„Infine, scendiamo verso il mare. In Sardegna si sente sempre, a cento e cento chilometri dalle coste, che splende nell'aria da ogni lato. È una vera isola, Sardegna, dentro il suo splendore e le sue tempeste. E di qualcosa di salmastro odora anche su a mille metri.“

cap. XIV
Sardegna come un'infanzia

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Elio Vittorini photo
Elio Vittorini32
scrittore italiano 1908 - 1966

Citazioni simili

Murubutu photo

„Anche se non si sente, il mare è sempre in tempesta.“

—  Murubutu rapper italiano 1975

da Marco gioca sott'acqua, n. 6
Gli Ammutinati del Bouncin

Fabrizio De André photo
Corrado Guzzanti photo
Gaio Valerio Catullo photo
Marcello Fois photo
Gaio Valerio Catullo photo

„Faceva far cento castelli in aria.“

—  Francesco Bracciolini poeta italiano 1566 - 1645

I.62
Lo scherno degli Dei

Cesare Cantù photo
Karel Čapek photo
Beppe Grillo photo
Claudio Baglioni photo
Mao Tsé-Tung photo

„Fate fiorire mille fiori, fate battersi cento scuole di pensiero.“

—  Mao Tsé-Tung Presidente del Partito Comunista Cinese 1893 - 1976

Origine: 1957; citato in Aa. Vv., Antropologia e interpretazione: Il contributo di Clifford Geertz alle scienze sociali, Morlacchi, Perugia, 2004, p. 115 http://books.google.it/books?id=SoBfY0dtGVcC&pg=PA115. ISBN 88-88778-45-4

Joseph Göbbels photo
George R. R. Martin photo
Francesco De Gregori photo
Ivan Illich photo
Beppe Grillo photo
Marcello Marchesi photo

„Un caso pietoso commuove, due anche, tre deprimono, dieci amareggiano, cento scocciano, mille rallegrano gli scampati.“

—  Marcello Marchesi comico, sceneggiatore e regista italiano 1912 - 1978

Origine: Diario futile di un signore di mezza età, p. 50

Gaio Valerio Catullo photo

„*Baciami, baciami, vuo' che mi baci; | a cento scocchino, a mille piovano | qui su quest'avida bocca i tuoi baci. | E poi che il numero sfugge a noi stessi.“

—  Gaio Valerio Catullo poeta romano -84 - -54 a.C.

V, vv. 7-10
Carmi
Originale: (la) Da mi basia mille, deinde centum, | dein mille altera, dein secunda centum, | deinde usque altera mille, deinde centum, | dein, cum milia multa fecerimus, |conturbabimus illa, ne sciamus, | aut ne quis malus inuidere possit, | cum tantum sciat esse basiorum.
Variante: Baciami, baciami, vuo' che mi baci; | a cento scocchino, a mille piovano | qui su quest'avida bocca i tuoi baci. | E poi che il numero sfugge a noi stessi.

Argomenti correlati