Frasi su teoria

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema teoria, essere, vita, mondo.

Un totale di 709 frasi, il filtro:

Pietro Mennea photo
Stephen Hawking photo
Pietro Mennea photo
Raimon Panikkar photo
Albert Einstein photo
Jiddu Krishnamurti photo
Adolf Hitler photo
Stephen Hawking photo
Carl Sagan photo

„Un grammo di osservazione non vale una tonnellata di teoria?“

—  Carl Sagan, Contact

Origine: Contact, p. 319

Giulio Giorello photo
Charlie Chaplin photo
Cassandra Clare photo
Alan Turing photo
Muriel Barbery photo
Noam Chomsky photo
Papa Francesco photo
Sigmund Freud photo

„La teoria della bisessualità è stata definita nella sua forma più cruda da un apologista degli invertiti maschili; «un cervello di donna in un corpo d'uomo.»“

—  Sigmund Freud neurologo e psicoanalista austriaco, fondatore della psicoanalisi 1856 - 1939

Origine: Tre saggi sulla sessualità (1905), Le aberrazioni sessuali, p. 22

Simone Weil photo
Nikola Tesla photo
Constantin Brancusi photo

„Le teorie sono esposizioni senza valore. Ciò che conta è l'azione sola.“

—  Constantin Brancusi scultore rumeno 1876 - 1957

citato in Focus n. 96, p. 178
Citazioni di Constantin Brâncuşi

Ronald Laing photo

„Anche i fatti diventano immaginari senza un modo adeguato di vedere "i fatti". Non abbiamo bisogno di tante teorie ma dell'esperienza, madre di ogni teoria. Non restiamo soddisfatti con la fede, nel senso di una ipotesi non plausibile irrazionalmente presa come punto di riferimento: noi chiediamo all'esperienza l'"evidenza".
Possiamo vedere il comportamento delle altre persone, ma non la loro esperienza. Ciò ha portato alcune persone a focalizzarsi sul fatto che la psicologia non ha nulla a che fare con l'esperienza della persona, ma solo con il suo comportamento.
Il comportamento dell'altra persona è una delle mie esperienze. Il mio comportamento è un'esperienza dell'altro. Il compito della fenomenologia sociale è quello di relazionare la mia esperienza del comportamento dell'altro all'esperienza dell'altro riguardo al mio comportamento. Essa si occupa della relazione tra esperienza ed esperienza: il vero oggetto di studio è l'inter-esperienza.
Even facts become fictions without adequate ways of seeing "the facts."“

—  Ronald Laing psichiatra scozzese 1927 - 1989

We do not need theories so much as the experience that is the source of the theory. We are not satisfied with faith, in the sense of an implausible hypothesis irrationally held: we demand to experience the "evidence".
We can see other people"s behaviour, but not their experience. This has led some people to insist that psychology has nothing to do with the other person"s experience, but only with his behaviour.
The other person"s behaviour is an experience of mine. My behaviour is an experience of the other. The task of social phenomenology is to relate my experience of the other"s behaviour to the other"s experience of my behaviour. Its study is the relation between experience and experience: its true field is inter-experience.
Origine: Da The Politics of Experience, Routledge & Kegan Paul, 1967, capitolo 1, Persons and Experience.

Max Pezzali photo
Fabri Fibra photo

„La teoria della felicità | applicata alla pratica della città, | l'equilibrio dove sta?.“

—  Fabri Fibra rapper, produttore discografico e scrittore italiano 1976

da Teoria e pratica, n. 4
Casus belli

Randy Pausch photo

„Ho una mia teoria sulle persone che provengono dalle famiglie numerose: sono persone migliori degli altri, perché hanno dovuto imparare come andare d'accordo con gli altri.“

—  Randy Pausch informatico statunitense 1960 - 2008

da Randy Pausch Last Lecture: Achieving Your Childhood Dreams
Citazioni tratte da The Last Lecture (2007)

Haruki Murakami photo
Gigi D'Agostino photo
Alejandro Jodorowsky photo
Federico Fellini photo

„Non faccio un film per dibattere tesi o sostenere teorie. Faccio un film alla stessa maniera in cui vivo un sogno. Che è affascinante finché rimane misterioso e allusivo ma che rischia di diventare insipido quando viene spiegato.“

—  Federico Fellini regista e sceneggiatore italiano 1920 - 1993

Origine: Da un'intervista di Renato Barneschi, Oggi, 1983; citato in E la nave va.

