Frasi per il perdono

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema perdono, vita, dio, essere.

Migliori frasi per il perdono

Mondo Marcio photo

„Se nessuno fa del buono nessuno avrà il perdono.“

—  Mondo Marcio rapper, beatmaker e produttore discografico italiano 1986

da Tieni duro, n. 7

Gue Pequeno photo

„In questa vita non cerco il perdono.“

—  Gue Pequeno rapper italiano 1980

da Puoi toccarmi
Bravo Ragazzo

Vladimir Putin photo

„Perdonare i terroristi spetta a Dio, a me spetta mandarceli.“

—  Vladimir Putin politico russo 1952

Attribuite

Jane Austen photo

„Avrei potuto perdonare la sua Vanità se non avesse mortificato la mia.“

—  Jane Austen, libro Orgoglio e pregiudizio

libro Orgoglio e pregiudizio

Oscar Wilde photo
Oscar Wilde photo

„La società spesso perdona il criminale; ma non perdona il sognatore.“

—  Oscar Wilde poeta, aforista e scrittore irlandese 1854 - 1900

Il critico come artista

John Fitzgerald Kennedy photo

„Perdona i tuoi nemici, ma non dimenticarti mai i loro nomi.“

—  John Fitzgerald Kennedy 35º presidente degli Stati Uniti d'America 1917 - 1963

Origine: Citato in Gino e Michele, Matteo Molinari, Le Formiche: anno terzo, Zelig Editore, 1995, § 1953.

Oscar Wilde photo

„Dopo un buon pranzo si può perdonare chiunque, persino i nostri parenti.“

—  Oscar Wilde poeta, aforista e scrittore irlandese 1854 - 1900

Variante: Dopo una buona cena possiamo perdonare chiunque.. perfino i nostri parenti.

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Oscar Wilde photo

„Perdona sempre i tuoi nemici; Niente li annoia così tanto.“

—  Oscar Wilde poeta, aforista e scrittore irlandese 1854 - 1900

Tutte frasi per il perdono

Un totale di 534 frasi perdono, il filtro:

Luciano Ligabue photo
Gesù photo
Francesco d'Assisi photo
Tiziano Ferro photo
Dalai Lama photo
Winston Churchill photo
Gesù photo
Pier Paolo Pasolini photo
Confucio photo
Vladimir Putin photo

„[Parlando dei guerriglieri ceceni, il 24 settembre 1999] Noi perseguiteremo dappertutto i terroristi, e quando li troveremo, mi perdoni l'espressione, li butteremo dritti nella tazza del cesso.“

—  Vladimir Putin politico russo 1952

Origine: Dal giornale russo мочить в сортире; citato in Sebastian Smith, Grozny gangsters hold sway in a wasteland created by Russia http://www.timesonline.co.uk/tol/news/world/article401633.ece, Times, 11 dicembre 2004.

Papa Giovanni Paolo II photo

„Non c'è pace senza giustizia, non c'è giustizia senza perdono.“

—  Papa Giovanni Paolo II 264° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1920 - 2005

dal messaggio per la celebrazione della Giornata Mondiale della Pace http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/messages/peace/documents/hf_jp-ii_mes_20011211_xxxv-world-day-for-peace_it.html, 1° gennaio 2002

Nelson Mandela photo
Winston Churchill photo
Oreste Benzi photo

„La preghiera di molti alle volte è sterile perché manca di una condizione essenziale: il perdono.“

—  Oreste Benzi presbitero italiano 1925 - 2007

Pane quotidiano – marzo/aprile 2009

Madre Teresa di Calcutta photo

„Si devono amare gli animali per essere più vicini a Dio perché ti danno tutto, senza chiedere niente. Perché contro il potere dell'uomo con le armi sono indifesi. Perché sono eterni bambini. Perché non conoscono il denaro e si consolano solamente con un posto dove rifugiarsi dal freddo. Perché si fanno capire senza proferire parola. Perché non conoscono invidia né rancore. Perché il perdono è ancora naturale in loro. Perché sanno amare con lealtà e fedeltà. Perché vivono senza avere una lussuosa dimora. Perché non comprano l'amore, semplicemente lo aspettano. Perché sono nostri compagni, eterni amici che niente potrà separare. Perché sono vivi. Per questo e altre mille cose meritano il nostro amore. Se impariamo ad amarli come meritano, saremo molto vicini a Dio.“

