Frasi su lupi

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema lupo, animale, uomo, essere.

Migliori frasi su lupi

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Jack London photo
Rudyard Kipling photo

„Ululate, cani! Stanotte è morto un lupo!“

—  Rudyard Kipling, libro Il secondo libro della giungla

Phao; 2004, p. 345
Il secondo libro della giungla, I cani rossi

„Un lupo metterò a guardia della mia ingenuità.“

—  Mina pagina di disambiguazione di un progetto Wikimedia 1940

da Un'aquila nel cuore
25

James Joyce photo
Publio Virgilio Marone photo
Fabrizio De André photo

„E a un dio senza fiato non credere mai.“

—  Fabrizio De André cantautore italiano 1940 - 1999

da Coda di lupo, n.° 3

Alfred De Vigny photo

„Solo il silenzio è grande; tutto il resto è debolezza.“

—  Alfred De Vigny poeta, scrittore, drammaturgo 1797 - 1863

da La morte del lupo, ne I destini

Rudyard Kipling photo

Tutte frasi su lupi

Un totale di 173 frasi lupo, il filtro:

Gaio Sollio Sidonio Apollinare photo

„Tutto ciò che doniamo è nostro; tutto ciò che teniamo per noi ci è estraneo.“

—  Gaio Sollio Sidonio Apollinare poeta, epistolografo, vescovo romano 430 - 489

da Lettera al vescovo Lupo
Origine: Citato in Geza Gardonyi, Sotto la tenda di Attila, traduzione e commento a cura di Laura Draghi, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, 1983, p. 208.

Alan Lomax photo
J. K. Rowling photo
Hermann Hesse photo
Ljudmil Stojanov photo

„Quando un pastore porta la preda nella tana del lupo, significa che è la fine del regno del lupo.“

—  Ljudmil Stojanov poeta e scrittore bulgaro 1886 - 1973

Mehmed Sinap, Le autorità non dormono mai, p. 158
Mehmed Sinap

„Anche il lupo ha diritto di vivere, basterebbe questa considerazione per lasciarlo in pace, oltre al fatto che parliamo di una specie protetta. Chiaramente la presenza del lupo implica anche vantaggi ecosistemici: essendo al vertice della catena alimentare mantiene in equilibrio la catena stessa regolando le popolazioni di erbivori.“

—  Luigi Boitani biologo, scrittore e conduttore televisivo italiano 1946

Origine: Citato in Lorenzo Brenna, Boitani: “Temiamo il lupo perché è troppo simile a noi” http://www.lifegate.it/persone/news/temiamo-il-lupo-perche-e-troppo-simile-noi, Lifegate, 10 novembre 2014.

Hermann Hesse photo
Jack London photo
Hermann Hesse photo
Davide Rondoni photo
Wisława Szymborska photo
Margaret Mazzantini photo
Aidan Turner photo

„[Sulla serie Being Human] Non immaginavamo sarebbe andata così forte – è stato un grande successo […] La premessa era la più stupida del mondo: un fantasma, un vampiro e un lupo mannaro che condividono un appartamento a Bristol.“

—  Aidan Turner attore irlandese 1983

Origine: Citato in Shortlist, Why you need to appreciate Poldark's Aidan Turner http://www.shortlist.com/entertainment/tv/poldarks-aidan-turner-exploitation-interview#art, shortlist.com, 22 maggio 2015.

Jodi Lynn Picoult photo
Frank Herbert photo
Sacco e Vanzetti photo
Giuseppe Ungaretti photo

„E subito riprende | il viaggio | come | dopo il naufragio | un superstite | lupo di mare.“

