„In chi, attraverso l'esercizio anzidetto, si accinge a penetrare, con mezzi corporei, in tale supremo cammino, nasce, innanzi tutto, un senso di beatitudine, dovuto ad un contatto colla pienezza. Segue poi il salto, cioè a dire un evidente sobbalzo, provocato dalla penetrazione, per un istante, in una realtà incorporea, simile ad un lampo improvviso; successivamente si ha un tremor di spavento, dovuto a questo, che l'improvvisa presa di possesso della propria forza susseguente all'abbandono dell'unità fra il corpo e la coscienza, cui siamo assuefatti da un numero infinito di nascite, indebolisce il corpo. Venuta verso l'interno, lo yoghin è preso quindi come da sonno: il quale dura fintantoché egli non si sia saldamente affermato nella coscienza. Immersosi quindi nel piano realissimo e fattosi chiaramente cosciente di come la coscienza sia naturata di tutte le cose, eccolo tutto vibrare. La vibrazione è infatti identica alla «grande pervasione».“

—  Abhinavagupta, 2013, 100b-104
Pubblicità

Citazioni simili

 Abhinavagupta photo
 Bhāskara photo
Pubblicità
 Abhinavagupta photo
Fëdor Dostoevskij photo
 Abhinavagupta photo
Pubblicità
 Abhinavagupta photo
 Abhinavagupta photo
Pubblicità
 Abhinavagupta photo
Mark Haddon photo
Karl Marx photo
Ernst Jünger photo