Frasi di Arundhati Roy

Arundhati Roy foto

31   5

Arundhati Roy

Data di nascita: 24. Novembre 1961
Altri nomi: Suzanna Arundhati Roy

Arundhati Roy è una scrittrice indiana, nonché un'attivista politica impegnata nei movimenti anti-globalizzazione.

Nel 1997 ha vinto il Premio Booker col suo romanzo d'esordio, Il Dio delle piccole cose .

Frasi Arundhati Roy


„Due cuori felici si sollevarono come aquiloni colorati in un cielo azzurrocielo.“ p. 220

„E l'Aria era piena di Pensieri e Cose da Dire. Ma in momenti simili vengono sempre dette solo le Piccole Cose. Le Grandi Cose si acquattano dentro, non dette.“ p. 155


„Non aveva importanza che la storia fosse già iniziata, dal momento che il kathakali ha scoperto molto tempo fa che il segreto delle Grandi Storie è che esse non hanno segreti. Le Grandi Storie sono quelle che abbiamo già sentito e che vogliamo sentire di nuovo. Quelle in cui possiamo entrare da una parte qualunque e starci comodi. Non ci ingannano con trasalimenti e finali a sorpresa. Non ci sorprendono con l'imprevisto. Ci sono familiari come le case in cui abitiamo. Come l'odore della pelle del nostro amante. Sappiamo in anticipo come vanno a finire, eppure le seguiamo come se non lo sapessimo. Allo stesso modo in cui sappiamo che un giorno dovremo morire, ma viviamo come se non lo sapessimo.“ p. 245

„Lo sportello d'acciaio dell'inceneritore si sollevò e il borbottio attutito del fuoco eterno diventò un rosso ruggito. Il calore si allungò verso di loro come una bestia tenuta a digiuno. Poi le dettero da mangiare la Ammu di Rahel. I suoi capelli, la sua pelle, il suo sorriso. La sua voce. Il modo in cui usava Kipling per amare i suoi bambini prima di metterli a dormire: Siamo dello stesso sangue, tu e io. Il suo bacio della buonanotte. Il modo in cui afferrava i loro visi con una mano (guance schiacciate, bocca da pesce) mentre con l'altra divideva e pettinava loro i capelli. Il modo in cui teneva i mutandoni di Rahel per farcela arrampicare dentro. Gamba destra, gamba sinistra. Tutto questo diventò cibo per la bestia, e la bestia fu soddisfatta.“ p. 176

„Dietro gli occhiali allungati, i suoi inutili occhi erano chiusi, ma lei [Mammachi] vedeva la musica staccarsi dal violino e sollevarsi nel pomeriggio come fumo.“ p. 180

„Rahel sapeva perché era successo: perché lei stava sperando che non succedesse.“ p. 69

„Ammu stava pensando di riprendere il suo cognome da nubile, anche se diceva che fra il cognome del marito e quello del padre a una donna non restava poi granché da scegliere.“ p. 47

„[Baby Kochamma] Si trovò davanti Dolore e Disperazione, e in segreto, nel profondo del cuore, esultò.“ p. 89


„Alla luce del boicottaggio globale degli attivisti verso i profittatori di guerra, la globalizzazione inizia a sembrare inevitabile. Non contrastiamo le sanzioni degli imperialisti con le sanzioni del popolo.“

„Da un punto di vista strettamente pratico, si potrebbe forse dire che tutto cominciò con l'arrivo di Sophie Mol ad Ayemenem. Forse è vero che tutto può cambiare in un giorno. Che poche manciate di ore possono condizionare l'esito di vite intere. [... ]
Eppure, dire che tutto cominciò con l'arrivo di Sophie Mol ad Ayemenem è solo uno dei modi di considerare la faccenda.
Si potrebbe sostenere altrettando giustamente che in realtà tutto ebbe inizio migliaia di anni prima. Molto prima che arrivassero i marxisti. Prima che gli inglesi conquistassero il Malabar, prima della dominazione portoghese, prima dell'arrivo di Vasco de Gama, prima che lo Zamorin conquistasse Calicut. [... ] Si potrebbe sostenere che cominciò prima che il cristianesimo arrivasse dal mare e si diffondesse nel Kerala come il tè da una bustina immersa nell'acqua.
Che tutto cominciò davvero nei giorni in cui furono fissate le Leggi dell'Amore. Le leggi che stabiliscono chi si deve amare, e come.
E quanto.“
p. 43-44

„Non vecchi. Non giovani. Ma vitalmente morituri.“ libro Il Dio delle piccole cose

„[Rahel] Non sapeva da dove le fossero venute quelle parole. Non sapeva di averle dentro di sé. Ma erano fuori, adesso, e non sarebbero rientrate.“ p. 124


„L'Attesa colmò Rahel finché non fu lì lì per esplodere.“ p. 75

„Una volta arrivato, il silenzio mise radici in lui [Estha] e cominciò a diffondersi. Gli uscì dalla testa e lo avvolse tra le sue braccia melmose. Lo cullò al ritmo di un battito antico, fetale. Allungò le ventose dei suoi tentacoli furtivi centimetro dopo centimetro dentro il suo cranio, ripulendo come un aspirapolvere le vallette e le colline della memoria, sloggiando vecchie frasi, scuotendole via dalla punta dalla lingua. Spogliò i pensieri delle parole necessarie a descriverli, lasciandoli nudi e spellati. Indicibili. Intorpiditi.“ p. 22

„Il silenzio stava sospeso in aria come una segreta perdita.“ p. 103

„Le braccia del Compagno Pillai erano incrociate sul petto, e le mani stringevano le ascelle con atteggiamento possessivo, come se qualcuno gliele avesse appena chieste in prestito e lui avesse rifiutato di darle via.“ p. 140

Autori simili