„Andrea Camilleri ha portato nella letteratura italiana un nuovo genere di giallo in cui tutte le caratteristiche di una regione, nella fattispecie la Sicilia, si legano solidamente alla trama, facendone un tutt'uno, e dove l'umanità dei personaggi predomina sulla disumanità dei delitti.“

Modificato da Giuseppe Tobia. Ultimo aggiornamento 13 Ottobre 2020. Storia

Citazioni simili

Dacia Maraini photo
Guido Ceronetti photo

„Il giallo è dissolvente: un'umanità gialla è un'umanità spenta.“

—  Guido Ceronetti poeta, filosofo e scrittore italiano 1927 - 2018

Origine: La pazienza dell'arrostito, p. 346

Raffaele La Capria photo
Antonio Gramsci photo
Andrea Camilleri photo
Andrea Camilleri photo
Vittorio Sgarbi photo
Benito Mussolini photo

„Meno che nazione, la Sicilia è più che regione; non un frammento d'Italia, ma sua integrazione e aumento.“

—  Giuseppe Antonio Borgese scrittore, giornalista e critico letterario italiano 1882 - 1952

Sicilia, p. 141
Una Sicilia senza aranci

Marcello Marchesi photo

„L'umanità è un personaggio umoristico.“

—  Marcello Marchesi comico, sceneggiatore e regista italiano 1912 - 1978

Origine: Il malloppo, p. 36

Michele Serra photo

„[…] quella parola è un alibi insostituibile: serve a ridurre ogni moto di umanità o di gentilezza a un'impostura da ipocriti, e di conseguenza ad assolvere ogni moto di grettezza e di disumanità. (26 febbraio 2017)“

—  Michele Serra giornalista, scrittore e autore televisivo italiano 1954

( 26 febbraio 2017 http://www.repubblica.it/rubriche/l-amaca/2017/02/26/news/amaca_26_febbraio_2017-159274955/)
la Repubblica
Variante: [... ] quella parola è un alibi insostituibile: serve a ridurre ogni moto di umanità o di gentilezza a un'impostura da ipocriti, e di conseguenza ad assolvere ogni moto di grettezza e di disumanità.

Claudio Magris photo
Cesare Segre photo
Bruce Marshall photo

„A Cesare Beccaria, che specificò i delitti e le pene, l'uman genere meritamente grato.“

—  Cesare Bertoletti

proposta di sostituzione dell'epigrafe sulla lapide
da Amore e i Sepolcri, cap. XVIII; citato in Giuseppe Maffei, Storia della Letteratura, Vol. III, p. 37

Raffaele La Capria photo

Argomenti correlati