Frasi di Nikolaj Vasiljevič Gogol

Nikolaj Vasiljevič Gogol photo
69   15

Nikolaj Vasiljevič Gogol

Data di nascita: 19. Marzo 1809
Data di morte: 21. Febbraio 1852
Altri nomi: Nikolái Vasílievich Gógol, Nikolaj Gogol', Nicolau Gogol, Nikolai Wassiljewitsch Gogol, Nikolaj Vasilievič Gogoľ

Nikolaj Vasil'evič Gogol'-Janovskij è stato uno scrittore e drammaturgo russo.

Gogol' è considerato uno dei grandi della letteratura russa. Già maestro del realismo, si distinse per la grande capacità di raffigurare situazioni satirico-grottesche sullo sfondo di una desolante mediocrità umana, o di quella che è stata definita pošlost' con uno stile visionario e fantastico tanto da essere definito da molti critici un precursore del realismo magico. Tra le opere più significative si ricordano i racconti Taras Bul'ba e Arabeschi , la commedia L'ispettore generale , la raccolta Racconti di Pietroburgo e il romanzo Le anime morte .

Lavori

Le anime morte
Nikolaj Vasiljevič Gogol
Mirgorod
Nikolaj Vasiljevič Gogol
Il ritratto
Nikolaj Vasiljevič Gogol
Il cappotto
Nikolaj Vasiljevič Gogol
Il naso
Nikolaj Vasiljevič Gogol
L'ispettore generale
Nikolaj Vasiljevič Gogol

„I cani sono gente di cervello, conoscono ogni nesso politico.“

—  Nikolaj Vasiljevič Gogol

Citazioni di Nikolaj Vasil'evič Gogol
Origine: Da Il diario di un pazzo, in I racconti degli «Arabescchi», p. 87

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„Cosí diranno molti lettori, e rimprovereranno l'autore d'inverosimiglianza, o daranno dell'imbecille ai poveri funzionari, giacché l'uomo è generoso di questa parola imbecille, e pronto a somministrarla venti volte al giorno al suo prossimo. È sufficiente, di dieci lati, averne uno un po' sciocco, per esser spacciato imbecille a onta dei nove buoni. Ai lettori riesce facile trinciar giudizi guardando dal loro angolo tranquillo, da una sommità da cui è tutta aperta la visuale su tutto quanto avviene in basso, dove l'uomo scorge soltanto gli oggetti vicini. Anche negli annali universali dell'umanità vi sono addirittura molti secoli, che, si direbbe, andrebbero cancellati e annullati, come superflui. Molti errori si sono compiuti a questo mondo, tali che, si direbbe, ora non li farebbe neppure un bambino. Che strade tortuose, cieche, anguste, impraticabili, lontane dal giusto orientamento, ha scelto l'umanità nel suo conato di pervenire alla verità eterna, mentre pure aveva innanzi tutta aperta la retta via, simile a quella che conduce alle splendide stanze, destinate all'imperatore in una reggia! Piú larga di tutte l'altre vie, piú fastosa era questa, rischiarata dal sole e illuminata tutta notte dai fuochi: ma fuori di essa, nella fitta oscurità, ha proceduto il flusso degli uomini. E quante volte, già guidati da un pensiero che scendeva dai cieli, essi hanno ancora saputo deviare e smarrirsi, hanno saputo nel pieno fulgore del giorno cacciarsi un'altra volta nei fondi impraticabili, hanno saputo un'altra volta spandersi l'un l'altro negli occhi una cieca nebbia, e vagando dietro ai fuochi fatui, hanno pur saputo spingersi fin sull'orlo dell'abisso, per poi, inorridendo, domandarsi l'un l'altro: – Dov'è l'uscita? dov'è la via? – Ora tutto appare chiaro alla generazione che passa, e si meraviglia degli errori, ride della semplicità dei suoi antenati, e non vede che un fuoco celeste irradia tutti questi annali, che grida da essi ogni lettera, e che di là, penetrante, un dito s'appunta proprio su essa, su essa, la generazione che passa. Ma ride la generazione che passa, e sicura di sé, orgogliosa, dà inizio a una nuova serie di errori, sui quali a loro volta rideranno i posteri.“

