Frasi di Nikolaj Vasiljevič Gogol

Nikolaj Vasiljevič Gogol foto
68  12

Nikolaj Vasiljevič Gogol

Data di nascita: 1. Aprile 1809
Data di morte: 4. Marzo 1852
Altri nomi:Nikolái Vasílievich Gógol,Nikolaj Gogol',Nicolau Gogol,Nikolai Wassiljewitsch Gogol,Nikolaj Vasilievič Gogoľ

Pubblicità

Nikolaj Vasil'evič Gogol' è stato uno scrittore e drammaturgo russo. Gogol' è considerato uno dei grandi della letteratura russa. Già maestro del Realismo, si distinse per la grande capacità di raffigurare situazioni satirico-grottesche sullo sfondo di una desolante mediocrità umana, o di quella che è stata definita pošlost' con uno stile visionario e fantastico tanto da essere definito da molti critici un precursore del Realismo magico. Tra le opere più significative si ricordano i racconti Taras Bul'ba e Arabeschi , la commedia L'ispettore Generale , la raccolta I Racconti di Pietroburgo e il romanzo Le anime morte .

Frasi Nikolaj Vasiljevič Gogol

Pubblicità

„I cani sono gente di cervello, conoscono ogni nesso politico.“

— Nikolaj Vasiljevič Gogol
da Il diario di un pazzo, in I racconti degli «Arabescchi», p. 87

Pubblicità

„È piú che dubbioso che l'eroe da noi scelto sia piaciuto ai lettori. Alle signore non piacerà, questo si può dir di sicuro, giacché le signore esigono che l'eroe sia una perfezione assoluta, e basta che abbia, nell'anima o nel corpo, una qualsiasi macchiolina – apriti cielo! Per quanto profondo sia sceso in lui lo sguardo dell'autore, per quanto abbia reso con piú nettezza d'uno specchio la sua immagine, non gliene riconosceranno il minimo pregio. La stessa complessione pienotta e la mezza età di Číčikov gli saranno di grave pregiudizio: la complessione pienotta non verrà a nessun patto perdonata al nostro eroe, e moltissime signore, torcendo il viso dall'altra parte, diranno: – Pfu! com'è detestabile! – Ahimè, son tutte cose che l'autore sa bene; e, nonostante tutto, egli non può scegliere per suo eroe un uomo virtuoso. Ma... chissà, nel corso di questa stessa narrazione, si faranno sentire altre corde, non tocche fin qui; verrà a risaltare la smisurata ricchezza dello spirito russo; apparrà un uomo dotato di virtú sovrumane, o una di quelle prodigiose giovinette russe, come altrove non se ne trovano al mondo, in tutta la stupenda bellezza della sua anima femminile, tutta aspirazioni magnanime e spirito di sacrificio. E morti sembreranno, di fronte a loro, tutti gl'individui virtuosi dell'altre stirpi, com'è morto un libro di fronte alla viva parola! Si solleveranno i moti propri dell'indole russa... e si vedrà quanto a fondo sia penetrato nella natura slava ciò che ha sfiorato appena la natura degli altri popoli... Ma a che scopo parlare di quello che è innanzi? Non si conviene all'autore, che è un uomo educato ormai da gran tempo alla severa vita interiore e alla fredda lucidità della solitudine, lasciarsi trasportare come un giovanotto. A ogni cosa il suo turno, e il suo luogo, e il suo tempo! Ma l'uomo virtuoso, no, non l'abbiamo scelto a nostro eroe. E possiamo anche dire perché non l'abbiamo scelto. Perché è tempo, una buona volta, di concedere un po' di riposo al povero uomo virtuoso; perché a vuoto gira su tutte le labbra la parola uomo virtuoso; perché hanno ridotto a un cavallo l'uomo virtuoso, e non c'è scrittore che non ci scarrozzi, incitandolo colla frusta, o qualunque altra cosa gli capiti; perché hanno talmente massacrato l'uomo virtuoso, che ormai non c'è piú in lui neppur l'ombra della virtú – gli sono restate le coste e la pelle, al posto del corpo; perché ipocritamente si fa venire in ballo l'uomo virtuoso; perché non si rispetta, l'uomo virtuoso. No, è tempo, una buona volta, d'attaccare alle stanghe anche un farabutto. Suvvia dunque, attacchiamo questo farabutto!“