—  Giuseppe Ungaretti poeta italiano 1888 - 1970

Allegria di naufragi, 14 febbraio 1917; p. 61

Alfred Edmund Brehm photo
Jean De La Fontaine photo

„Piuttosto soffrire che morire, è il motto degli uomini.“

—  Jean De La Fontaine scrittore e poeta francese 1621 - 1695

da Il lupo e l'agnello

Eiji Aonuma photo
Epicuro photo
Tito Maccio Plauto photo

„Ogni uomo è un lupo nei confronti di un altro uomo.“

—  Tito Maccio Plauto, Asinaria

495
Lupus est homo homini.
Asinaria

Tito Maccio Plauto photo
Lev Nikolajevič Tolstoj photo

„Un fanciullo amava molto il pollo e aveva gran paura dei lupi. Una sera, mentre dormiva sul suo letto, fece un sogno: egli era solo nella foresta e cercava funghi. A un tratto, un lupo balzò da una macchia e si gettò su di lui. Spaventato, il fanciullo si mise a gridare: «Aiuto! Aiuto! Mi vuol mangiare!».Il lupo gli disse: «Aspetta a gridare: io non ti mangerò, voglio soltanto discutere con te».
E il lupo si mise a parlare come fosse un uomo.
Disse: «Tu hai paura che io ti mangi. Ma tu? Non ti piacciono forse i polli?».
«Sì!».
«Eppure li mangi, perché? Essi sono vivi come te, i piccoli polli. Va a vedere la mattina, come li pigliano, come il cuoco li porta in cucina e taglia loro il collo, e ascolta la loro madre gridare perché le hanno tolto i suoi piccini. Non hai mai osservato tutto questo?».
«No», rispose il fanciullo.
«No, davvero? Ebbene, guarda meglio! Del resto, per ora, sono io che ti mangerò. A modo tuo, tu non sei altro che un piccolo pollo: è deciso, ti mangerò».
Il lupo si gettò sul fanciullo che gridò spaventato: «Ahi! Ahi! Ahi!».
E si svegliò.
Da quel giorno, egli smise di mangiar carne: fosse di bue, di montone o di pollo.“

—  Lev Nikolajevič Tolstoj scrittore, drammaturgo, filosofo, pedagogista, esegeta ed attivista sociale russo 1828 - 1910

Origine: Favola registrata da Tolstoj il 19 luglio 1908 con un fonografo inviatogli in dono da Thomas Edison nello stesso anno, e pubblicata nel 1909 sulla rivista Il faro. Traduzione di Gianfranco Giorgi; citato in Perché sono vegetariano, pp. 16-17.

Giovanni Verga photo

„Chi va col lupo allupa.“

—  Giovanni Verga, libro I Malavoglia

I Malavoglia

Hermann Hesse photo
Jovanotti photo

„Mani in alto! In nome della legge! | Di quale legge del lupo o del gregge? | Non sparare! In nome di Dio! | Di quale Dio del tuo o del mio?“

—  Jovanotti cantautore, rapper e disc jockey italiano 1966

da Mani in alto
Buon sangue

Lucio Dalla photo
Ermal Meta photo

„Sin da bambino il lupo è stato il mio animale preferito, mi piace il fatto che non sia addomesticabile e ti si avvicina perché lo sceglie. In questo assomiglia alla musica perché anche lei è selvaggia, non puoi dominarla, ti sceglie.“

—  Ermal Meta cantautore e compositore albanese 1981

Origine: Dall'intervista di Raffaella Berardi, Intervista ad Ermal Meta, il cantautore che ha stregato il pubblico del 66° Festival di Sanremo http://www.lsdmagazine.com/intervista-ad-ermal-meta-il-cantautore-che-ha-stregato-il-pubblico-del-66-festival-di-sanremo/29235/, LSD Magazine.com, 2 marzo 2016.

Jack London photo
J. K. Rowling photo
Robert Baden-Powell photo

„La Legge del Branco
1) Il Lupetto ascolta il Vecchio Lupo
2) Il Lupetto non ascolta se stesso.“

—  Robert Baden-Powell militare, educatore e scrittore inglese, fondatore del movimento scout 1857 - 1941

The Law of the Wolf Cub Pack
1. The Cub gives in to the Old Wolf;
2. The Cub does not give in to himself.
Origine: Manuale dei Lupetti, p. 19

Francesco Guccini photo
Roy Dupuis photo

„Oh sì, sono un lupo. È nella mia natura. È il modo in cui sono.“

—  Roy Dupuis attore cinematografico e attore televisivo canadese 1963

dall'intervista a 7 Jours del 6 aprile 1991
1991
Variante: Oh sì, io sono un lupo. È nella mia natura. È quello che sono.

