„La vita sta nei concetti come un bambino cresciuto negli abiti troppo corti. Un'unica ora di vita è fatta di migliaia di inesplicabili impulsi dei nervi, dei muscoli, del cervello, e un'unica, grossa, vuota parola pretende di esprimerli tutti.“

Il profeta muto

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Joseph Roth photo
Joseph Roth54
scrittore e giornalista austriaco 1894 - 1939

Citazioni simili

Leif Ove Andsnes photo

„L'originalità è di per sé una parola vuota. Il concetto primario è l'autenticità, da cui può discendere l'originalità: l'unica cosa realmente originale e unica è la persona; così un'interpretazione è originale solo quando un artista esprime con autenticità il suo carattere, che è unico.“

—  Leif Ove Andsnes 1970

Origine: Citato in Enrico Parola, C'è il «filosofo» Andsnes tra i grandi pianisti https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2010/febbraio/21/filosofo_Andsnes_tra_grandi_pianisti_co_7_100221025.shtml, Corriere della Sera, 21 febbraio 2010, p. 18.

Lucy Maud Montgomery photo
Charles M. Schulz photo
Samuel Beckett photo
Nicolás Gómez Dávila photo
Mao (cantante) photo

„La Juventus è l'unica donna della nostra vita che non c'ha mai tradito.“

—  Giampiero Mughini scrittore e opinionista italiano 1941

Origine: Da Juve, il sogno che continua, Mondadori, 2008. ISBN 88-0457-594-8

Paolo Villaggio photo
Isaac Bashevis Singer photo
Søren Kierkegaard photo
Lyman Frank Baum photo
Joseph Conrad photo
Paolo Mantegazza photo
Sami Khedira photo
Vincent Van Gogh photo
Andrea Appino photo

„[…] la scelta infondo è l'unica cosa | che rende questa vita almeno dignitosa.“

—  Andrea Appino cantautore, chitarrista e produttore discografico italiano 1978

da Il testamento, n. 1
Il testamento

Robert Ley photo

„L'unica persona che ancora conduca una vita privata in Germania è qualcuno che dorme.“

—  Robert Ley politico tedesco 1890 - 1945

Origine: Citato in Charlotte Beradt, Il terzo Reich dei sogni, prefazione di Reinhart Koselleck, postfazione di Bruno Bettelheim, traduzione di Ingrid Harbach, Einaudi, Torino, 1991. ISBN 88-06-12576-1

Argomenti correlati