„Vivere insieme a me, | hai ragione ragione te, | non è mica semplice, | non lo è stato mai per me! | Io che ci credevo più di te… | che fosse possibile! | E smettila di piangere!“

da Siamo soli, n. 1
Stupido hotel

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 19 Ottobre 2021. Storia
Vasco Rossi photo
Vasco Rossi234
cantautore italiano 1980

Citazioni simili

Che Guevara photo

„Se io muoio non piangere per me, fai quello che facevo io e continuerò vivendo in te.“

—  Che Guevara rivoluzionario, guerrigliero, scrittore e medico argentino 1928 - 1967

Gianna Nannini photo
Charles Bukowski photo

„Troveremo insieme | una ragione per vivere.“

—  Zucchero composto chimico chiamato comunemente zucchero 1955

da Una ragione per vivere, n. 6
Rispetto

Franco Battiato photo

„Eri con me, ma io non ero con te, | sei con me, ma io non sono con te, | ero con te, ma tu non eri con me.“

—  Franco Battiato musicista, cantautore e regista italiano 1945

da Eri con me, n. 4
Apriti Sesamo

Roberto Vecchioni photo

„È stato come chiedere scusa, a te, ma anche a me.“

—  Roberto Vecchioni cantautore, paroliere e scrittore italiano 1943

Scacco a Dio

Nek photo
Charles Bukowski photo
Ronald Laing photo
Camillo Sbarbaro photo
Antonio Fogazzaro photo
Max Gazzé photo
Annalisa (cantante) photo
Vittorio Sgarbi photo

„Intanto sia chiaro, per me ragione significa che io ho ragione.“

—  Vittorio Sgarbi critico d'arte, politico e opinionista italiano 1952

da Ragione e passione contro l'indifferenza, Bompiani, Milano, 2005
Da opere

Laura Pausini photo
Alessandro Baricco photo

„Addio, Dann. Addio, piccolo signor Rail, che mi hai insegnato la vita. Avevi ragione tu: non siamo morti. Non è possibile morire vicino a te. Perfino Mormy ha aspettato che tu fossi lontano per farlo. Adesso sono io che vado lontano. E non sarà vicino a te che morirò. Addio, mio piccolo signore, che sognavi i treni e sapevi dov'era l'infinito. Tutto quel che c'era io l'ho visto, guardando te. E sono stata ovunque, stando con te. È una cosa che non riuscirò a spiegare mai a nessuno. Ma è così. Me la porterò dietro, e sarà il mio segreto più bello. Addio, Dann. Non pensarmi mai, se non ridendo. Addio.“

—  Alessandro Baricco, libro Castelli di rabbia

Castelli di rabbia
Variante: E' Jun. E' Jun che se ne va. Ha un libro, in mano, che la sta portando lontano. Addio, Dann. Addio, piccolo signor Rail, che mi hai insegnato la vita. Avevi ragione tu: non siamo morti. Non è possibile morire vicino a te. Perfino Mormy ha aspettato che tu fossi lontano per farlo. Adesso sono io che vado lontano. E non sarà vicino a te che morirò. Addio, mio piccolo signore, che sognavi i treni e sapevi dov'era l'infinito. Tutto quel che c'era io l'ho visto, guardando te. E sono stata ovunque, stando con te. E' una cosa che non riuscirò a spiegare mai a nessuno. Ma è così. Me la porterò dietro, e sarà il mio segreto più bello. Addio, Dann.

Luciano Ligabue photo
Khalil Gibran photo

Argomenti correlati