Wisława Szymborska photo
Giambattista Basile photo
Robert Baden-Powell photo
Cesare Pavese photo
Dante Alighieri photo

„Questi pareva a me maestro e donno, | cacciando il lupo e' lupicini al monte | per che i Pisan veder Lucca non ponno.“

—  Dante Alighieri poeta italiano autore della Divina Commedia 1265 - 1321

XXXIII, 28-30

William Ralph Inge photo

„È utile per la pecora essere d'accordo con l'opinione dei vegetariani, mentre il lupo rimane di un'opinione differente.“

—  William Ralph Inge docente, scrittore, religioso (prete anglicano) 1860 - 1954

Senza fonte

Petronio Arbitro photo
Antonio Conte photo

„Abbiamo fatto qualcosa di straordinario, guardatevi le rose dell'Inter di Mancini e della Juve di Capello, che hanno fatto meno punti di noi. Abbiamo fatto qualcosa di straordinario soprattutto considerando da dove venivamo, ovvero da due settimi posti. Il resto sono chiacchiere. Ma si sa: quando il lupo non arriva all'uva dice che è amara…“

—  Antonio Conte calciatore e allenatore italiano 1969

Origine: Citato in Conte: "Noi meglio dell'Inter di Mancini: guardate le rose!" Poi sbaglia il proverbio http://www.fcinter1908.it/?action=read&idnotizia=70021, Fcinter1908.it, 22 dicembre 2012.

Plutarco photo

„L'uomo mangia a sazietà cibi macchiati delle stragi di animali rendendosi molto più feroce delle fiere selvagge. Il sangue e le carni sono cibi per il lupo ed il serpente, non per gli esseri umani.“

—  Plutarco biografo, scrittore e filosofo greco antico 46 - 127

citato in Franco Libero Manco, Biocentrismo. L'alba della nuova civiltà, Nuova Impronta Edizioni, Roma 1999, p. 203

Giuseppe Giacosa photo

„Campioni: Io non so come si gridi tanto alla difficoltà che c'è a trovare argomenti nuovi e ad essere originali! Sono lì, gli argomenti, non c'è che a stendere la mano. […] Io voglio dimostrare che la matematica regge colle sue norme immutabili anche la poesia. […] Un verso composto di un numero dispari di parole, è matematicamente più armonico di quello in cui il numero sia pari… e così per le sillabe, e così per le lettere. […] Nell'Orlando furioso ci sono in tutto 375 mila 197 parole. Dispari il numero totale, e non solo dispari il numero totale, ma dispari anche le cifre che lo compongono. Eccole spiegata la sorprendente bellezza del libro. Nel primo canto, ci sono 5041 parole, altro numero dispari. Prendiamo due versi a casaccio. (Apre il manoscritto). Canto quattordicesimo, ottava trentasettesima, verso primo:
«Come lupo o mastin ch'ultimo giugne…»
sette parole, che bel verso! e subito
«Al bue lasciato morto dai villani…»
sei parole, verso orribile, quasi che i villani dei buoi morti non sapessero che farsene, magari!
[…]
Carlo: Le dico schietto che lei ha fatto opera di profondo studioso, di buongustaio, di grande ingegno e di gran cittadino.
Campioni: Ah! Perché la poesia…
Carlo: È il cardine.
Campioni: È il cardine. Guardi: cardine: bellissima parola: sette lettere. Osservi il nome dei massimi poeti. Dante, cinque lettere; Ariosto, sette; Tasso, cinque; Petrarca invece otto, difatti è molle ed effeminato. Foscolo, sette; Alfieri, sette; Manzoni, sette; Leopardi, otto, ed è uno scettico. Le pare? È novità codesta?
Carlo: E come!
Campioni: Pensare che in tanti grandi ingegni che furono con tante arti poetiche e regole di scuola scritte in tutte le lingue, nessuno ancora considerò l'estetica in rapporto coi numeri. Le note musicali, sette. Perché la scienza moderna ci insegna a generalizzare. Trovato un principio, a volerlo applicare ammodo, si vede che calza per tutto. Qual è il tipo della famiglia bene assortita? Un padre, una madre e un figliolo. Tre. Sono considerazioni codeste?!“

—  Giuseppe Giacosa drammaturgo, scrittore e librettista italiano 1847 - 1906

da La gente di spirito, Atto II, Scena IV

Arthur Rimbaud photo

„Il lupo urlava sotto le foglie | Sputando le piume più belle | Del suo pasto di polli: | Come lui mi consumo.“

