„In chi, attraverso l'esercizio anzidetto, si accinge a penetrare, con mezzi corporei, in tale supremo cammino, nasce, innanzi tutto, un senso di beatitudine, dovuto ad un contatto colla pienezza. Segue poi il salto, cioè a dire un evidente sobbalzo, provocato dalla penetrazione, per un istante, in una realtà incorporea, simile ad un lampo improvviso; successivamente si ha un tremor di spavento, dovuto a questo, che l'improvvisa presa di possesso della propria forza susseguente all'abbandono dell'unità fra il corpo e la coscienza, cui siamo assuefatti da un numero infinito di nascite, indebolisce il corpo. Venuta verso l'interno, lo yoghin è preso quindi come da sonno: il quale dura fintantoché egli non si sia saldamente affermato nella coscienza. Immersosi quindi nel piano realissimo e fattosi chiaramente cosciente di come la coscienza sia naturata di tutte le cose, eccolo tutto vibrare. La vibrazione è infatti identica alla «grande pervasione.»“

—  Abhinavagupta, Tantrāloka, Tantrāloka, Capitolo V, 2013, 100b-104
Pubblicità

Citazioni simili

 Abhinavagupta photo
 Bhāskara photo
Pubblicità
 Abhinavagupta photo
Fëdor Dostoevskij photo
 Abhinavagupta photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Nisargadatta Maharaj photo
 Abhinavagupta photo
 Bhairava photo
 Abhinavagupta photo
Mark Haddon photo
 Abhinavagupta photo
Ernst Jünger photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“