—  Nikolaj Vasiljevič Gogol

I, 10; 1977, p. 210

„Non questo è ciò che v'è di piú mirabile al mondo: il lieto in un baleno si converte in triste, se appena un po' a lungo ti ci fermi innanzi; e Allora Dio sa che cosa ti potrebbe frullar per la testa. Chissà, potresti addirittura finire a pensare: «Ma in fin dei conti, soltanto la Koròbočka sta cosí in basso sulla scala infinita della perfettibilità umana? È proprio tanto grande l'abisso che la divide dalla sorella inaccessibile fra le pareti d'una casa aristocratica, con infiorate scale di ghisa, bronzi splendenti, legni preziosi e tappeti, mentre sbadiglia su un libro che si forza a finire, in attesa d'una visita mondano-intellettuale, durante la quale avrà campo di far scintillare il suo spirito e di metter fuori pensieri imparati a memoria, pensieri che secondo le leggi della moda interessano la città per la durata d'una settimana: pensieri che non riguardano già quel che avviene in casa sua e nei suoi possedimenti, trascurati e in isfacelo per l'insipienza dei padroni, bensí quale rivolgimento politico stia preparandosi in Francia, o quale indirizzo abbia preso il cattolicesimo di moda?» Ma avanti, avanti! Perché parlare di questo? Ma perché, dunque, proprio nei momenti che non si pensa a nulla, e si è allegri, senza inquietudini, d'improvviso, per conto suo, ci traversa un'altra bizzarra corrente? Ancora il riso non ha fatto in tempo a sparire del tutto dal volto, e già sei diventato un altro fra le stesse persone di poc'anzi, già un'altra luce t'illumina il volto…“

—  Nikolaj Vasiljevič Gogol, libro Le anime morte

III; 1977, pp. 55-56
Le anime morte, Parte prima

„Ma non questa è la sorte, e ben altro è il destino dello scrittore, che osa evocare alla luce tutto quello che abbiam sempre sott'occhi, e che gli occhi indifferenti non percepiscono: tutto il tremendo, irritante sedimento delle piccole cose che impastoiano la nostra vita, tutta la profondità dei gelidi, frammentari, banali caratteri di cui ribolle, amaro a tratti e tedioso, il nostro viaggio terreno; e colla salda forza dell'implacabile cesello osa prospettarli ben in rilievo e in limpida luce agli occhi del mondo! […] giacché non riconosce, il giudizio contemporaneo, che sono allo stesso titolo mirabili le lenti che contemplano i soli, e quelli che rendono i movimenti degl'invisibili microrganismi; non riconosce, il giudizio contemporaneo, che grande profondità di spirito occorre a illuminare una scena tolta dalla vita vile, ed elevarla a perla della creazione; non riconosce, il giudizio contemporaneo, che l'alto, ispirato riso è degno di stare a paro coll'alto impeto lirico, e che un abisso lo divide dalle smorfie del pagliaccio da fiera! Non riconosce questo, il giudizio contemporaneo, e tutto inscrive a carico e a rampogna del misconosciuto scrittore: senza consensi, senza echi, senza simpatie, egli, come il viaggiatore senza famiglia, si ritrova solo lungo la strada. Aspro è il corso della sua vita, e amaramente egli sente la sua solitudine.“

—  Nikolaj Vasiljevič Gogol, libro Le anime morte

VII; 1977, pp. 131-132
Le anime morte, Parte prima

„Italia – magnifico paese! | Per te l'anima geme e si strugge…“

—  Nikolaj Vasiljevič Gogol

Citazioni di Nikolaj Vasil'evič Gogol
Origine: Citato in Quattro poeti russi per l'Italia, a cura di Mirella Meringolo, Poesia, n. 193 aprile 2005, Crocetti Editore

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

Autori simili

Anton Pavlovič Čechov photo
Anton Pavlovič Čechov52
scrittore, drammaturgo e medico russo
Ivan Sergeevič Turgenev photo
Ivan Sergeevič Turgenev24
scrittore e drammaturgo russo
Alexander Sergejevič Puškin photo
Alexander Sergejevič Puškin42
poeta, saggista, scrittore e drammaturgo russo
Alfred De Musset photo
Alfred De Musset12
poeta, scrittore e drammaturgo francese
Michail Jurjevič Lermontov photo
Michail Jurjevič Lermontov40
poeta, drammaturgo e pittore russo
Guy de Maupassant photo
Guy de Maupassant41
scrittore e drammaturgo francese
Helena Blavatsky photo
Helena Blavatsky1
filosofa e teosofa ucraina
Benito Pérez Galdós photo
Benito Pérez Galdós1
scrittore e drammaturgo spagnolo
Heinrich Von Kleist photo
Heinrich Von Kleist12
drammaturgo e poeta tedesco
Anniversari di oggi
Jovanotti photo
Jovanotti217
cantautore, rapper e disc jockey italiano 1966
Piero Calamandrei photo
Piero Calamandrei90
politico italiano 1889 - 1956
Henri Fréderic Amiel photo
Henri Fréderic Amiel31
filosofo, poeta e critico letterario svizzero 1821 - 1881
Francesco Totti photo
Francesco Totti25
calciatore italiano 1976
Altri 69 anniversari oggi
Autori simili
Anton Pavlovič Čechov photo
Anton Pavlovič Čechov52
scrittore, drammaturgo e medico russo
Ivan Sergeevič Turgenev photo
Ivan Sergeevič Turgenev24
scrittore e drammaturgo russo
Alexander Sergejevič Puškin photo
Alexander Sergejevič Puškin42
poeta, saggista, scrittore e drammaturgo russo
Alfred De Musset photo
Alfred De Musset12
poeta, scrittore e drammaturgo francese
Michail Jurjevič Lermontov photo
Michail Jurjevič Lermontov40
poeta, drammaturgo e pittore russo