—  Arthur Rimbaud poeta francese 1854 - 1891

da Il lupo urlava, vv. 1-4, 1992

Andrea Pazienza photo

„Sono un lupo… Che non mi si chiami fido quindi!“

—  Andrea Pazienza fumettista e pittore italiano 1956 - 1988

da Pacco

William Blake photo

„Non c'è più impero! ora cesseranno il leone e il lupo.“

—  William Blake poeta, incisore e pittore inglese 1757 - 1827

da Un canto di Libertà, 2000
Versi e Canti

José Saramago photo
Guillaume Apollinaire photo

„Terribile Aquilano di Maiorca | Ci vorrebbe lo so una bella sorca | Perché d'amore come un lupo ho fame | E un cazzo solo soddisfa le mie brame“

—  Guillaume Apollinaire poeta, scrittore e critico d'arte francese 1880 - 1918

Al mio terzuolo; 1991
Poesie

Andrzej Sapkowski photo
Vilfredo Pareto photo
Marshall McLuhan photo
Joseph Roth photo
Konrad Lorenz photo
Konrad Lorenz photo

„[Sull'inibizione che impedisce a un lupo di azzannare un suo simile che gli mostra la gola] Devo tuttavia confessare che, nel mio sentimentalismo, sono profondamente commosso e ammirato di fronte a quel lupo che non può azzannare la gola dell'avversario, e ancor di più di fronte all'altro animale, che conta proprio su questa sua reazione! Un animale che affida la propria vita alla correttezza cavalleresca di un altro animale! C'è proprio qualcosa da imparare anche per noi uomini! Io per lo meno ne ho tratto una nuova e più profonda comprensione di un meraviglioso detto del Vangelo che spesso viene frainteso, e che finora aveva suscitato in me solo una forte resistenza istintiva: «Se qualcuno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra…». L'illuminazione mi è venuta da un lupo: non per ricevere un altro schiaffo devi offrire al nemico l'altra guancia, no, devi offrirgliela proprio per impedirgli di dartelo!“

—  Konrad Lorenz zoologo e etologo austriaco 1903 - 1989

pp. 173-174
Variante: Devo tuttavia confessare che, nel mio sentimentalismo, sono profondamente commosso e ammirato di fronte a quel lupo che “non può” azzannare la gola dell’avversario, e ancor più di fronte all’altro animale, che conta proprio su questa sua reazione! Un animale che affida la propria vita alla correttezza cavalleresca di un altro animale! C’è proprio qualcosa da imparare anche per noi uomini! Io per lo meno ne ho tratto una nuova e più profonda comprensione di un meraviglioso detto del Vangelo che spesso viene frainteso, e che finora aveva suscitato in me solo una forte resistenza istintiva: «Se qualcuno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra...». L’illuminazione mi è venuta da un lupo: non per ricevere un altro schiaffo devi offrire al nemico l’altra guancia, no, devi offrirgliela proprio per impedirgli di dartelo!

Charles Ferdinand Ramuz photo

„La vita è come una collana fatta di perle bianche e di perle nere, che sgraniamo fra le dita.“

—  Charles Ferdinand Ramuz scrittore svizzero 1878 - 1947

da La vita di Samuel Belet, traduzione di Cesare Lupo, Jaca Book, 1987

Carlo Levi photo
Maria Maddalena de' Pazzi photo

„Il maledetto rispetto humano è un lupo affamato, un leone infuriato, il quale si divora e ingoia la maggior parte dell'opere buone.“

—  Maria Maddalena de' Pazzi monaca e mistica italiana 1566 - 1607

Detti e sentenze memorabili, Sentenze e detti generali tratti dalla sua Vita e da suoi scritti, utili a tutti, ma particolarmente alle persone religiose

Lorenzo Pignotti photo

„Morir denno i plebei furfanti oscuri, | Perché i furfanti illustri sien sicuri.“

—  Lorenzo Pignotti poeta, storico e medico italiano 1739 - 1812

da Il pastore ed il lupo

Fabrizio De André photo

„Quando ero piccolo m'innamoravo di tutto | correvo dietro ai cani.“

—  Fabrizio De André cantautore italiano 1940 - 1999

da Coda di lupo, n.° 3

Fabrizio De André photo
Carlo Flamigni photo
Marco Valerio Marziale photo
Angelo Poliziano photo
Emil Cioran photo

