„E poiché debbo spiegare le mie poesie, confesserò che quasi tutti gli esseri e le cose che evocano appartengono alla mia terra: qualche villaggio sperduto, i boschi, i bolong e i campi. Mi basta nominarli per rivivere il Regno dell'infanzia – e il lettore con me, spero – "attraverso le foreste di simboli". Vi ho vissuto un tempo, con i pastori e i contadini. [... ] Ho dunque vissuto in quel regno, visto coi miei occhi, sentito con le mie orecchie gli esseri favolosi al di là delle cose: i Kouss nei tamarindi, i Coccodrilli, guardiani delle fonti, i Lamantini, che cantavano nei fiumi, i Morti del villaggio e gli Antenati, che mi parlavano, mi iniziavano alle alterne verità della notte e del giorno.“

—  Léopold Sédar Senghor, dalla postfazione a Ethiopiques; Chevrier, p. 94
Pubblicità

Citazioni simili

Charles de Foucauld photo
Daniel Ange photo
Pubblicità
Walt Whitman photo
Ernest Hemingway photo
Don DeLillo photo
Hans Urs Von Balthasar photo
Reinaldo Arenas photo
Régine Pernoud photo
Pubblicità
 Flea photo
Agatha Christie photo
Ferhat Mehenni photo
Pubblicità
Jules Renard photo
Carlo Taormina photo
Dietrich Bonhoeffer photo
Avanti