Frasi di Cesare Cantù

Cesare Cantù photo
56  8

Cesare Cantù

Data di nascita: 5. Dicembre 1804
Data di morte: 15. Marzo 1895

Pubblicità

Cesare Cantù è stato uno storico, letterato e politico italiano.

Deputato al parlamento dall'Unità d'Italia al 1867, fu il fondatore dell'Archivio storico lombardo, e presidente onorario della SIAE.

Autori simili

Michelangelo Caetani photo
Michelangelo Caetani2
nobile, politico e letterato italiano
Matteo Maria Boiardo photo
Matteo Maria Boiardo16
poeta e letterato italiano
Gasparo Gozzi photo
Gasparo Gozzi6
scrittore italiano
Francesco Guicciardini photo
Francesco Guicciardini42
scrittore, storico e politico italiano
Dino Compagni12
politico e scrittore italiano
Gaetano Salvemini photo
Gaetano Salvemini11
storico, politico e antifascista italiano
Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli129
politico, scrittore, storico italiano
Carlo Michelstaedter photo
Carlo Michelstaedter22
scrittore e filosofo italiano
Giovanni Berchet photo
Giovanni Berchet14
poeta italiano
Giambattista Giraldi Cinzio photo
Giambattista Giraldi Cinzio26
letterato, poeta e drammaturgo italiano

Frasi Cesare Cantù

Pubblicità
Pubblicità

„[La vicenda biografia di Macalda Scaletta] Della vita di que' baroni ci è saggio la storia di Macalda di Scaletta. Vedova di un Guglielmo d'Amico, esigliato al tempo degli Svevi, era andata profuga in abito di frate Minore, stette a Napoli, a Messina, e da Carlo d'Angiò ricuperò i beni confiscati al marito. Sposatasi ad Alaimo di Lentini, uno de' più fervorosi nel Vespro, tradì i Francesi che a lei, come beneficata da Carlo, rifuggiavano in Catania, della qual città suo marito fu fatto governatore. Quand'egli andò alla guerra di Messina, essa ne tenne le veci; e sui quarant'anni, pure ancor bella, generosa net donare, vestiva piastre e maglie; e con una mazza d'argento alla mano, emulava i cavalieri ne' cimenti guerreschi. Di sua onestà chi bene disse, chi ogni male. Aspirò agli amori di re Pietro, lo accompagnò, gli chiese ricovero; ma egli non volle comprenderla, di che essa pensò vendicarsi.
Alaimo fu poi fatto maestro giustiziere, e valse a reprimere i molti che reluttavano alla nuova dominazione, e acquistò tal reputazione che eccitò la gelosia dell'infante don Giacomo. La crescevano i superbi portamenti di Macalda, la quale tenevasi alta fin con Costanza, e non volea dirle regina, ma solo madre di don Giacomo; se compariva alla Corte, era per isfoggiare abiti e gioie. Contro ogni decenza, volle in un convento passar la gravidanza e il parto, sol per godere l'amenità del luogo : Costanza fu a visitarla, e n'ebbe accoglienze sgarbate; offri di levar al battesimo il neonato, e Macalda rispose non voler esporlo a quel bagno freddo, poi tre giorni appresso vel fece tenere da popolani. Costanza, mal in salute, si fece portare in lettiga da Palermo al duomo di Monreale; e Macalda essa pure, per le strade della città e fin a Nicosia in lettiga coperta di scarlatto, di che fu un gran mormorare. Re Giacomo viaggiava con trenta cavalli di scorta; e Macalda con trecento, e volea far da giustiziere, e apponeva a re Pietro di avere mal compensato coloro, che del resto l'aveano domandato compagno e non re.
Alaimo condiscendeva alla moglie, e dicono le giurasse non dar mai consigli a danno de' Francesi, anzi procurarle il ritorno in Sicilia. Se il facesse noi sappiamo ; certo i re aragonesi gli si avversarono, fors'anche per la solita ingratitudine a chi più beneficò. Giacomo finge spedire Alaimo in gran diligenza a suo padre in Catalogna per sollecitarne ajuti : Alaimo va, è accolto con ogni maniera di cortesia ; ma appena egli partì, la plebe di Messina, sollecitata dal Loria, lo grida traditore, affollasi alla sua casa ad ammazzare i Francesi prigionieri di guerra che vi tenea, e così quelli che stavano nelle carceri e che egli aveva salvati. Macalda accorse per sostenere i suoi fautori, ma vide il marito dichiarato fellone e confiscatigli i beni, Matteo Scaletta fratello di lei, decapitato; ella stessa chiusa in un castello, forse vi lini la vita. Alaimo, dopo alquanti anni, fu rimandato verso la Sicilia, e come fu in vista della patria isola, buttato in mare.“

— Cesare Cantù
Vol. IV, cap. CII, p. 177

Pubblicità
Avanti
Anniversari di oggi
Piero Calamandrei photo
Piero Calamandrei88
politico italiano 1889 - 1956
Licio Gelli photo
Licio Gelli24
faccendiere e giornalista italiano 1919 - 2015
John Maynard Keynes photo
John Maynard Keynes47
economista britannico 1883 - 1946
Walter Model photo
Walter Model7
generale tedesco 1891 - 1945
Altri 74 anniversari oggi
Autori simili
Michelangelo Caetani photo
Michelangelo Caetani2
nobile, politico e letterato italiano
Matteo Maria Boiardo photo
Matteo Maria Boiardo16
poeta e letterato italiano
Gasparo Gozzi photo
Gasparo Gozzi6
scrittore italiano
Francesco Guicciardini photo
Francesco Guicciardini42
scrittore, storico e politico italiano
Dino Compagni12
politico e scrittore italiano