Frasi di Andrzej Sapkowski

Andrzej Sapkowski photo
90   85

Andrzej Sapkowski

Data di nascita: 21. Giugno 1948

Andrzej Sapkowski è uno scrittore polacco.

È famoso principalmente per la serie di racconti fantasy con protagonista lo strigo Geralt di Rivia, da cui è stata tratta una serie di videogiochi iniziata con The Witcher nel 2007.

Lavori

La torre della rondine
La torre della rondine
Andrzej Sapkowski
Il sangue degli elfi
Il sangue degli elfi
Andrzej Sapkowski
Il battesimo del fuoco
Il battesimo del fuoco
Andrzej Sapkowski
La spada del destino
La spada del destino
Andrzej Sapkowski
Il tempo della guerra
Il tempo della guerra
Andrzej Sapkowski

Frasi Andrzej Sapkowski

„Ma, per dirla col vampiro Regis, procedere senza meta era meglio che stare fermi senza meta, e molto meglio che arretrare senza meta.“

—  Andrzej Sapkowski, libro La torre della rondine

Ranuncolo, cap. 3
La torre della rondine
Variante: Ma, per dirla col vampiro Regis, procedere senza meta era meglio che stare fermi senza meta, e molto meglio che arretrare senza meta

„Caldemeyn: Dove alloggerai? Perché non da me? C'è una stanza libera in soffitta, perché farsi pelare da quei ladri di locandieri? Così mi racconterai che cosa succede nel vasto mondo.
Geralt: Volentieri. Ma che cosa ne dirà la tua Libusze? L'ultima volta ho notato che non mi ama alla follia.
Caldemeyn: In casa mia le donne non hanno voce in capitolo. Però, detto tra noi, in sua presenza non rifare il numero che hai fatto l'ultima volta che hai cenato da noi.
Geralt: Alludi al fatto che ho lanciato la forchetta contro un ratto?
Caldemeyn: No, alludo al fatto che l'hai colpito, con tutto che era buio.“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il guardiano degli innocenti

Variante: "Ti tratterrai molto a Blaviken?"
"Poco. Non ho tempo per spassarmela. Arriva l'inverno."
"Dove alloggerai? Perché non da me? C'è una stanza libera in soffitta, perché farsi pelare da quei ladri di locandieri? Così mi racconterai che cosa succede nel vasto mondo."
"Volentieri. Ma che cosa ne dirà la tua Libusze? L'ultima volta ho notato che non mi ama alla follia."
"In casa mia le donne non hanno voce in capitolo. Però, detto tra noi, in sua presenza non rifare il numero che hai fatto l'ultima volta che hai cenato da noi."
"Alludi al fatto che ho lanciato la forchetta contro un ratto?"
"No, alludo al fatto che l'hai colpito, con tutto che era buio."

„Sulla strada dell'eternità, ognuno procederà lungo la propria scala, portando il proprio fardello“

—  Andrzej Sapkowski, libro La torre della rondine

Esterad Thyssen, cap. 8
La torre della rondine
Variante: «Sulla strada dell’eternità, ognuno procederà lungo la propria scala, portando il proprio fardello.»

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„Che ne dite? Sul ponte mi avete strappato una promessa. Vi premeva avere un bambino da prendere con voi come apprendista strigo, nient'altro. Perché quel bambino dovrebbe essere inatteso? Perché non potrebbe essere il contrario? Io ne ho due, che uno dei due studi da strigo. È un mestiere come un altro. Né migliore né peggiore.»
«Sei sicuro che non sia peggiore?» chiese piano Geralt.
Yurga socchiuse gli occhi. «Difendere la gente, salvare loro la vita, a vostro parere è una cosa buona o cattiva? Quei quattordici sull'altura, e voi sul ponte, che cosa avete fatto, del bene o del male?»
«Non lo so, Yurga. A volte mi sembra di saperlo. Vorresti che tuo figlio avesse certi dubbi?»
«Che li abbia pure. Perché sono una cosa umana e buona», rispose il mercante con aria seria.
«Che cosa?»
«I dubbi. Solo il male, signor Geralt, non ne ha mai. Ma nessuno sfugge al proprio destino.»“

—  Andrzej Sapkowski, libro La spada del destino

Miecz przeznaczenia
La spada del destino
Variante: «Che ne dite? Sul ponte mi avete strappato una promessa. Vi premeva avere un bambino da prendere con voi come apprendista strigo, nient'altro. Perché quel bambino dovrebbe essere inatteso? Perché non potrebbe essere il contrario? Io ne ho due, che uno dei due studi da strigo. È un mestiere come un altro. Né migliore né peggiore.»
«Sei sicuro che non sia peggiore?» chiese piano Geralt.
Yurga socchiuse gli occhi. «Difendere la gente, salvare loro la vita, a vostro parere è una cosa buona o cattiva? Quei quattordici sull'altura, e voi sul ponte, che cosa avete fatto, del bene o del male?»
«Non lo so, Yurga. A volte mi sembra di saperlo. Vorresti che tuo figlio avesse certi dubbi?»
«Che li abbia pure. Perché sono una cosa umana e buona», rispose il mercante con aria seria.
«Che cosa?»
«I dubbi. Solo il male, signor Geralt, non ne ha mai. Ma nessuno sfugge al proprio destino.»

„Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il sangue degli elfi

Yarpen Zigrin, cap. 4
Il sangue degli elfi
Variante: «Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.»

