Maria Rilke

„Il futuro entra in noi, per trasformarsi in noi, molto prima che accada.“

—  Rainer Maria Rilke

Lettere a un giovane poeta
Origine: Da Lettera del 12 agosto 1904; in Lettere a un giovane poeta, traduzione di Leone Traverso, Adelphi, 1980, p. 55.

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?

„Bisognerebbe saper attendere, raccogliere, per una vita intera e possibilmente lunga, senso e dolcezza, e poi, proprio alla fine, si potrebbero forse scrivere dieci righe valide. Perché i versi non sono, come crede la gente, sentimenti (che si acquistano precocemente), sono esperienze. Per scrivere un verso bisogna vedere molte città, uomini e cose, bisogna conoscere gli animali, bisogna capire il volo degli uccelli e comprendere il gesto con cui i piccoli fiori si aprono al mattino. Bisogna saper ripensare a itinerari in regioni sconosciute, a incontri inaspettati e congedi previsti da tempo, a giorni dell'infanzia ancora indecifrati, ai genitori che eravamo costretti a ferire quando portavano una gioia e non la comprendevamo (era una gioia per qualcun altro), a malattie infantili che cominciavano in modo così strano con tante profonde e grevi trasformazioni, a giorni in stanze silenziose e raccolte e a mattine sul mare, al mare sopratutto, a mari, a notti di viaggio che passavano con un alto fruscio e volavano assieme alle stelle - e ancora non è sufficiente poter pensare a tutto questo. Bisogna avere ricordi di molte notti d'amore, nessuna uguale all'altra, di grida di partorienti e di lievi, bianche puerpere addormentate che si rimarginano. Ma bisogna anche essere stati accanto ad agonizzanti, bisogna essere rimasti vicino ai morti nella stanza con la finestra aperta e i rumori intermittenti. E non basta ancora avere ricordi. Bisogna saperli dimenticare, quando sono troppi, e avere la grande pazienza di attendere che ritornino. Perché i ricordi in sé ancora non sono. Solo quando diventano sangue in noi, sguardo e gesto, anonimi e non più distinguibili da noi stessi, soltanto allora può accadere che in un momento eccezionale si levi dal loro centro e sgorghi la prima parola di un verso.“

—  Rainer Maria Rilke, libro I quaderni di Malte Laurids Brigge

The Notebooks of Malte Laurids Brigge

„La vita ha ragione, in ogni caso.“

—  Rainer Maria Rilke

Lettere a un giovane poeta

„Io imparo a vedere.“

—  Rainer Maria Rilke, libro I quaderni di Malte Laurids Brigge

I quaderni di Malte Laurids Brigge

„[Ultime parole] Oh vita, vita, poter uscire.“

—  Rainer Maria Rilke

Origine: Citato in Umberto Veronesi, L'ombra e la luce: La mia lotta contro il male, Einaudi, Torino, 2008, p. 83. ISBN 978-88-06-19501-0

„Accetta dunque, mia cara mamma, un bacio con tutto il cuore nella solenne ora di Natale, la più pacata dell'anno, la più misteriosa, in cui i desideri ancora ignari si tendono fino all'estremo e vengono per prodigio esauditi: trascorrila nel profondo, grande raccoglimento del Tuo cuore, abbandona ogni dubbio e incomprensione: in quest'ora abbiamo un posticino dentro di noi dove siamo semplicemente bambini, che attende e sta là, fiducioso e mai confuso, nel suo diritto a una grande gioia: questo è il Natale.“

—  Rainer Maria Rilke

Variante: Accetta dunque [... ] un bacio con tutto il cuore nella solenne ora di Natale, la più pacata dell'anno, la più misteriosa, in cui i desideri ancora ignari si tendono fino all'estremo e vengono per prodigio esauditi: [... ] abbandona ogni dubbio e incomprensione: in quest'ora abbiamo un posticino dentro di noi dove siamo semplicemente bambini, che attende e sta là, fiducioso e mai confuso, nel suo diritto a una grande gioia: questo è il Natale.
Origine: Da Lettere di Natale alla madre, 1900-1925; citato in Aa.Vv., Pensieri di Natale, a cura di Luigi La Rosa, BUR, Milano, 2005, p. 46. ISBN 88-17-00896-6

Autori simili

Peter Handke photo
Peter Handke13
romanziere e drammaturgo austriaco
Stefan Zweig photo
Stefan Zweig64
scrittore, giornalista e drammaturgo austriaco
Günter Grass photo
Günter Grass14
scrittore, poeta e drammaturgo tedesco
Alejandro Jodorowsky photo
Alejandro Jodorowsky33
scrittore, drammaturgo e poeta cileno
Rabindranath Tagore photo
Rabindranath Tagore64
poeta, drammaturgo, scrittore e filosofo indiano
Paul Claudel photo
Paul Claudel19
poeta, drammaturgo e diplomatico francese
Karl Kraus photo
Karl Kraus178
scrittore, giornalista e aforista austriaco
Vladimir Vladimirovič Majakovskij photo
Vladimir Vladimirovič Majakovskij29
poeta e drammaturgo sovietico
Luigi Pirandello photo
Luigi Pirandello166
drammaturgo, scrittore e poeta italiano premio Nobel per la…
Gabriele d'Annunzio photo
Gabriele d'Annunzio109
scrittore, poeta e drammaturgo italiano
Anniversari di oggi
Erri De Luca photo
Erri De Luca238
scrittore, traduttore e poeta italiano 1950
Niki Lauda photo
Niki Lauda17
pilota automobilistico austriaco 1949 - 2019
Honoré De Balzac photo
Honoré De Balzac126
scrittore, drammaturgo e critico letterario francese 1799 - 1850
Jean Daniélou photo
Jean Daniélou30
teologo e cardinale francese 1905 - 1974
Altri 81 anniversari oggi
Autori simili
Peter Handke photo
Peter Handke13
romanziere e drammaturgo austriaco
Stefan Zweig photo
Stefan Zweig64
scrittore, giornalista e drammaturgo austriaco
Günter Grass photo
Günter Grass14
scrittore, poeta e drammaturgo tedesco
Alejandro Jodorowsky photo
Alejandro Jodorowsky33
scrittore, drammaturgo e poeta cileno
Rabindranath Tagore photo
Rabindranath Tagore64
poeta, drammaturgo, scrittore e filosofo indiano