„La carne è incompatibile con la carità: l'orgasmo trasformerebbe un santo in lupo.“

—  Emil Cioran filosofo, scrittore e saggista rumeno 1911 - 1995

Sillogismi dell'amarezza

Frans Eemil Sillanpää photo

„Nelle fauci del lupo nessuno ama il suo prossimo.“

—  Frans Eemil Sillanpää, libro Santa miseria

Origine: Santa miseria, p. 138

Dino Campana photo
Aldo Busi photo
Primo Mazzolari photo
Aulo Persio Flacco photo

„Me ne vado: Lucilio ha morso a sangue la città, | te, o Lupo, e te, o Muzio… e ci si è rotto un molare.“

—  Aulo Persio Flacco poeta satirico romano 34 - 62

I, 114-115
Discedo: secuit Lucilius urbem, | te Lupe, te Muci, et genuinum fregit in illis.
Satire
Origine: Lucio Cornelio Lentulo Lupo.
Origine: Quinto Muzio Scevola Augure.

Caparezza photo

„Non temere l'uomo nero, non temere l'uomo lupo, | non temere l'uomo cupo, temi solo l'uomo astuto. | Lui fa da tutor prende tutto ciò che può.“

—  Caparezza cantautore e rapper italiano 1973

da Ninna nanna di Mazzarò, n.° 6

Fedro photo
Fabio Capello photo
Suso Cecchi D'Amico photo
João Guimarães Rosa photo
Plutarco photo
Silver photo
Frederick Selous photo
Ivan Andreevič Krylov photo
Alfred Edmund Brehm photo
Alfred Edmund Brehm photo
Iperide photo

„[Rivolgendosi ad Aristofonte] Quando tenti di ingannare l'opinione degli altri, tu illudi soltanto te stesso. Infatti non convinci nessuno quando in luogo di astuto di dici saggio, in luogo d'impudente energico, in luogo di avaro parsimonioso amministratore del tuo patrimonio, in luogo di malevolo severo. Non c'è vizio di cui tu possa vantarti lodandolo come virtù.“

—  Iperide politico e oratore ateniese -390 - -322 a.C.

Contro Aristofonte, fr. 44 Jensen, conservato da Rutilio Lupo in De figuris sententiarum et elocutionis, I, 4; traduzione in Oratori attici minori, p. 271
Orazioni, Frammenti, Di orazioni identificate

Friedrich Engels photo
Georg Trakl photo
Natalia Ginzburg photo

„Se dovessi descrivere Paolo Poli a qualcuno che non l'avesse mai visto, direi di lui che la sua figura è quella di un giovinetto esile: ignoro la sua età, ma ho l'idea che comunque resterà sempre come un esile giovinetto; che il suo linguaggio è un puro toscano; che i suoi spettacoli sono, in genere, parodie di romanzi o di commedie dell'Ottocento, o del primo Novecento, inframmezzate da canzoni; che quando canta alza nell'aria le sue lunghe braccia snodate e le mani fini e soavi, assomigliando a una bella ragazza, o a un cigno, o a un fiore dall'altissimo stelo; che suscita ilarità con la grazia, in un tempo in cui la comicità sembra poter nascere soltanto su note stridenti e odiose, da volti e gesti scomposti e ripugnanti. Lui è comico restando sé stesso, conservando i suoi tratti lindi e gentili. Non c'è tuttavia nulla di lezioso o vezzoso nella sua grazia: non c'è in lui nessuna civetteria, e nessuna timidezza, nei confronti della realtà. La sua grazia sembra rispondere a un'armonia intima, sembra sprigionarsi da un'intima e lucidissima intelligenza. Fra i suoi molteplici volti nascosti, c'è essenzialmente quello d'un soave, ben educato e diabolico genio del male: è un lupo in pelli di agnello, e nelle sue farse sono parodiati insieme gli agnelli e i lupi, la crudeltà efferata e la casta e savia innocenza.“

—  Natalia Ginzburg scrittrice italiana 1916 - 1991

Origine: Da Nella farsa con soavità http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/Itemid,3/action,detail/id,0129_01_1970_0003_0003_4986732/, La Stampa, 4 gennaio 1970, p. 3.

Cormac McCarthy photo