—  Madre Teresa di Calcutta religiosa e beata albanese 1910 - 1997

Attribuite
Origine: Brano citato da Silvio Berlusconi in un discorso agli iscritti del suo partito e postato sulla propria pagina Facebook il 29 marzo 2014; citato in Berlusconi a caccia di nuovi consensi. «Ogni cane, un voto» http://www.iltempo.it/politica/2014/03/30/news/berlusconi-a-caccia-di-nuovi-consensi-ogni-cane-un-voto-934081/, IlTempo.it, 30 marzo 2014. Il brano è rintracciabile su internet già prima di tale data, in varie pagine web di argomento animalista, con un inizio leggermente diverso ("Perché amare gli animali? Perché ti danno tutto, senza chiedere niente", in inglese "Why Should We Love Animals? Because they give everything asking for nothing back").

Jovanotti photo

„Si perdono le origini nel buco del tempo ma tutto si conserva nelle profondità.“

—  Jovanotti cantautore, rapper e disc jockey italiano 1966

da Temporale, n. 7
Safari

Roberto Benigni photo
Alexis De Tocqueville photo

„Può tuttavia accadere che un gusto eccessivo per i beni materiali porti gli uomini a mettersi nelle mani del primo padrone che si presenti loro. In effetti, nella vita di ogni popolo democratico, vi è un passaggio assai pericoloso. Quando il gusto per il benessere materiale si sviluppa più rapidamente della civiltà e dell'abitudine alla libertà, arriva un momento in cui gli uomini si lasciano trascinare e quasi perdono la testa alla vista dei beni che stanno per conquistare.
Preoccupati solo di fare fortuna, non riescono a cogliere lo stretto legame che unisce il benessere di ciascuno alla prosperità di tutti. In casi del genere, non sarà neanche necessario strappare loro i diritti di cui godono: saranno loro stessi a privarsene volentieri… Se un individuo abile e ambizioso riesce a impadronirsi del potere in un simile momento critico, troverà la strada aperta a qualsivoglia sopruso. Basterà che si preoccupi per un po' di curare gli interessi materiali e nessuno lo chiamerà a rispondere del resto. Che garantisca l'ordine anzitutto! Una nazione che chieda al suo governo il solo mantenimento dell'ordine è già schiava in fondo al cuore, schiava del suo benessere e da un momento all'altro può presentarsi l'uomo destinato ad asservirla. Quando la gran massa dei cittadini vuole occuparsi solo dei propri affari privati i più piccoli partiti possono impadronirsi del potere.
Non è raro allora vedere sulla vasta scena del mondo delle moltitudini rappresentate da pochi uomini che parlano in nome di una folla assente o disattenta, che agiscono in mezzo all'universale immobilità disponendo a capriccio di ogni cosa: cambiando leggi e tiranneggiando a loro piacimento sui costumi; tanto che non si può fare a meno di rimanere stupefatti nel vedere in che mani indegne e deboli possa cadere un grande popolo.“

—  Alexis De Tocqueville, libro La democrazia in America

citato in Umberto Eco, Considerazioni attuali, L'espresso, n. 20, anno LIV, 22 maggio 2008, p. 222
La democrazia in America

Cassandra Clare photo
Carlo Carretto photo
Friedrich Nietzsche photo

„E se un amico ti fa del male, devi dire: «Io ti perdono ciò che hai fatto a me; ma come potrei perdonarti di aver fatto ciò – a te stesso!».“

—  Friedrich Nietzsche filosofo, poeta, saggista, compositore e filologo tedesco 1844 - 1900

Dei compassionevoli

Oriana Fallaci photo
Khaled Hosseini photo
Lev Jašin photo

„Se non sei tormentato dopo aver fatto un errore, non sei un grande portiere. In quel momento, non importa quello che hai fatto in passato, perché sembra non avere futuro.“

—  Lev Jašin calciatore e hockeista su ghiaccio sovietico 1929 - 1990

Origine: Citato in Massimiliano Nerozzi, Buffon: "Non mi perdono l'errore". E la Juve difende il suo numero 1 http://www.lastampa.it/2012/05/04/sport/calcio/qui-juve/buffon-non-mi-perdono-l-errore-e-la-juve-difende-il-suo-numero-XTkOnsbg3XmloZ9yi0Nw0K/pagina.html, La Stampa.it, 4 maggio 2012.