„In tutto il mondo l'onore è sceso di prezzo, perché al giorno d'oggi è una merce difficile da vendere.“

—  Andrzej Sapkowski, libro La torre della rondine

Esterhazy, cap. 4
La torre della rondine
Variante: In tutto il mondo l’onore è sceso di prezzo, perché al giorno d’oggi è una merce difficile da vendere

„Il borgomastro batté la mano sul tavolo. "Geralt, non rovinare l'idea che mi sono fatto degli strighi! La cosa va avanti da più di sei anni! La strige fa fuori fino a cinquecento persone l'anno… adesso un po' meno, perché tutti si tengono alla larga dal castello. No, amico mio, io credo agli incantesimi, ho visto tante cose e credo, fino a un certo punto, si capisce, nella perizia di maghi e strighi. Ma questa faccenda di liberare la strige dall'incantesimo è una frottola ideata da quel vecchio gobbo bavoso, rimbecillito dal cibo da eremita, una frottola cui non crede nessuno. A parte Foltest. No, Geralt, Adda ha partorito una strige perché è andata a letto con suo fratello, questa è la verità, e nessun incantesimo potrà farci niente. La strige, come tutte le sue simili, divora la gente e va uccisa, tutto qui. Ascolta, due anni fa certi montanari di un villaggio sperduto di Mahakam hanno affrontato compatti un drago che mangiava le loro pecore, lo hanno ammazzato a colpi di stanghe e non hanno neanche ritenuto opportuno vantarsene più di tanto. E noi di Wyzima invece siamo qui ad aspettare un miracolo e a ogni luna piena spranghiamo le porte o leghiamo i criminali a un palo davanti al maniero, fiduciosi che il mostro li divorerà e tornerà nella sua bara."
Lo strigo sorrise. "Niente male come metodo. La criminalità è diminuita?"“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il guardiano degli innocenti

"Neanche un po'."
Il guardiano degli innocenti

„Yurga: Non siete voi che dovete ringraziare, signore, ma io. Siete stato voi a salvarmi la vita, a ridurvi così per difendermi. E io? Io che cosa ho fatto? Ho medicato un uomo ferito e privo di sensi, l'ho caricato sul carro, non l'ho lasciato crepare? È una cosa normale, signor strigo.
Geralt: Non poi così normale, Yurga. Sono già stato abbandonato… in simili situazioni… come un cane…
Yurga: Eh, sì, viviamo in un mondo schifoso. Ma non è una buona ragione perché facciamo tutti gli schifosi. Abbiamo bisogno del bene. A me lo ha insegnato mio padre e io lo insegno ai miei figli.“

—  Andrzej Sapkowski

Miecz przeznaczenia
Variante: «Signore, avete tutta la coscia gonfia. E la febbre vi consuma...»
«Vada a farsi fottere la febbre. Yurga?»
«Sì, signore?»
«Ho dimenticato di ringraziarti...»
«Non siete voi che dovete ringraziare, signore, ma io. Siete stato voi a salvarmi la vita, a ridurvi così per difendermi. E io? Io che cosa ho fatto? Ho medicato un uomo ferito e privo di sensi, l'ho caricato sul carro, non l'ho lasciato crepare? È una cosa normale, signor strigo.»
«Non poi così normale, Yurga. Sono già stato abbandonato... in simili situazioni... come un cane...»
Il mercante, la testa bassa, rimase in silenzio. «Eh, sì, viviamo in un mondo schifoso. Ma non è una buona ragione perché facciamo tutti gli schifosi. Abbiamo bisogno del bene. A me lo ha insegnato mio padre e io lo insegno ai miei figli.»

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

Autori simili

Zygmunt Bauman photo
Zygmunt Bauman63
sociologo e filosofo polacco
Stanisław Jerzy Lec photo
Stanisław Jerzy Lec173
scrittore, poeta e aforista polacco
Wisława Szymborska photo
Wisława Szymborska44
poetessa e saggista polacca
Rosa Luxemburg photo
Rosa Luxemburg5
politica, teorica del Socialismo rivoluzionario, tedesca di…
Massimiliano Maria Kolbe photo
Massimiliano Maria Kolbe12
sacerdote, religioso e santo polacco
Georges Charpak photo
Georges Charpak2
fisico polacco
Isaac Bashevis Singer photo
Isaac Bashevis Singer67
scrittore polacco
Faustina Kowalska photo
Faustina Kowalska7
religiosa e santa polacca
Paulo Coelho photo
Paulo Coelho248
scrittore brasiliano
João Guimarães Rosa photo
João Guimarães Rosa26
scrittore brasiliano
Anniversari di oggi
Rafael Nadal photo
Rafael Nadal43
tennista spagnolo 1986
Enzo Jannacci photo
Enzo Jannacci38
cantautore italiano 1935 - 2013
Papa Giovanni XXIII photo
Papa Giovanni XXIII54
261° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1881 - 1963
Franz Kafka photo
Franz Kafka123
scrittore e aforista boemo di lingua tedesca 1883 - 1924
Altri 89 anniversari oggi
Autori simili
Zygmunt Bauman photo
Zygmunt Bauman63
sociologo e filosofo polacco
Stanisław Jerzy Lec photo
Stanisław Jerzy Lec173
scrittore, poeta e aforista polacco
Wisława Szymborska photo
Wisława Szymborska44
poetessa e saggista polacca
Rosa Luxemburg photo
Rosa Luxemburg5
politica, teorica del Socialismo rivoluzionario, tedesca di…
Massimiliano Maria Kolbe photo
Massimiliano Maria Kolbe12
sacerdote, religioso e santo polacco
x