Frasi di Oswald Spengler

Oswald Spengler photo
5   1

Oswald Spengler

Data di nascita: 29. Maggio 1880
Data di morte: 8. Maggio 1936

Pubblicità

Oswald Spengler è stato un filosofo, storico e scrittore tedesco, autore, tra le altre opere, de Il tramonto dell'Occidente.

Autori simili

Friedrich Engels photo
Friedrich Engels23
economista, filosofo e politico tedesco
Paul Oskar Kristeller photo
Paul Oskar Kristeller1
filosofo tedesco
Friedrich Schiller photo
Friedrich Schiller52
poeta, filosofo e drammaturgo tedesco
Ernst Bloch photo
Ernst Bloch9
scrittore e filosofo tedesco
Friedrich Georg Jünger photo
Friedrich Georg Jünger35
scrittore tedesco
Mircea Eliade photo
Mircea Eliade29
storico delle religioni e scrittore rumeno
Ernst Jünger photo
Ernst Jünger277
filosofo e scrittore tedesco
Walter Benjamin photo
Walter Benjamin33
filosofo e scrittore tedesco
Edouard Schuré photo
Edouard Schuré9
scrittore, critico letterario e poeta francese
Elémire Zolla photo
Elémire Zolla4
saggista, filosofo e storico delle religioni italiano

Frasi Oswald Spengler

„Alla fine è sempre un plotone di soldati a salvare la civiltà.“

—  Oswald Spengler, Il tramonto dell'Occidente
Il tramonto dell'Occidente, da Il tramonto dell'Occidente, Guanda, traduzione italiana di Julius Evola

Pubblicità

„Una civiltà nasce nel punto in cui una grande anima si desta dallo stato della psichicità primordiale di una umanità eternamente giovane e si distacca, forma dall'informe, realtà limitata e peritura di fronte allo sconfinato e al perenne. Essa fiorisce sul suolo di un paesaggio esattamente delimitabile, al quale resta radicata come una pianta. Una civiltà muore quando la sua anima ha realizzato la somma delle sue possibilità sotto specie di popoli, lingue, forme di fede, arti Stati, scienze; essa allora si riconfonde con l'elemento animico primordiale. Ma finché essa vive, la sua esistenza nella successione delle grandi epoche, che contrassegnano con tratti decisi la sua progressiva realizzazione, è una lotta intima e appassionata per l'affermazione dell'idea contro le potenze del caos all'esterno, così come contro l'inconscio all'interno, ove tali potenze si ritirano irate. Non è solo l'artista a lottare contro la resistenza della materia e contro ciò che in lui vuol negare l'idea. Ogni civiltà sta in un rapporto profondamente simbolico e quasi mistico con l'esteso, con lo spazio in cui e attraverso cui essa intende realizzarsi. Una volta che lo scopo è raggiunto e che l'idea è esteriormente realizzata nella pienezza di tutte le sue interne possibilità, la civiltà d'un tratto s'irrigidisce, muore, il suo sangue scorre via, le sue forze sono spezzate, essa diviene civilizzazione. Ecco quel che noi sentiamo e intendiamo nelle parole egizianismo, bizantinismo, mandarinismo. Così essa, gigantesco albero disseccato di una foresta vergine, ancor per secoli e per millenni può protendere le sue ramificazioni marcite. Lo vediamo in Cina, in India, nel mondo dell'Islam. Così la civilizzazione antica del periodo imperiale giganteggiò in apparenza di forza giovanile e di pienezza, togliendo luce e aria alla giovane civiltà araba d'Oriente. Questo è il senso di ogni tramonto nella storia, il senso del compimento interno ed esterno, dell'esaurimento che attende ogni civiltà vivente. Di tali tramonti, quello dai tratti più distinti, il «tramonto del mondo antico», lo abbiamo dinanzi agli occhi, mentre già oggi cominciamo a sentire in noi e intorno a noi i primi sintomi di un fenomeno del tutto simile quanto a decorso e a durata, il quale si manifesterà nei primi secoli del prossimo millennio, il «tramonto dell'Occidente.»“

—  Oswald Spengler, Il tramonto dell'Occidente
Il tramonto dell'Occidente

„[Hitler] […] un tenore melodrammatico, non un eroe […].“

—  Oswald Spengler
Source: Citato in Walter Laqueur, La Repubblica di Weimar, traduzione di Lydia Magliano, Rizzoli, Milano, 1977, p. 121.

„The press today is an army with carefully organized weapons, the journalists its officers, the readers its soldiers. The reader neither knows nor is supposed to know the purposes for which he is used and the role he is to play.“

—  Oswald Spengler, Il tramonto dell'Occidente
The Decline of the West (1918, 1923), Context: The press to-day is an army with carefully organized arms and branches, with journalists as officers, and readers as soldiers. But here, as in every army, the soldier obeys blindly, and war-aims and operation-plans change without his knowledge. The reader neither knows, nor is allowed to know, the purposes for which he is used, nor even the role that he is to play. A more appalling caricature of freedom of thought cannot be imagined. Formerly a man did not dare to think freely. Now he dares, but cannot; his will to think is only a willingness to think to order, and this is what he feels as his liberty.

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

Anniversari di oggi
Fabrizio De André photo
Fabrizio De André325
cantautore italiano 1940 - 1999
Roberto Baggio photo
Roberto Baggio18
dirigente sportivo ed ex calciatore italiano 1967
Michelangelo Buonarroti photo
Michelangelo Buonarroti36
scultore, pittore, architetto e poeta italiano del XV - XVI… 1475 - 1564
Martín Lutero photo
Martín Lutero82
teologo tedesco 1483 - 1546
Altri 99 anniversari oggi
Autori simili
Friedrich Engels photo
Friedrich Engels23
economista, filosofo e politico tedesco
Paul Oskar Kristeller photo
Paul Oskar Kristeller1
filosofo tedesco
Friedrich Schiller photo
Friedrich Schiller52
poeta, filosofo e drammaturgo tedesco
Ernst Bloch photo
Ernst Bloch9
scrittore e filosofo tedesco
Friedrich Georg Jünger photo
Friedrich Georg Jünger35
scrittore tedesco