„[Su Leopoldo II] Il toscano Morfeo vien lemme lemme, | di papaveri cinto e di lattuga, | che, per la smania d'eternarsi, asciuga | tasche e maremme. | Co' tribunali e co' catasti annaspa; | e benché snervi i popoli col sonno, | quando si sogna d'imitare il nonno, | qualcosa raspa.“

—  Giuseppe Giusti, da L'incoronazione, 7, citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 506
Giuseppe Giusti photo
Giuseppe Giusti49
poeta italiano 1809 - 1850
Pubblicità

Citazioni simili

Nereo Rocco photo
Pubblicità
Margaret Weis photo
Giorgio Gaber photo

„A proposito del nome | proprio G come mio nonno, | avrei voglia di reagire | ma per ora ho troppo sonno.“

—  Giorgio Gaber cantautore, commediografo e regista teatrale italiano 1939 - 2003
Il signor G, da Il signor G nasce, n. 2

„Chi lèse qua, considera ben tutto | che muodo se muor miseramente, | co' è stato costù che xé in st'arca presente, | Allegretto Aldin, tragando un rutto.“

—  Andrea Calmo commediografo, attore e poeta italiano 1510 - 1571
da Chi lèse qua...; citato in I capolavori della poesia italiana, a cura di Guido Davico Bonino, CDE, 1972

Linus Torvalds photo
Jonathan Littell photo
Marino Marini photo
 Caparezza photo
Pol Pot photo
Torquato Tasso photo
 Voltaire photo
Victor Hugo photo
Piero Calamandrei photo
Roberto Calderoli photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“