Frasi su parola

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema parola.

Argomenti correlati

Un totale di 5049 frasi, il filtro:


Eugenio Montale photo

„Codesto solo oggi possiamo dirti: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.“

—  Eugenio Montale poeta, giornalista e critico musicale italiano 1896 - 1981

da Non chiederci la parola

Marco Polo photo

„Io parlo parlo … ma chi m'ascolta ritiene solo le parole che aspetta. … Chi comanda al racconto non è la voce: è l'orecchio.“

—  Marco Polo mercante, ambasciatore e viaggiatore italiano, appartenente al patriziato veneziano 1254 - 1324

In fiction

John Ronald Reuel Tolkien photo
Pablo Neruda photo

„Perché tu possa ascoltarmi | le mie parole | si fanno sottili, a volte, | come impronte di gabbiani sulla spiaggia.“

—  Pablo Neruda poeta e attivista cileno 1904 - 1973

V – Perché tu possa ascoltarmi
Venti poesie d'amore e una canzone disperata

Luigi Pirandello photo
Luigi Pirandello photo
Charles Baudelaire photo
Paulo Coelho photo
Giacomo Leopardi photo

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Anaïs Nin photo
Novalis photo
Piero Calamandrei photo

„Ricordate le parole immortali di Socrate nel carcere di Atene? Parla delle leggi come di persone vive, come di persone di conoscenza. «le nostre leggi, sono le nostre leggi che parlano». Perché le leggi della città possano parlare alle nostre coscienze, bisogna che siano come quelle di Socrate, le «nostre» leggi. Nelle più perfette democrazie europee, in Inghilterra, in Svizzera, in Scandinavia, il popolo rispetta le leggi perché ne è partecipe e fiero; ogni cittadino le osserva perché sa che tutti le osservano: non c'è una doppia interpretazione della legge, una per i ricchi e una per i poveri! Ma questa è, appunto, la maledizione secolare che grava sull'Italia: il popolo non ha fiducia nelle leggi perché non è convinto che queste siano le sue leggi. Ha sempre sentito lo Stato come un nemico. Lo Stato rappresenta agli occhi della povera gente la dominazione. Può cambiare il signore che domina, ma la signoria resta: dello straniero, della nobiltà, dei grandi capitalisti, della burocrazia. Finora lo Stato non è mai apparso alla povera gente come lo Stato del popolo. Da secoli i poveri hanno il sentimento che le leggi siano per loro una beffa dei ricchi: hanno della legalità e della giustizia un'idea terrificante, come di un mostruoso meccanismo ostile fatto per schiacciarli, come di un labirinto di tranelli burocratici predisposti per gabbare il povero e per soffocare sotto le carte incomprensibili tutti i suoi giusti reclami.“

—  Piero Calamandrei politico italiano 1889 - 1956

Citazioni tratte da articoli de Il Ponte, Giugno 1951

B. K. S. Iyengar photo
Giorgio Faletti photo
Eminem photo
Cesare Pavese photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

x