„Uomini del Sud! È meglio morire in piedi che vivere in ginocchio.“

Attribuite
Origine: Citato in Hudson Strode, Timeless Mexico, 1944, p. 259.

Originale

Mejor morir de pie que vivir toda una vida arrodillado

Variante: Prefiero morir de pie que vivir de rodillas.

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 12 Luglio 2020. Storia
Emiliano Zapata photo
Emiliano Zapata3
rivoluzionario, politico e guerrigliero messicano 1879 - 1919

Citazioni simili

Accursio Miraglia photo
Charb photo

„È meglio morire per vivere che vivere per morire.“

—  Eros Drusiani cabarettista e scrittore italiano 1954

Oreste Benzi photo

„Per stare in piedi occorre saper stare in ginocchio.“

—  Oreste Benzi presbitero italiano 1925 - 2007

Una nuova schiavitù

Andrzej Sapkowski photo

„Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il sangue degli elfi

Yarpen Zigrin, cap. 4
Il sangue degli elfi
Variante: «Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.»

Primo Mazzolari photo
Euripide photo
Sandro Pertini photo
Giovanni Crisostomo photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Tupac Shakur photo
Platone photo
John Fante photo

„È meglio morire di bevute che morire di sete.“

—  John Fante, libro La confraternita dell'uva

Angelo Musso: XXVIII; 2006, p. 204
La confraternita dell'uva

Euripide photo

„Chissà se ciò che è chiamato morire è vivere, oppure se vivere è morire.“

—  Euripide tragediografo ateniese -480 - -406 a.C.

da Polido
Platone, Gorgia

Socrate photo

„Chissà se ciò che è chiamato morire è vivere, oppure se vivere è morire.“

—  Socrate filosofo ateniese -470 - -399 a.C.

citando Euripide
Platone, Gorgia

„La nostra è una causa perduta e non vi è posto per noi nell'universo naturale, ma non per questo ci rincresce di essere umani. Preferiremmo sempre morire come uomini che vivere come animali.“

—  Joseph Wood Krutch scrittore, scienziato, critico teatrale 1893 - 1970

Origine: Da Il temperamento moderno; citato in Bertrand Russell, La conquista della felicità, traduzione di Giuliana Pozzo Galeazzi, Longanesi, Milano, 1969, p. 26.

Argomenti correlati