Frasi di Paulo Fambri

Paulo Fambri foto
1  0

Paulo Fambri

Pubblicità

Paulo Fambri è stato un patriota e politico italiano.

Fu battezzato con il nome di Paolo, ma sin dalla giovinezza preferì farsi chiamare Paulo. Il padre Lorenzo era un modesto venditore di pentole, mentre la madre Elena Correnti proveniva da una famiglia più agiata.

Di carattere irrequieto e autonomo, poco dopo i dieci anni era stato espulso da tutti i ginnasi del Regno Lombardo-Veneto per insubordinazione. Venne quindi inviato all'Istituto di educazione marittima retto da un tale Bambonovich, che lo stesso Fambri ricordava come "una specie di ergastolo dei ragazzi discoli". Durante la sua breve permanenza, venne più volte punito per essersi immischiato in risse, ma vi apprese l'arte della scherma: celebre spadaccino, venne gravemente ferito durante un duello e perse l'uso della mano sinistra.

Intraprese gli studi letterari e scientifici solo durante l'adolescenza, grazie ad alcuni insegnanti privati pagati dallo zio materno. Durante questo periodo la sua indole si fece più docile, dimostrando inoltre una notevole intelligenza e versatilità. A soli diciassette anni fondò con altri giovani, quali Vittorio Salmini, e Federico Gabelli, un irriverente giornalino contro la ragione e la moralità dell'epoca. Questo anticonformismo lo portò a posizioni critiche nei confronti del governo austriaco.

Nel 1848 aderì alla Repubblica di San Marco di Daniele Manin. In quei mesi aveva raggiunto una certa celebrità grazie ad alcuni eroici aneddoti e soprattutto per il suo impegno militare. Venne così acclamato capitano di legione dagli studenti del "Santa Caterina".

Lasciata Venezia per combattere a Palmanova, tornò nel capoluogo dopo la caduta di quest'ultima; promosso a luogotenente e quindi a tenente di artiglieria, fu inquadrato nella legione "Bandiera e Moro".

Dopo la caduta della Repubblica, rischiò più volte il carcere per motivi di ordine pubblico e politici . Riuscì a cavarsela grazie alla conoscenza di famiglie altolocate, nonché alla disponibilità economica dello zio che si premurò di pagargli le varie multe.

Frattanto, con notevole ritardo e fatica, nel 1852 si laureava in matematica all'università di Padova. Tentò di inserirsi nel mondo accademico, ma fu più volte respinto dal regime: aveva tentato di diventare professore a Trento, quindi ingegnere di reparto della Società per le strade ferrate dell'Italia centrale.

Fondò con Ruggiero Bonghi La Stampa , cui collaborò con vari articoli. Scrisse inoltre drammi come Il caporale di settimana e cronache sportive.

Frasi Paulo Fambri

„Tacete e rispondete.“

— Paulo Fambri
da Caporale di settimana, a. III, sc. 9; citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 370

Anniversari di oggi
Horace Sébastiani foto
Horace Sébastiani3
generale, diplomatico e politico francese 1772 - 1851
Jeff Buckley foto
Jeff Buckley12
cantautore e chitarrista statunitense 1966 - 1997
Doris Lessing foto
Doris Lessing14
scrittrice inglese 1919 - 2013
Elisabetta d'Ungheria foto
Elisabetta d'Ungheria1
nobile 1207 - 1231
Altri 44 anniversari oggi
Autori simili
Massimo D'Azeglio foto
Massimo D'Azeglio26
politico italiano
Giuseppe Cesare Abba foto
Giuseppe Cesare Abba6
scrittore e patriota italiano
Gabriele D'annunzio foto
Gabriele D'annunzio111
scrittore, poeta e drammaturgo italiano
Tullio Dandolo12
scrittore, storico e filosofo italiano
Domenico Cirillo foto
Domenico Cirillo32
medico e botanico italiano
Silvio Pellico foto
Silvio Pellico27
scrittore, poeta e patriota italiano
Niccolò Tommaseo foto
Niccolò Tommaseo53
scrittore italiano
Andreas Hofer foto
Andreas Hofer4
oste, comandante e patriota tirolese
Camillo Benso Cavour foto
Camillo Benso Cavour28
politico e patriota italiano
Giuseppe Mazzini foto
Giuseppe Mazzini63
patriota, politico e filosofo italiano