Margherita Hack photo
Rudyard Kipling photo
Oriana Fallaci photo
Oscar Wilde photo
Andrzej Sapkowski photo

„Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il sangue degli elfi

Yarpen Zigrin, cap. 4
Il sangue degli elfi
Variante: «Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.»

Enzo Ferrari photo
Nikolaj Vasiljevič Gogol photo
Sant'Ambrogio photo

„Quando domandi perdono per te, allora è proprio quello il momento di ricordarti che devi concederlo agli altri.“

—  Sant'Ambrogio vescovo, scrittore e santo romano 339 - 397

Caino e Abele

Maria Stuarda photo

„Vi perdono con tutto il mio cuore, perché ora io spero che porrete fine a tutte le mie angustie.“

—  Maria Stuarda regina di Scozia, Francia e d'Inghilterra 1542 - 1587

Parole rivolte al boia, prima di essere decapitata, l'8 febbraio 1587
Origine: Citato in Antonia Fraser, Maria Stuart: La tragedia di una regina, p. 590.

Vujadin Boškov photo
Kaos One photo
Robert Sarah photo
Alexandre Dumas (padre) photo
Romolo Valli photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Thomas Szasz photo

„Lo stupido non perdona né dimentica. L'ingenuo perdona e dimentica. Il saggio perdona ma non dimentica.“

—  Thomas Szasz psichiatra 1920 - 2012

Origine: Da The Second Sin https://equalityfiles.files.wordpress.com/2013/12/thomas_szasz_the_second_sin.pdf, 1973, in "Personal Conduct", p. 51.

Josemaría Escrivá de Balaguer photo
Jean Vanier photo
Friedrich Nietzsche photo
Bertrand Russell photo

„Ogni azione umana crea continuamente dei vuoti e dei pieni, apre delle parentesi che dovranno venir chiuse. Se l'uomo fa il male come reazione al male, chiude una parentesi aperta dal male inferto; se fa il male per il male, apre una parentesi creando un vuoto che gli attirerà del male. Così avviene per il bene. Se l'uomo usa generosità per attirare generosità, apre e chiude questa parentesi; ma se è generoso con chi non potrà ricambiarlo, apre un vuoto di bene in cui entrerà dell'altro bene per colmarlo.
Quando uno fa del male come reazione a un male, chiude la parentesi del male; in questo caso vige la legge del taglione, chi è stato offeso può domandare giustizia: giustizia che è sempre una larvata forma di vendetta e, una volta soddisfatta l'esigenza di giustizia, la parentesi è chiusa, l'offensore ha pagato, non deve più nulla; l'offeso non ha più alcun diritto. Ma se chi ha ricevuto l'offesa non reagisce, l'offensore apre in sé un vuoto che sarà fatalmente ricolmato da un'altra offesa, anche se interviene il perdono dell'offeso.
Una legge severa presiede a questi meccanismi; così colui che fa il bene, e di questo riceve la ricompensa e la gratitudine del beneficato, chiude la parentesi, e il benefattore ha ricevuto la sua ricompensa; se invece la generosità è gratuita, se l'amore non è limitato da nessuna finalità, se qualcuno rivolge la sua forza di amore e di dono a chi non potrà rispondergli con altra generosità e amore, si stabilisce una corrente di vuoto che sarà colmata da altra generosità e da altro amore.
Le nostre azioni, le nostre opere di cristiani dovranno essere contrassegnate dall'apertura di una assoluta gratuità: questa stabilirà un continuo flusso di bene e di grazia tra il cielo e noi. E ci libererà da tutte quelle solidificazioni create dall'ambizione vanitosa di porre una finalità alle nostre azioni, anche a quelle che riteniamo più conformi alle qualità cristiane. Amiamo «per», preghiamo «per», facciamo delle opere sociali «per»; motivare l'amore non è amare, avere una ragione per donare non è dono puro, avere una motivazione per pregare non è preghiera.“

—  Giovanni Vannucci presbitero e teologo italiano 1913 - 1984

La vita senza fine

Margaret Atwood photo
Citát „Questo perdono ci chiediamo e ci concediamo a vicenda.“
Quinto Orazio Flacco photo

„Questo perdono ci chiediamo e ci concediamo a vicenda.“

—  Quinto Orazio Flacco poeta romano -65 - -8 a.C.

