„Chi predica le indulgenze è in errore quando dice che una persona è assolta e salvata da ogni pena per le indulgenze del papa.“

Origine: Citato in AA.VV., Il libro delle religioni, traduzione di Anna Carbone, Gribaudo, 2017, p. 234. ISBN 9788858015810

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Martín Lutero photo
Martín Lutero82
teologo tedesco 1483 - 1546

Citazioni simili

Khaled Hosseini photo
Luigi Guanella photo

„Meglio è peccare d'indulgenza che di rigore.“

—  Luigi Guanella presbitero italiano 1842 - 1915

Regolamento interno dei Figli del Sacro Cuore nella Casa divina Provvidenza

Margaret Mazzantini photo
Marcel Proust photo

„Il pacifismo moltiplica talvolta le guerre e l'indulgenza la criminalità.“

—  Marcel Proust, libro Alla ricerca del tempo perduto

1990, p. 248
Alla ricerca del tempo perduto, All'ombra delle fanciulle in fiore

Karl Kraus photo
Osho Rajneesh photo

„Lo yoga è repressione consapevole, il Tantra è indulgenza consapevole.“

—  Osho Rajneesh filosofo indiano 1931 - 1990

Origine: Il libro dei segreti, Il libro dei segreti (vol. I), p. 41

Albert Mathiez photo
Filippo Pananti photo
Oriana Fallaci photo
Franco Battiato photo
Martín Lutero photo

„Si insulta la Parola di Dio quando, nella stessa omelia, si dedica alle indulgenze quasi più tempo che alla Parola.“

—  Martín Lutero teologo tedesco 1483 - 1546

Origine: Citato in AA.VV., Il libro della storia, traduzione di Roberto Sorgo, Gribaudo, 2018, p. 161. ISBN 9788858016572

Xavier Forneret photo

„La Chiesa è davvero molto caritatevole; concede indulgenze di cui ha tanto bisogno.“

—  Xavier Forneret poeta, scrittore, giornalista, drammaturgo 1809 - 1884

Citato in Dictionnaire des citations, sous la direction de Robert Carlier, Jean-Louis Lalanne, Pierre Josserand e Samuel S. de Sacy, Citato in Le petit philosophe de poche, Textes réunis par Gabriel Pomerand

Martín Lutero photo
Carmen Consoli photo
Marco Aurelio photo
Ippolito Nievo photo
Tito Lívio photo

„Le leggi non stanno ad ascoltare, non si lasciano commuovere dalle preghiere, recano al povero vantaggi maggiori che al ricco, e, se si sgarra, non concedono indulgenza o perdono.“

—  Tito Lívio, libro Ab Urbe condita libri

II, 3; 1997
[L]eges rem surdam, inexorabilem esse, salubriorem melioremque inopi quam potenti; nihil laxamenti nec veniae habere, si modum excesseris.
Ab urbe condita, Proemio – Libro X

Arthur Schopenhauer photo
Wilbur Smith photo

Argomenti correlati