Frasi dal lavoro
Le interviste impossibili

Le interviste impossibili

Da un luogo che somiglia a un Averno beckettiano, a un «inferno tiepido» sospeso fra la vita e la morte, un intervistatore timido, testardo e colpevolmente curioso ci invia dodici colloqui impossibili con altrettanti illustri defunti. Ciascuno di loro, quasi fosse il protagonista di un’anomala, laboriosa seduta psicoanalitica, confida tutte le proprie paure, ossessioni, frustrazioni, manie: conosciamo così il segreto dell’infanzia di Tutankhamon, colpito dal «trauma della regalità» e coperto di «vesti luminose e inadatte al corpo»; la fosca paranoia e la malinconia di un Casanova in fuga da spie, sicari, servette innamorate; la condizione di insostenibile cattività della celeberrima medium Eusapia Paladino – «lei non sa che situazione imbarazzante sia per una medium essere morta»; il delirio di Nostradamus, per il quale «stare sempre nel futuro è oneroso» e l’unica paradossale salvezza è «la luce della fine del mondo», rivelata per squarci e spiragli nelle sue strofe sconnesse, oscure e baluginanti. Ma nel discreto e cocciuto intervistatore si nasconde anche un critico, che riesce a penetrare i segreti delle opere di alcuni degli intervistati: a Dickens strappa decisive dichiarazioni sulla "Bottega dell’antiquario", "Dombey", "David Copperfield" e sui nessi profondi tra melodramma, umorismo e tragedia; a Marco Polo la confessione che il "Milione" è un’invenzione più e prima che una scoperta di mondi; a De Amicis l’ammissione che Franti – «serpente dell’Eden», «coscienza del male e del bene» – lo ha liberato dalla schiavitù di un «sogno nevrotico e morbido». Mai come in questo libro l’arte di Manganelli – per applicare ad essa ciò che lo scrittore dice nell’intervista a Fregoli – ha palesato la propria «mostruosa vocazione mimetica»; ove, beninteso, la si intenda come una «qualità sinistra», tesa ad aumentare l’angosciosità delle interrogazioni sulla nostra vera identità. Le interviste impossibili furono pubblicate all’interno del volume "A e B" (1975).


„Io amo i poveri, e soffrirei in un mondo senza poveri; i poveri sono le brioches dell'anima.“

—  Giorgio Manganelli, Le interviste impossibili

da Giorgio Manganelli incontra Edmondo de Amicis, Le interviste impossibili, Rai Radio 2; ora in De Amicis, in A e B, Rizzoli, 1975
Origine: Anche in Aa. Vv., Le interviste impossibili, Bompiani, 1975, e Giorgio Manganelli, Le interviste impossibili, Adelphi, 1997.

Autori simili

Giorgio Manganelli photo
Giorgio Manganelli74
scrittore, traduttore e giornalista italiano 1922 - 1990
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese244
scrittore, poeta, saggista e traduttore italiano
Erri De Luca photo
Erri De Luca238
scrittore, traduttore e poeta italiano
Stefano Benni photo
Stefano Benni188
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano
Nino Salvaneschi photo
Nino Salvaneschi38
scrittore, giornalista e poeta italiano
Romano Battaglia photo
Romano Battaglia141
scrittore italiano
Pier Paolo Pasolini photo
Pier Paolo Pasolini158
poeta, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, parolie…
José Saramago photo
José Saramago214
scrittore, critico letterario e poeta portoghese
Ennio Flaiano photo
Ennio Flaiano189
scrittore italiano
Karel Čapek photo
Karel Čapek31
giornalista, scrittore e drammaturgo ceco
Autori simili
Giorgio Manganelli photo
Giorgio Manganelli74
scrittore, traduttore e giornalista italiano 1922 - 1990
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese244
scrittore, poeta, saggista e traduttore italiano
Erri De Luca photo
Erri De Luca238
scrittore, traduttore e poeta italiano
Stefano Benni photo
Stefano Benni188
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano
Nino Salvaneschi photo
Nino Salvaneschi38
scrittore, giornalista e poeta italiano