11

Annibale Maria Di Francia photo
Carlos Ruiz Zafón photo

„In questa vita si perdona tutto, tranne dire la verità.“

—  Carlos Ruiz Zafón, libro Il prigioniero del cielo

The Prisoner of Heaven
Il prigioniero del cielo

Enzo Jannacci photo
Oreste Benzi photo

„Il perdono è segno di amore a Dio perché se io non perdono vuol dire che ho qualche cosa che è più importante di Dio.“

—  Oreste Benzi presbitero italiano 1925 - 2007

Pane quotidiano – marzo/aprile 2009

Dalila Di Lazzaro photo
Marco Travaglio photo

„Dipendesse da me, il crocifisso resterebbe appeso nelle scuole. E non per le penose ragioni accampate da politici e tromboni di destra, centro, sinistra e persino dal Vaticano. Anzi, se fosse per quelle, lo leverei anch'io. […] Se dobbiamo difendere il crocifisso come "arredo", tanto vale staccarlo subito. Gesù in croce non è nemmeno il simbolo di una "tradizione" (come Santa Klaus o la zucca di Halloween) o della presunta "civiltà ebraico-cristiana" (furbesco gingillo dei Pera, dei Ferrara e altri ateoclericali che poi non dicono una parola sulle leggi razziali contro i bambini rom e sui profughi respinti in alto mare). Gesù Cristo è un fatto storico e una persona reale, morta ammazzata dopo indicibili torture, pur potendosi agevolmente salvare con qualche parola ambigua, accomodante, politichese, paracula. È, da duemila anni, uno "scandalo" sia per chi crede alla resurrezione, sia per chi si ferma al dato storico della crocifissione. L'immagine vivente di libertà e umanità, di sofferenza e speranza, di resistenza inerme all'ingiustizia, ma soprattutto di laicità ("date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio") e gratuità ("Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno"). Gratuità: la parola più scandalosa per questi tempi dominati dagli interessi, dove tutto è in vendita e troppi sono all'asta. Gesù Cristo è riconosciuto non solo dai cristiani, ma anche dagli ebrei e dai musulmani, come un grande profeta. Infatti fu proprio l'ideologia più pagana della storia, il nazismo – l'ha ricordato Antonio Socci – a scatenare la guerra ai crocifissi. È significativo che oggi nessun politico né la Chiesa riescano a trovare le parole giuste per raccontarlo. […] Basterebbe raccontarlo a tanti ignorantissimi genitori, insegnanti, ragazzi: e nessuno – ateo, cristiano, islamico, ebreo, buddista che sia – si sentirebbe minimamente offeso dal crocifisso. Ma, all'uscita della sentenza europea, nessun uomo di Chiesa è riuscito a farlo. Forse la gerarchia è troppo occupata a fare spot per l'8 per mille, a batter cassa per le scuole private e le esenzioni fiscali, a combattere Dan Brown e Halloween, e le manca il tempo per quell'uomo in croce. Anzi, le mancano proprio le parole. Oggi i peggiori nemici del crocifisso sono proprio i chierici. E i clericali.“

—  Marco Travaglio giornalista, saggista e scrittore italiano 1964

da Ma io difendo quella croce, 5 novembre 2009
Il Fatto Quotidiano

Michel De Montaigne photo
Ágnes Heller photo

„Il perdono è l'essenza dell'amore. Amare è perdonare, perdonare è amare.“

—  Andrew Greeley 1928 - 2013

Origine: Ascesa all'inferno, p. 113

Roberto Gervaso photo

„La donna ti perdona tutto. Anche i propri tradimenti.“

—  Roberto Gervaso storico, scrittore, giornalista 1937

L'ora di psicologia (femminile...)
La vita è troppo bella per viverla in due

Torquato Tasso photo

„Amico, hai vinto: io ti perdon…; perdona.“

—  Torquato Tasso, libro Gerusalemme liberata

XII, 66
Gerusalemme liberata

Antonello Venditti photo

„E se amor che a nullo ho amato, | amore, amore mio perdona' | in questa notte fredda | mi basta una parola.“

—  Antonello Venditti cantautore italiano 1949

da Ci vorrebbe un amico, n. 5
Cuore
Origine: Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, V canto, v. 103: «Amor, ch'a nullo amato amar perdona, | [...]».

