„Di fronte alla vasta protesta degli studenti universitari, dei ricercatori e di quelli contro i quali un tempo gli studenti protestavano, cioè i baroni universitari, ho voluto vedere se il decreto-legge contenesse qualche disposizione sull'università. L'ho letto, l'ho riletto, l'ho fatto leggere ai miei collaboratori: niente. E sono stato contento, perché questa è una forte confutazione della teoria dello zero e della teoria del nulla: si può manifestare anche contro lo zero e contro il nulla.“

Ultimo aggiornamento 18 Gennaio 2019. Storia

Citazioni simili

Giampaolo Pansa photo
Oskar Negt photo
Emilio Fede photo
Zhao Ziyang photo

„La protesta degli studenti fu il pretesto che i conservatori aspettavano da tempo.“

—  Zhao Ziyang l'ex Segretario generale del Partito Comunista Cinese 1919 - 2005

Matteo Renzi photo

„Il Ministro [Mariastella Gelmini] avrebbe dovuto avere il coraggio di chiudere la metà delle università italiane: servono più a mantenere i baroni che a soddisfare le esigenze degli studenti.“

—  Matteo Renzi politico italiano 1975

Origine: Da un'initervista a Max; citato in Renzi: "Metà delle università dovrebbero essere chiuse" http://firenze.repubblica.it/cronaca/2011/02/03/news/renzi_mat_delle_universit_dovrebbero_essere_chiuse-12010731/, Repubblica.it, sezione Firenze, 3 febbraio 2011

Frank McCourt photo
Michail Gorbačëv photo
Carl Friedrich von Weizsäcker photo
Ornella Vanoni photo
Dario Antiseri photo
Wilfred Bion photo
Aldo Grasso photo
Jovanotti photo
Eros Drusiani photo
Nek photo
Ferdinando Galiani photo

„Le teorie generali e il nulla sono, presso a poco, la stessa cosa.“

—  Ferdinando Galiani economista 1728 - 1787

da Sentenze e motti di spirito, a cura di Marco Catucci, Salerno, 1991

Karl Jaspers photo
Isaac Asimov photo

„Legge zero:
Un robot non può recare danno all'umanità, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, l'umanità riceva danno.“

—  Isaac Asimov, libro I robot e l'Impero

Variante: Prima Legge:
Un robot non può recare danno agli esseri Umani, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, gli esseri Umani ricevano danno.
Origine: Formulata da R. Daneel Olivaw e da R. Giskard Reventlov e applicata per la prima volta da quest'ultimo – primo robot mentalico – al termine del romanzo "I robot e l'Impero". Ne deriva una coerente modifica della Prima legge: "Un robot non può recare danno agli esseri Umani, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, gli esseri Umani ricevano danno, a meno che ciò non contrasti con la legge zero".

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“