„Il camorrista poteva renunziar alla sua qualità, ma non abbandonare giammai completamente la setta; non era astretto ai doveri, alla disciplina di essa, non ne partecipava i profitti, ma conservava a malgrado di ciò alquanta influenza e considerazione. Avea il diritto di dar consigli e il potere di farsi ascoltare; la sua renunzia era considerata come un'abdicazione, non come una decadenza. La società rispettava sempre in lui l'antico compagno. I vecchi camorristi erano soccorsi; la vedova e i figli di quegli che era morto sotto le armi al servizio della setta riscuotevano esattamente una pensione; i malati erano assistiti, i morti vendicati. Tutti questi usi e molti altri ancora, ne' quali procedendo in questo studio ci incontreremo, mostrano già i legami potenti che univano fra di loro i camorristi.“

Origine: La camorra, p. 16

Ultimo aggiornamento 12 Ottobre 2020. Storia

Citazioni simili

Marc Monnier photo
Marc Monnier photo
Marc Monnier photo
Marc Monnier photo
Mario Borghezio photo
Marc Monnier photo
Marc Monnier photo
Oliver Cromwell photo
Gustave Flaubert photo
Mu'ammar Gheddafi photo
Christoph Schönborn photo
Gustave Flaubert photo
Claude Adrien Helvétius photo
Stefano Benni photo
Bertrando Spaventa photo
Johann Gottlieb Fichte photo
Antonin Artaud photo

„Morti, gli altri non sono separati. Girano ancora intorno ai loro cadaveri.
Io non sono morto, ma sono separato.“

—  Antonin Artaud commediografo, attore teatrale e scrittore francese 1896 - 1948

Viaggio al paese dei Tarahumara, Le nuove rivelazioni dell'essere

„Tanta letteratura critica somiglia oggi ai verbali d'una setta, scritta da letterati per altri letterati.“

—  Paolo Milano critico letterario e giornalista italiano 1904 - 1988

da Il lettore di professione, Feltrinelli, 1960

Argomenti correlati