Joël Dicker photo
Anaïs Nin photo
Charles Bukowski photo
Massimo Scaligero photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
William Booth photo
William Blake photo

„Il verme tagliato perdona l'aratro.“

—  William Blake poeta, incisore e pittore inglese 1757 - 1827

Il Matrimonio del Cielo e dell'Inferno, Proverbi infernali

François de La  Rochefoucauld photo

„Si perdona finché si ama.“

—  François de La Rochefoucauld scrittore, filosofo e aforista francese 1613 - 1680

330
Massime, Riflessioni morali

José Saramago photo
Miguel de Cervantes photo
Dietrich Bonhoeffer photo

„Grazia a buon prezzo è annunzio del perdono senza pentimento.“

—  Dietrich Bonhoeffer teologo tedesco 1906 - 1945

Sequela

Voltaire photo

„Ama la verità, ma perdona l'errore.“

—  Voltaire filosofo, drammaturgo, storico, scrittore, poeta, aforista, enciclopedista, autore di fiabe, romanziere e saggista fran… 1694 - 1778

Ernest Hemingway photo
Tom Regan photo
Tito Lívio photo

„Le leggi non stanno ad ascoltare, non si lasciano commuovere dalle preghiere, recano al povero vantaggi maggiori che al ricco, e, se si sgarra, non concedono indulgenza o perdono.“

—  Tito Lívio, libro Ab Urbe condita libri

II, 3; 1997
[L]eges rem surdam, inexorabilem esse, salubriorem melioremque inopi quam potenti; nihil laxamenti nec veniae habere, si modum excesseris.
Ab urbe condita, Proemio – Libro X

Alessandro Baricco photo

„La gente fa così, è cattiva con quelli che perdono.“

—  Alessandro Baricco, Novecento

Novecento. Un monologo

Marcello Marchesi photo

„Che Dio ti perdoni. E ti perdonerà. È il suo mestiere.“

—  Marcello Marchesi comico, sceneggiatore e regista italiano 1912 - 1978

Origine: Heinrich Heine, ultime parole: «Dio mi perdonerà. È il suo mestiere.»
Origine: Il malloppo, p. 91

Jennifer Capriati photo
Claudio Lotito photo

„[Riferendosi al calciatore Valon Behrami che aveva utilizzato l'articolo 17 della FIFA] Se lo svizzero dovesse pentirsi io, da cattolico, sono pronto al perdono, ma il ravvedimento deve essere autentico.“

—  Claudio Lotito imprenditore e dirigente sportivo italiano 1957

Origine: Citato in Lotito show, tra mister X e il Vangelo... http://www.goal.com/it/Articolo.aspx?ContenutoId=727588, Goal.com, 8 giugno 2008.

Tiger Woods photo

„[Dopo lo scandalo] Sono profondamente consapevole della delusione e del dolore che la mia infedeltà ha causato a così tante persone e soprattutto a mia moglie e ai miei figli. Voglio dire a tutti che mi dispiace e chiedo perdono. Forse non sarà possibile riparare il danno che ho fatto, ma voglio fare di tutto per provarvi.“

—  Tiger Woods golfista statunitense 1975

Origine: Citato in Paolo Valentino, Tiger sconfitto dalla moglie «Lascio il golf, ho sbagliato» https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2009/dicembre/13/Tiger_sconfitto_dalla_moglie_Lascio_co_8_091213043.shtml, Corriere della sera, 13 dicembre 2009.

