„Le tombe le case, | la noia dei film. | Come assurdo il filo della storia | come nei salotti | s'inganna la memoria! | Dorme il cane alla sua cuccia | non c'è vento con la pioggia | E un fanciullo guarda ai vetri | l'uccellino che non c'è. | Cuore, deh, non ti fermare | per chi non può tornare. | Le tombe le case | uomini curvi | donne aggrovigliate | si confessano alle inferriate | della ricevitoria.“

Tutte le poesie, Le tombe le case

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Rocco Scotellaro photo
Rocco Scotellaro photo
Rocco Scotellaro photo
Rocco Scotellaro photo
Karl Kraus photo

„L'ironia sentimentale è un cane che ulula alla luna pisciando sulle tombe.“

—  Karl Kraus scrittore, giornalista e aforista austriaco 1874 - 1936

30 aprile 1906
Aforismi in forma di diario

Xavier Forneret photo

„Quando il sole è pallido, guarda le tombe.“

—  Xavier Forneret poeta, scrittore, giornalista, drammaturgo 1809 - 1884

Citato in Dictionnaire des citations, sous la direction de Robert Carlier, Jean-Louis Lalanne, Pierre Josserand e Samuel S. de Sacy, Citato in Maurice Toesca, Un homme heureux

Paolo Rumiz photo

„Le soffitte – pensai – sono la memoria delle case, più ancora delle cantine, ed era forse per questo che oggi, nel tempo che perde la memoria, non si fanno più soffitte nelle case.“

—  Paolo Rumiz giornalista e scrittore italiano 1947

Origine: Da La casa fantasma di Tommaso Landolfi, il poeta nottambulo di Pico Farnese http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2011/08/10/news/pico_farnese_la_casa_fantasma_di_tommaso_landolfi-20274237/, Repubblica.it, 10 agosto 2011.

Mario Puzo photo
Alessandro Baricco photo
Jeanette Winterson photo
Domenico Modugno photo

„Mille violini suonati dal vento, | tutti i colori dell'arcobaleno | vanno a fermare una pioggia d'argento, | ma piove, piove | sul nostro amor!“

—  Domenico Modugno cantautore, chitarrista e attore italiano 1928 - 1994

da Piove, 1959
Origine: Testo di Domenico Modugno e Dino Verde.

Rocco Scotellaro photo
Claudio Bisio photo
Renato Fucini photo

„Sei già stato ad Amalfi? — mi domandarono subito. — Sì. — Diccene, diccene qualche cosa, perché prima di tornare alle nostre case, vogliamo andarvi anche noi.“

—  Renato Fucini poeta e scrittore italiano 1843 - 1921

Andatevi e farete bene, ma andatevi dopo d'aver visto tutte le bellezze dei prossimi dintorni di Napoli, perché la costiera d' Amalfi vi farà lo stesso effetto che a guardar fìssi nel disco del Sole; vi troverete abbagliati e per qualche tempo non sarete capaci di veder altro. (p. 48)
Napoli a occhio nudo, [Lettere a un amico]

Alda Merini photo
Pier Paolo Pasolini photo
Franco Battiato photo

Argomenti correlati