— Nikolaj Vasiljevič Gogol
I, 11; 1977, p. 223

Pubblicità

„Cosí diranno molti lettori, e rimprovereranno l'autore d'inverosimiglianza, o daranno dell'imbecille ai poveri funzionari, giacché l'uomo è generoso di questa parola imbecille, e pronto a somministrarla venti volte al giorno al suo prossimo. È sufficiente, di dieci lati, averne uno un po' sciocco, per esser spacciato imbecille a onta dei nove buoni. Ai lettori riesce facile trinciar giudizi guardando dal loro angolo tranquillo, da una sommità da cui è tutta aperta la visuale su tutto quanto avviene in basso, dove l'uomo scorge soltanto gli oggetti vicini. Anche negli annali universali dell'umanità vi sono addirittura molti secoli, che, si direbbe, andrebbero cancellati e annullati, come superflui. Molti errori si sono compiuti a questo mondo, tali che, si direbbe, ora non li farebbe neppure un bambino. Che strade tortuose, cieche, anguste, impraticabili, lontane dal giusto orientamento, ha scelto l'umanità nel suo conato di pervenire alla verità eterna, mentre pure aveva innanzi tutta aperta la retta via, simile a quella che conduce alle splendide stanze, destinate all'imperatore in una reggia! Piú larga di tutte l'altre vie, piú fastosa era questa, rischiarata dal sole e illuminata tutta notte dai fuochi: ma fuori di essa, nella fitta oscurità, ha proceduto il flusso degli uomini. E quante volte, già guidati da un pensiero che scendeva dai cieli, essi hanno ancora saputo deviare e smarrirsi, hanno saputo nel pieno fulgore del giorno cacciarsi un'altra volta nei fondi impraticabili, hanno saputo un'altra volta spandersi l'un l'altro negli occhi una cieca nebbia, e vagando dietro ai fuochi fatui, hanno pur saputo spingersi fin sull'orlo dell'abisso, per poi, inorridendo, domandarsi l'un l'altro: – Dov'è l'uscita? dov'è la via? – Ora tutto appare chiaro alla generazione che passa, e si meraviglia degli errori, ride della semplicità dei suoi antenati, e non vede che un fuoco celeste irradia tutti questi annali, che grida da essi ogni lettera, e che di là, penetrante, un dito s'appunta proprio su essa, su essa, la generazione che passa. Ma ride la generazione che passa, e sicura di sé, orgogliosa, dà inizio a una nuova serie di errori, sui quali a loro volta rideranno i posteri.“

— Nikolaj Vasiljevič Gogol
I, 10; 1977, p. 210

Avanti
Anniversari di oggi
Noyz Narcos foto
Noyz Narcos129
rapper, beatmaker e writer italiano 1979
 Nerone foto
Nerone2
imperatore romano 37 - 68
Licio Gelli foto
Licio Gelli24
faccendiere e giornalista italiano 1919 - 2015
Toro Seduto foto
Toro Seduto7
condottiero nativo americano 1831 - 1890
Altri 77 anniversari oggi
Autori simili
Leopold von Sacher-Masoch foto
Leopold von Sacher-Masoch10
giornalista, romanziere e scrittore austriaco
Karel Čapek foto
Karel Čapek31
giornalista, scrittore e drammaturgo ceco
Xavier Forneret foto
Xavier Forneret37
poeta, scrittore, giornalista, drammaturgo
Henry De Montherlant foto
Henry De Montherlant202
scrittore e drammaturgo francese
Irvine Welsh foto
Irvine Welsh49
scrittore scozzese
Gerolamo Rovetta foto
Gerolamo Rovetta17
scrittore e drammaturgo italiano
Giuseppe Giacosa foto
Giuseppe Giacosa4
drammaturgo, scrittore e librettista italiano
Joseph Addison foto
Joseph Addison9
politico, scrittore e drammaturgo britannico
Alfred De Vigny foto
Alfred De Vigny8
poeta, scrittore, drammaturgo
Guido Ceronetti foto
Guido Ceronetti184
poeta, filosofo e scrittore italiano