„Ma passami un altro errore, rimettilo al tuo perdono se tanto uno sbaglio fatto è pure uno sbaglio in meno.“

—  Niccolò Agliardi cantautore italiano 1974

da Più musica e meno testo n. 8
Non vale tutto

Claudio Baglioni photo

„Quaggiù stò a chiedere perdono se non sono un uomo giusto, ma sono giusto un uomo.“

—  Claudio Baglioni cantautore italiano 1951

Io sono qui

Giorgio Bassani photo

„E proprio mentre il corpo t'abbandona | che sembra che trattieni il respiro | dal cielo Dio s'affaccia e ti perdona | e sembra che ti vuole davvero.“

—  Massimo Morsello cantautore, imprenditore e terrorista italiano 1958 - 2001

da punto di non ritorno

Carmelo Bene photo

„Perdono, perdono. Tu mi perdoni padre mio, non è vero? Tu mi perdoni, in fondo mi conosci.“

—  Carmelo Bene attore, drammaturgo e regista italiano 1937 - 2002

"Amleto" televisivo di C. Bene, Rai 1977

Ruggero Pesce photo

„Ben venga la tecnologia, dunque, perché rappresenta certamente il futuro, ma ricordiamo che l'elemento uomo, che parrebbe da essa quasi relegato in secondo piano, rimane il centro, il motore, l'anima di quest'universo che ci sforziamo di governare. L'uomo e l'inquietudine, figlia dei tempi, che l'accompagna.
Perché inquietudine? Guardiamo in particolare al mondo della Magistratura e pensiamo all'aria avvelenata in cui essa si trova troppo spesso ad operare, e ci chiediamo se ciò avvenga per colpe proprie ovvero per gratuiti e interessati attacchi esterni. Ma è vano cercare di sciogliere il dilemma; occorre invece che ci si adoperi con ogni energia per togliere voce a quanti imputano ad alcuni esponenti della magistratura scarsa diligenza o vanità personale o spinte ideologiche che li orienterebbero altrove rispetto a un'interpretazione corretta e serena della norma. Se queste incrostazioni esistono devono essere rimosse perché lo esige la collettività e lo merita la stragrande maggioranza dei magistrati, per i quali la disposizione prevalente è quella della dedizione incondizionata, della volontà tenace di esercitare il proprio ministero in vista del solo bene comune, con spirito di sacrificio e senza clamori: nel silenzio che spesso non paga ma è dignità di servizio e gratificazione di coscienza. Parimenti, non sono più sopportabili quegli attacchi gratuiti, di provenienza varia, ingeneroso esercizio ormai troppo diffuso di quanti applicano la regola secondo cui la miglior difesa consiste nel distruggere l'immagine del "nemico". Il convincimento da taluni nutrito, da altri propagandato, del giudice come di un soggetto onnipotente e sordo ai problemi di coscienza, e teso a chissà quali fini impropri, è fasullo e banale: quanti ci sono vicini per ragioni di lavoro o affettive conoscono l'ansia del dubitare, la paura di non sapere offrire le corrette risposte, di non poter cogliere il frutto che a volta pare proibito e si chiama giustizia.
Non c'è e non ci può essere indifferenza nell'atto del giudicare. Non si avvia un uomo al calvario di un processo penale né lo si condanna con il sorriso sulle labbra, non si respinge un immigrato onesto con una scrollata di spalle, non si toglie un bambino a una madre o a un padre senza subirne un contraccolpo doloroso come un pugno nello stomaco. Stati d'animo con i quali il buon magistrato fa i conti in compagnia delle sole voci di dentro che impietosamente gli ricordano giorno dopo giorno come una decisione sbagliata possa stravolgere una vita e uccidere una speranza.
Rubo ancora un minuto alla vostra pazienza per un'ultima annotazione: entro pochi giorni o settimane un gruppo di magistrati milanesi chiuderà la propria attività, e a loro voglio dire: per quaranta e più anni s'è combattuta, credo, la buona battaglia – mi perdoni San Paolo per la citazione che non vuole essere irriverente – e ho speranza che ora, giunti al termine della corsa, integra si sia conservata in ognuno la fiducia negli ideali per i quali tutti fummo avviati a questo lavoro. A quanti operano e opereranno nel mondo del diritto, magistrati, avvocati, personale amministrativo, ai giovani soprattutto, auguro di raccogliere in abbondanza, forti del loro impegno e con l'aiuto di Dio, i frutti di quanto di buono si va seminando perché questo Paese, che è stato la culla del diritto e che a volte ci dilettiamo noi stessi a bistrattare al di là dei suoi demeriti, mentre dispensiamo ammirazione incondizionata a quasi tutti gli altri popoli del mondo che hanno invece, quasi tutti, tanto da imparare; questo Paese al quale, fuor d'ogni retorica, credete, mi onoro e sono fiero di appartenere, rivendichi e riprenda il suo ruolo di portabandiera nella faticosa ma entusiasmante corsa di civiltà che porta al traguardo della Giustizia.“

