Frasi da libro
Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio

Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio

I Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio sono un'opera di Niccolò Machiavelli, frutto di una lunga elaborazione durata dal 1513 al 1519, anno di morte di uno dei due dedicatari dell'opera; in ogni caso, non si può escludere che una prima idea dell'opera possa risalire anche agli anni della segreteria a Firenze.


Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli photo

„Dopo il 1494, sendo stati i principi della città cacciati da Firenze, e non vi essendo alcuno governo ordinato, ma più tosto una certa licenza ambiziosa, ed andando le cose publiche di male in peggio; molti popolari, veggendo la rovina della città, e non ne intendendo altra cagione, ne accusavano la ambizione di qualche potente che nutrisse i disordini, per potere fare uno stato a suo proposito, e tôrre loro la libertà; e stavano questi tali per le logge e per le piazze, dicendo male di molti cittadini, minacciandogli che, se mai si trovassino de' Signori, scoprirebbero questo loro inganno, e gli gastigarebbero. Occorreva spesso che di simili ne ascendeva al supremo magistrato; e come egli era salito in quel luogo, e che vedeva le cose più da presso, conosceva i disordini donde nascevano, ed i pericoli che soprastavano, e la difficultà del rimediarvi. E veduto come i tempi, e non gli uomini, causavano il disordine, diventava subito d'un altro animo, e d'un'altra fatta; perché la cognizione delle cose particulari gli toglieva via quello inganno che nel considerarle generalmente si aveva presupposto. Dimodoché, quelli che lo avevano prima, quando era privato, sentito parlare, e vedutolo poi nel supremo magistrato stare quieto, credevono che nascessi, non per più vera cognizione delle cose, ma perché fusse stato aggirato e corrotto dai grandi. Ed accadendo questo a molti uomini, e molte volte, ne nacque tra loro uno proverbio che diceva: Costoro hanno uno animo in piazza, ed uno in palazzo.“

—  Niccolo Machiavelli, libro Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio

libro I, cap. XLVII
Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio

Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli photo

„Non è per questo che io giudichi che non si abbia adoperare l'armi e le forze; ma si debbono riservare in ultimo luogo dove e quando gli altri modi non bastino.“

—  Niccolo Machiavelli, libro Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio

libro II, cap. 21
Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio
Origine: La mente di un uomo di Stato, cap. II, III: «Le armi si debbono riservare in ultimo luogo, dove, e quando gli altri modi non bastino.»

Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli photo

Autori simili

Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli126
politico, scrittore, storico italiano 1469 - 1527
Joseph Addison photo
Joseph Addison9
politico, scrittore e drammaturgo britannico
Charles Louis Montesquieu photo
Charles Louis Montesquieu72
filosofo, giurista e storico francese
Michel De Montaigne photo
Michel De Montaigne89
filosofo, scrittore e politico francese
Maximilien Robespierre photo
Maximilien Robespierre22
politico, avvocato e rivoluzionario francese
Tommaso Moro photo
Tommaso Moro19
umanista, scrittore e politico inglese
Carlo Goldoni photo
Carlo Goldoni32
drammaturgo italiano
Thomas Fuller photo
Thomas Fuller33
storico britannico
Edmund Burke photo
Edmund Burke12
politico, filosofo e scrittore britannico
Laurence Sterne photo
Laurence Sterne31
scrittore britannico
Autori simili
Niccolo Machiavelli photo
Niccolo Machiavelli126
politico, scrittore, storico italiano 1469 - 1527
Joseph Addison photo
Joseph Addison9
politico, scrittore e drammaturgo britannico
Charles Louis Montesquieu photo
Charles Louis Montesquieu72
filosofo, giurista e storico francese
Michel De Montaigne photo
Michel De Montaigne89
filosofo, scrittore e politico francese
Maximilien Robespierre photo
Maximilien Robespierre22
politico, avvocato e rivoluzionario francese