Frasi da libro
I diavoli di Loudun

I diavoli di Loudun
Aldous HuxleyTitolo originale The Devils of Loudun (Inglese, 1952)

I diavoli di Loudun è un romanzo scritto da Aldous Huxley nel 1952 ed ispirato al caso dei diavoli di Loudun, il più famoso caso di possessione demoniaca della storia, avvenuto a Loudun, una piccola cittadina francese, nel 1634.


Aldous Huxley photo

„Una folla è l'equivalente sociale di un cancro.“

—  Aldous Huxley, libro I diavoli di Loudun

Appendice; p. 312
I diavoli di Loudun

Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo

„L'introspezione, l'osservazione e la storia del comportamento umano nei tempi passati e in quelli presenti ci dicono chiaramente che il bisogno di autotrascendenza è quasi altrettanto diffuso e, qualche volta, altrettanto potente quanto il bisogno di autoaffermazione. Gli uomini desiderano intensificare la coscienza di essere ciò che essi considerano "se stessi", ma desiderano anche – e lo desiderano, molto spesso, con irresistibile violenza – la coscienza di essere qualcun altro. Insomma, essi bramano di uscire da se stessi, di oltrepassare i limiti di quel minuscolo universo-isola entro il quale ogni individuo si trova confinato. Questo desiderio di autotrascendenza non è identico al desiderio di sfuggire al dolore fisico o morale. In molti casi, è vero, il desiderio di sfuggire la pena rinforza il desiderio di autotrascendenza. Ma questo può esistere senza l'altro. Se cosí non fosse, gli individui sani e fortunati, i quali (nel linguaggio psichiatrico) «si sono adattati alla vita in maniera eccellente», non sentirebbero mai il bisogno di uscire da se stessi. Mentre lo fanno. Anche tra coloro che la natura e la ricchezza hanno piú generosamente dotati, troviamo e non infrequentemente, un orrore profondamente radicato di se stessi, un'ansia appassionata di liberarsi della piccola ripugnante identità alla quale sono stati condannati proprio dalla perfezione del loro "adattamento alla vita". Chiunque, uomo o donna, che sia felice (secondo i criteri del mondo) oppure disgraziato, può arrivare, improvvisamente o gradatamente, a ciò che l'autore della Nuvola dell'Inconoscibile chiama "la conoscenza e la sensazione nude del tuo proprio essere". Questa immediata consapevolezza di sé produce uno struggente desiderio di andare al di là dell'io isolato.“

—  Aldous Huxley, libro I diavoli di Loudun

III, 2; pp. 71-72
I diavoli di Loudun

Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo

„[…] bisogna essere sempre estremamente prudenti nel credere ai credenti.“

—  Aldous Huxley, libro I diavoli di Loudun

VII, 2; p. 185
I diavoli di Loudun

Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley photo

„Oscuramente noi sappiamo veramente chi siamo. Da ciò il dolore di dover sembrare ciò che non siamo, e da ciò l'appassionato desiderio di superare i limiti di questo io che ci imprigiona. L'unica autotrascendenza liberatrice è attraverso l'altruismo e la docilità all'ispirazione (in altri termini, l'unione col Figlio e con lo Spirito Santo) nella coscienza di quell'unione col Padre in cui, senza conoscerla, abbiamo sempre vissuto. Ma l'autotrascendenza liberatrice è piú facile a descriversi che a raggiungersi. Per coloro i quali sono trattenuti dalle difficoltà di una ascesa, vi sono altre alternative meno ardue. L'autotrascendenza non è affatto invariabilmente verso l'alto. Infatti, in molti casi, essa è una scappatoia sia verso il basso in uno stato al di sotto della personalità, oppure orizzontalmente in qualche cosa di piú vasto dell'io, ma non piú alto, non essenzialmente diverso. Noi cerchiamo sempre di mitigare gli effetti della caduta collettiva nell'isolamento dell'io, con un'altra caduta strettamente privata nell'animalità e nel disordine mentale, oppure con qualche altra autodispersione piú o meno stimabile nell'arte o nella scienza, nella politica, nel lavoro o nel divertimento. Inutile dire, questi surrogati dell'autotrascendenza verso l'alto, queste fughe in surrogati subumani o meramente umani della Grazia, sono nella migliore ipotesi insoddisfacenti e nella peggiore, disastrosi.“

—  Aldous Huxley, libro I diavoli di Loudun

III, 2; p. 77
I diavoli di Loudun

Autori simili

Aldous Huxley photo
Aldous Huxley152
scrittore britannico 1894 - 1963
Archibald Joseph Cronin photo
Archibald Joseph Cronin33
scrittore britannico
William Golding photo
William Golding14
scrittore britannico
Alan Alexander Milne photo
Alan Alexander Milne4
scrittore britannico
Rudyard Kipling photo
Rudyard Kipling65
scrittore e poeta britannico
Peter Ustinov photo
Peter Ustinov19
attore britannico
Jerome Klapka Jerome photo
Jerome Klapka Jerome69
scrittore e giornalista britannico
William Somerset Maugham photo
William Somerset Maugham77
scrittore e commediografo britannico
Clive Staples Lewis photo
Clive Staples Lewis50
scrittore e filologo britannico
George Orwell photo
George Orwell174
scrittore britannico
Autori simili
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley152
scrittore britannico 1894 - 1963
Archibald Joseph Cronin photo
Archibald Joseph Cronin33
scrittore britannico
William Golding photo
William Golding14
scrittore britannico
Alan Alexander Milne photo
Alan Alexander Milne4
scrittore britannico
Rudyard Kipling photo
Rudyard Kipling65
scrittore e poeta britannico