—  Ruggero Pesce giudice italiano 1938

da Discorso di inaugurazione dell'anno giudiziario 2010 per il distretto della Corte d'Appello di Milano del Presidente Ruggero Pesce http://it.wikisource.org/wiki/Discorso_di_inaugurazione_dell%27anno_2010_per_il_distretto_della_Corte_d%27Appello_di_Milano

Laura Morante photo
Domenico di Guzmán photo

„[…] Io crederei, Beatissimo Padre, che a rimunerare in qualche modo la fede ardente del sig. Duca, V. S. dovesse avere la benignità di conferire o a lui, o a suo fratello Don Rodrigo, canonico della cattedrale di Tolosa, la sacra porpora, la quale egli si ha già acquistato con le sue escursioni tingendola nel sangue maledetto di quegli sciagurati.
Basta che in questi paesi si senta il suo nome perché gli eretici Albigesi tremino da capo a piedi. Il suo costume è di andare per le corte spacciando in un sol colpo i più arrabbiati. Quanti gliene capitano nelle mani, costringe a professare la nostra fede con la formola ingiunta da V. S. Se ricusano, li fa battere ben bene mentre che si accende il rogo. Quindi interrogati se si sien pentiti ed ascoltato che no, conchiude: "O credi o muori". Li mettono ad ardere a fuoco lento per dare loro tempo di pentirsi, e di meritare l'eterno perdono.
Alcuno di questi miserabili, benché assai raramente, sullo spirare ha dato segni di ritrattazione e di orrore della morte che meritamente subiva; ed io mi consolavo nel Signore osservando quegli atti che potevano essere indizio di pentimento. Quando più essi si dibattevano tanto più noi godevamo nella speranza che quelle brevi pene fruttassero loro il gaudio eterno, dove speriamo di trovarli salvi nel santo paradiso quando al Signore piacerà di chiamarci agli eterni riposi.
Intorno poi agli altri che furono sedotti, e perciò meno rei, non si costuma di condannarli subito, ma per esercitare con essi quella carità che il nostro Salvatore comanda, da principio si risparmia loro la vita ed invece si adoprano alcuni tormenti i quali per quanto siano gravi alla carne, sono infinitamente più lievi degli altri riserbati allo spirito nelle fiamme eterne. Si adoprano rotelle, eculei, letti di ferro, stirature, tenaglie ed altre simili mortificazioni del corpo, che secondo la legge del nostro Signor G. Cristo dev'essere macerato in terra per averlo glorioso nella vita eterna.
In altra mia mi farò un dovere di rallegrare il cuore della Santità Vostra, con più minuta narrazione di questa opera che il Signore si compiace di fare per nostro mezzo. Intanto, prostrato al sacro piede della S. V., imploro per me e per questi miei collaboratori e compagni l'apostolica benedizione e mi dichiaro
della S. V. Re dei Re e Pastore dei Pastori
l'ultimo dei servi e figli
Domenico Guzman.“

—  Domenico di Guzmán presbitero spagnolo 1170 - 1221

Citato in Giuseppe Garibaldi, Il governo dei preti, Kaos edizioni, 2006

„Non ti fidar mai d'una persona, che tu abbia offeso perché è verissima la sentenza, che l'offeso non perdona mai.“

—  Filiberto Gherardo Scaglia conte di Verrua 1561 - 1619

LXIV
Avvertimenti politici per quelli che vogliono entrare in corte del signor conte di Verrua

Khaled Hosseini photo
Fernanda Pivano photo
Martín Lutero photo

„Tutto il regno di Cristo è perdono dei peccati.“

—  Martín Lutero teologo tedesco 1483 - 1546

Origine: Breviario, p. 178