„L'esperienza […] è la memoria più la ferita che ti ha lasciato, più il cambiamento che ha portato in te e che ti ha fatto diverso.“

Il sentiero dei nidi di ragno, Prefazione

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 04 Gennaio 2021. Storia
Italo Calvino photo
Italo Calvino320
scrittore italiano 1923 - 1985

Citazioni simili

Ronald Laing photo
Michael Moore photo
Pier Luigi Celli photo

„L'accelerazione dei tempi e la velocità crescente del cambiamento mettono in discussione il valore stesso dell'esperienza.“

—  Pier Luigi Celli imprenditore, dirigente d'azienda e saggista italiano 1942

Origine: Narrare la Leadership, p. 26

Anassagora photo

„[Sappiamo usare] l'esperienza, la memoria, il sapere e l'arte.“

—  Anassagora filosofo greco antico -500 - -428 a.C.

frammento 21b
Frammenti di Sulla natura (titolo convenzionale)

Demetrio Albertini photo
Giambattista Vico photo

„Gli uomini sono naturalmente portati a conservar le memorie delle leggi e degli ordini, che li tengono dentro la loro società.“

—  Giambattista Vico filosofo, storico e giurista italiano 1668 - 1744

libro Principi di scienza nuova d'intorno alla comune natura delle nazioni

Giorgio Bassani photo
Gue Pequeno photo
Guido Morselli photo
Cristina Donà photo

„Ti ho ferito con un bacio per metà, | ma l'hai capito | che non ho fatto apposta.“

—  Cristina Donà cantautrice italiana 1967

da Niente di particolare (a parte il fatto che mi manchi), n.° 7

Fabrizio De André photo
Costantino XI di Bisanzio photo

„Dove ti ritiri? La tua ferita è leggera e l'incalzare dei nemici pressante! Abbiamo bisogno di te!“

—  Costantino XI di Bisanzio imperatore bizantino 1404 - 1453

a Giovanni Giustiniani, dopo la caduta della Porta San Romano; citato in Declino e caduta dell'Impero romano di Edward Gibbon

Friedrich Nietzsche photo
Cassandra Clare photo
Emmanuel Anati photo
Marco Follini photo

„Ho fatto mio lo schema del bipolarismo e dell'alternanza. Questo schema richiede, è ovvio, un centrodestra diverso. Ma impone a tutti noi di lavorare su questo versante, rafforzando il profilo della nostra alternativa a un centrosinistra che rischia di non pagare dazio alle sue contraddizioni soltanto perché noi invece di scommettere sul nostro cambiamento sembriamo dedicarci a una tetragona ripetizione di noi stessi.“

—  Marco Follini politico e giornalista italiano 1954

da «Difendo il bipolarismo, non andrò mai con l' Unione» https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2005/aprile/20/Difendo_bipolarismo_non_andro_mai_co_8_050420020.shtml, Corriere della sera, 20 aprile 2005, p. 16

Argomenti correlati