„Il Medioevo ebbe una predilezione per il culto della Vergine, la sua gentile immagine "più dolce fiore che non sia la rosa" anima l'insieme della poesia, sia profana che sacra.“

Origine: Luce del Medioevo, p. 181

Citazioni simili

Zucchero photo
Giovanni Lindo Ferretti photo

„Rosa, rosa carnosa, sfiorisci bel fiore.“

—  Giovanni Lindo Ferretti cantautore e scrittore italiano 1953

da L'ora delle tentazioni

Vincenzo Monti photo

„Ahi cosa mi ha punto? | — Una rosa Ignazio. | — Una rosa? Un fiore dà dolore?“

—  Vivian Lamarque scrittrice e poetessa italiana 1946

da Poesie per un gatto, Mondadori, 2007

Francesco De Gregori photo
Henri de Régnier photo

„Se picchiate una donna con un fiore, usate una rosa. Per via delle spine.“

—  Henri de Régnier scrittore e poeta francese 1864 - 1936

Lui ou les femmes et l'amour

Fénelon photo
Alfonso X di Castiglia photo
Eugène Sue photo

„È cosa sacra la salvezza di un'anima.“

—  Eugène Sue, libro I misteri di Parigi

Origine: I misteri di Parigi, p. 131-132

Ferdinand Hardekopf photo
Samuel Taylor Coleridge photo
Domenico Dolce photo

„La nobiltà dell'anima, l'eleganza dei gesti di ogni giorno, la perfezione di un unico fiore bianco. Questa è l'immagine della Sicilia che porto dentro di me, e quello catturato in questo delicato profumo.“

—  Domenico Dolce stilista e imprenditore italiano 1958

Origine: Citato in Dolce. Lo spot di D&G girato da Peppuccio Tornatore, a Noto http://www.ragusanews.com/articolo/40593/dolce-lo-spot-di-damp;g-girato-da-peppuccio-tornatore-a-noto, Ragusanews.com, 2 marzo 2014.

Federico García Lorca photo
Alano di Lilla photo

„Ogni creatura del mondo, | come un libro e una pittura, | è per noi specchio, | fedele segno della nostra vita, | della nostra sorte, | del nostro stato, | della nostra morte. | Il nostro stato dipinge la rosa, | del nostro stato glossa elegante, | commento della nostra vita, | che mentre rifiorisce nel primo mattino come fiore | sfiorisce sfiorito per la vecchiaia della sera. | Così il fiore respirando spira, | mentre delira in pallore morendo al nascere; | insieme vetusta e nuovissima, | insieme vecchia e giovane | la rosa marcisce nascendo.“

—  Alano di Lilla teologo e filosofo francese

da De planctu naturae, traduzione di A. Varvaro, Letterature romanze del Medioevo, Il Mulino, Bologna, 1985.
Origine: Citato (più estesamente) in A. Tocco, G. Domestico, A. Maiorano e A. Palmieri, Parole nel tempo, [Testi, contesti, generi e percorsi attraverso la letteratura italiana, 1A, Dalle origini al Trecento], Loffredo Editore, Napoli, p. 56. ISBN 9788875642082

Antonio Pennacchi photo
Djuna Barnes photo
Edoardo Sanguineti photo
Antonio di Padova photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

x