Frasi su lupi

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema lupo.

Argomenti correlati

Un totale di 180 frasi lupo, il filtro:


Mina photo

„Un lupo metterò a guardia della mia ingenuità.“

—  Mina pagina di disambiguazione di un progetto Wikimedia 1940

da Un'aquila nel cuore
25

Davide Rondoni photo
Renato Vallanzasca photo
Giuseppe Ungaretti photo
Alfred Edmund Brehm photo
Jean De La Fontaine photo

„Piuttosto soffrire che morire, è il motto degli uomini.“

—  Jean De La Fontaine scrittore e poeta francese 1621 - 1695

da Il lupo e l'agnello

Alfred De Vigny photo

„Solo il silenzio è grande; tutto il resto è debolezza.“

—  Alfred De Vigny poeta, scrittore, drammaturgo 1797 - 1863

da La morte del lupo, ne I destini

Wisława Szymborska photo

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Eiji Aonuma photo
Epicuro photo
Tito Maccio Plauto photo
Tito Maccio Plauto photo
Fabrizio De André photo

„E a un dio senza fiato non credere mai.“

—  Fabrizio De André cantautore italiano 1940 - 1999

da Coda di lupo, n.° 3

Hermann Hesse photo
Lev Nikolajevič Tolstoj photo

„Un fanciullo amava molto il pollo e aveva gran paura dei lupi. Una sera, mentre dormiva sul suo letto, fece un sogno: egli era solo nella foresta e cercava funghi. A un tratto, un lupo balzò da una macchia e si gettò su di lui. Spaventato, il fanciullo si mise a gridare: «Aiuto! Aiuto! Mi vuol mangiare!».Il lupo gli disse: «Aspetta a gridare: io non ti mangerò, voglio soltanto discutere con te».
E il lupo si mise a parlare come fosse un uomo.
Disse: «Tu hai paura che io ti mangi. Ma tu? Non ti piacciono forse i polli?».
«Sì!».
«Eppure li mangi, perché? Essi sono vivi come te, i piccoli polli. Va a vedere la mattina, come li pigliano, come il cuoco li porta in cucina e taglia loro il collo, e ascolta la loro madre gridare perché le hanno tolto i suoi piccini. Non hai mai osservato tutto questo?».
«No», rispose il fanciullo.
«No, davvero? Ebbene, guarda meglio! Del resto, per ora, sono io che ti mangerò. A modo tuo, tu non sei altro che un piccolo pollo: è deciso, ti mangerò».
Il lupo si gettò sul fanciullo che gridò spaventato: «Ahi! Ahi! Ahi!».
E si svegliò.
Da quel giorno, egli smise di mangiar carne: fosse di bue, di montone o di pollo.“

—  Lev Nikolajevič Tolstoj scrittore, drammaturgo, filosofo, pedagogista, esegeta ed attivista sociale russo 1828 - 1910

Origine: Favola registrata da Tolstoj il 19 luglio 1908 con un fonografo inviatogli in dono da Thomas Edison nello stesso anno, e pubblicata nel 1909 sulla rivista Il faro. Traduzione di Gianfranco Giorgi; citato in Perché sono vegetariano, pp. 16-17.

Hermann Hesse photo
Rudyard Kipling photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“