Frasi di Tito Maccio Plauto

Tito Maccio Plauto foto
50  2

Tito Maccio Plauto

Data di nascita: 254 a.C.
Data di morte: 184 a.C.
Altri nomi:Titus Marccius Plautus,Тит Макций Плавт

Pubblicità

Tito Maccio Plauto è stato un commediografo romano.

Plauto fu uno dei più prolifici e importanti autori dell'antichità latina.

Egli fu esponente del genere teatrale della palliata, ideato dall'innovatore della letteratura latina Livio Andronico. Il termine plautino, che deriva appunto da Plauto, si riferisce sia alle sue opere sia ad opere simili o influenzate da quelle di Plauto.

Frasi Tito Maccio Plauto

Pubblicità
Pubblicità

„Crisalo: I due Atridi sono famosi per aver compiuto un'impresa grandiosa: conquistarono dopo dieci anni Pergamo, la patria di Priamo, difesa da mura divine, con armi, cavalli, un esercito di fortissimi combattenti, una flotta di mille navi. Roba veramente da nulla rispetto a quello che farò io per espugnare il mio padrone, senza flotta e senza tutto quel grande esercito. L'ho preso, sono riuscito a portargli via l'oro per il padroncino innamorato. Prima che ritorni, voglio intonare un lamento funebre. O Troia, patria, Pergamo, o vecchio Priamo, sei bello che morto: ti sto per scucire quattrocento filippi d'oro. Le tavolette sigillate che ti ho consegnato non sono mica delle tavolette, sono il cavallo di legno degli Achei. Pistoclero, da cui le ho prese, è Epeo, il costruttore, Mnesiloco è Sinone, quello che fu lasciato indietro, ma non sta presso la tomba di Achille, è a letto con Bacchide. Quello vero un tempo accese del fuoco per dare il segnale, questo qua invece... è proprio lui a bruciare. E io sono Ulisse, grazie alla cui astuzia sta avvenendo tutto questo. Tutte le cose scritte qui, nelle tavolette, sono i soldati all'interno del cavallo, ben armati e pien di coraggio. Fino a questo momento tutto è andato per il verso giusto. Il cavallo ora dovrà attaccare non una rocca, ma un forziere: per l'oro del vecchio sarà rovina, strage, terribile lusinga. Al nostro sciocco vecchio posso dare sicuramente il nome di Ilio; al soldato è Menelao, io sono Agamennone e anche Ulisse figlio di Laerte, Mnesiloco è Paride che manda in rovina la sua patria. Ha rapito Elena, per questo sto assediando Ilio. Ho sentito che anche lì Ulisse fu coraggioso e perfido, proprio come me. Io sono stato beccato nel mezzo dei miei inganni, lui rischiò quasi di morire mentre spiava le mosse dei Troiani travestito da mendicante. Oggi a me è successo qualcosa di simile. Mi hanno incatenato, ma me la sono cavata con l'inganno: anche lui si salvò con i suoi inganni. Ho sentito che tre furono i segni del fato che preannunciavano la rovina di Troia: se fosse stata portata via la statua dalla rocca, poi la morte di Troilo, terzo, quando si fosse spaccato lo stipite superiore delle porte frigie. E tre sono anche i segnali del fato per la nostra Ilio. Primo: quando ho raccontato al vecchio la storia dell'ospite, dell'oro e della barca: in questo modo ho portato via dalla rocca la statua. Poi me ne rimanevano ancora due per prendere la roccaforte. Quando ho consegnato le tavolette al vecchio: lì ho ucciso Troilo: lui pensava che Mnesiloco fosse a letto con la moglie del soldato. Qui mi sono salvato per un pelo. Ma è come il pericolo che corse Ulisse quando, raccontano, fui riconosciuto da Elena e consegnato a Ecuba; ma, come allora Ulisse riuscì a liberarsi grazie alle sue lusinghe, convincendo Ecuba a lasciarlo andare, così io con la mia astuzia sono scampato al pericolo e ho messo nel sacco il vecchio. Poi mi son dovuto scontrare con il grande soldato che conquista le città senza armi, solo con le sue ciance, e ho sistemato anche lui. Poi altra battaglia con il vecchio. M'è bastato un solo inganno per sbaragliarlo e ho preso il bottino in un colpo solo. Ora consegerà al soldato i duecento filippi che ha promesso. Però ne servono altri duecento da spendere dopo la presa di Troia, che ci sia del vino per il trionfo dei vincitori. Questo Priamo è molto meglio dell'altro: non c'ha mica cinquanta figli, ne ha quattrocento e tutti di prima scelta, senza un solo difetto. Li farò a pezzi in due soli colpi. Se c'è qualcuno che lo compra, il nostro Priamo, io lo metto pure in vendita: penso che questo vecchio sia veramente roba da vendere, da mettere all'asta, dopo che avrò espugnato la roccaforte. Ma eccolo là il nostro Priamo, davanti alla porta. Gli vado a parlare.“

— Tito Maccio Plauto
vv. 925-978; 2007

„Colui che gli dei amano, muore giovine.“

— Tito Maccio Plauto
IV, 4, 786-787; citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921

Pubblicità
Avanti
Anniversari di oggi
Vinicio Capossela foto
Vinicio Capossela45
cantautore e polistrumentista italiano 1965
Errico Malatesta foto
Errico Malatesta15
anarchico e scrittore italiano 1853 - 1932
Giovanni della Croce foto
Giovanni della Croce28
sacerdote e poeta spagnolo 1542 - 1591
Peter O'Toole foto
Peter O'Toole6
attore irlandese 1932 - 2013
Altri 69 anniversari oggi
Autori simili
Cecilio Stazio foto
Cecilio Stazio4
commediografo romano
Marcello Fois foto
Marcello Fois4
scrittore, commediografo e sceneggiatore italiano
Paul Géraldy foto
Paul Géraldy2
poeta e commediografo francese
 Menandro foto
Menandro14
commediografo greco antico
Charles-joseph De Ligne foto
Charles-joseph De Ligne6
scrittore, militare (maresciallo di campo)
 Molière foto
Molière45
commediografo e attore teatrale francese
Jacques Deval foto
Jacques Deval28
commediografo, regista e scrittore francese
Giovanni Maria Cecchi11
commediografo, scrittore e notaio italiano
Luigi Santucci foto
Luigi Santucci38
scrittore, romanziere e poeta italiano
Eneo Domizio Ulpiano foto
Eneo Domizio Ulpiano11
politico e giurista romano