Stephen King photo
Douglas Adams photo
Richard Dawkins photo
Albert Einstein photo

„Il mio pacifismo è un sentimento istintivo, un sentimento che mi abita perché l'omicidio è ripugnante. Non nasce da una teoria intellettualistica, ma da un profondo orrore per ogni forma di odio e di crudeltà.“

—  Albert Einstein scienziato tedesco 1879 - 1955

Origine: A Paul Hutchinson, direttore del Christian Century, luglio 1929; citato in Einstein on Peace, a cura di Otto Nathan e Heinz Norden, Simon and Schuster, New York, 1960, p. 98.
Origine: Pensieri di un uomo curioso, p. 99

Albert Einstein photo
Ernst Jünger photo
Bruce Lee photo
Karl Marx photo

„I comunisti possono riassumere le loro teorie in questa proposta: abolizione della proprietà privata.“

—  Karl Marx filosofo, economista, storico, sociologo e giornalista tedesco 1818 - 1883

cap. II

Alan Turing photo

„La scienza è un'equazione differenziale. La religione è una condizione al contorno.“

—  Alan Turing matematico, logico e crittografo britannico 1912 - 1954

Attribuite
Origine: Citato in J. D. Barrow, Teorie del tutto. La ricerca della spiegazione ultima.

Fabri Fibra photo

„L'odio è un sentimento naturale | come quando scopi e pensi "Godo", | l'amore invece è contro natura, | quando ami dicono "Quello sta male."“

—  Fabri Fibra rapper, produttore discografico e scrittore italiano 1976

da Teoria e pratica, n. 4
Casus belli

Filippo Tommaso Marinetti photo

„Abbiate fiducia nel progresso, che ha sempre ragione, anche quando ha torto, perché è il movimento, la vita, la lotta, la speranza.“

—  Filippo Tommaso Marinetti poeta, scrittore e romanziere italiano 1876 - 1944

da Teoria e invenzione futurista, Mondadori, 1966

Giorgio Almirante photo
Telmo Pievani photo
Fritjof Capra photo
Andrea Camilleri photo

„Innanzitutto, ho una teoria ben precisa sulla lunghezza ideale di una serie, e cioè "un intervallo durante il quale i lettori possano comprare tutti i volumi!"“

—  Eiichirō Oda mangaka creatore del manga "One Piece" 1975

Origine: Dall'angolo della posta dei capitoli 527-528, volume 54.

Albert Einstein photo
George Mosse photo

„L'opera dell'ebreo convertito Otto Weininger, Geschlecht und Charakter (Sesso e carattere) che, pubblicata nel 1904, conobbe vasta popolarità, faceva della dicotomia maschio-femmina addirittura un principio cosmico. La teoria dell'Eros, maschiocentrica, destinava la donna a una posizione ancillare rispetto all'uomo. Nelle donne, affermava Weininger, mancava l'Eros proprio degli uomini: gli interessi delle donne erano il matrimonio, la riproduzione, la soddisfazione dei bisogni dei figli, ragion per cui era da escludere che fossero responsabilmente depositarie dell'Eros culturale. Nel tentativo di conferire obbiettività alla propria tesi, Weininger esaltava il «femminino-materno» come una forza fondamentale, facendo però il panegirico del «mascolino-creativo» inteso come la forza superiore racchiudente le qualità spirituali dell'uomo. E, non contento ancora, si spinse più in là, col risultato di sconfinare vieppiù nell'assurdo e nell'irrazionale: non solo attribuì alla donna un ruolo inferiore, ma introdusse una componente razziale. Come la femmina era opposta al maschio, così l'ebreo si contrapponeva all'ariano. Le caratteristiche dell'ebreo erano equiparate a quelle della donna: l'uno e l'altra aspiravano a beni materiali a scapito degli interessi spirituali, l'uno e l'altra trasformavano l'amore in lussuria. Laddove tuttavia la femmina nell'ambito di una razza aveva semplicemente un ruolo secondario rispetto al maschio l'ebreo, di sesso maschile o femminile che fosse, era inferiore all'intera razza ariana. Le donne erano semplicemente suddite; gli ebrei nemici dell'anima e della vita spirituale.“

—  George Mosse storico tedesco 1918 - 1999

Origine: Le origini culturali del Terzo Reich, p. 317-318

Silvana De Mari photo
Sándor Ferenczi photo
Maurizio Costanzo photo
Faiz Ahmad Faiz photo
Albert Einstein photo
Enver Hoxha photo
Mao Tsé-Tung photo
Mu'ammar Gheddafi photo
Sigmund Freud photo
Alain Robbe-Grillet photo

„La teoria non è più di moda. C'è una specie di rigetto contro la teoria: dunque è adesso che si deve teorizzare.“

—  Alain Robbe-Grillet scrittore, regista e sceneggiatore francese 1922 - 2008

Origine: Citato in Focus, n. 96, p. 178.

Friedrich Engels photo

„Un'oncia di azione vale quanto una tonnellata di teoria.“

—  Friedrich Engels economista, filosofo e politico tedesco 1820 - 1895

Origine: Citato in Focus n. 117, p. 183.

Albert Einstein photo

„In tal caso mi spiacerebbe proprio per il buon Dio: la teoria è giusta!“

—  Albert Einstein scienziato tedesco 1879 - 1955

Origine: In risposta alla domanda di uno studente su cosa avrebbe detto se la teoria della relatività generale non fosse stata confermata dalle misurazioni astronomiche. Pensieri di un uomo curioso, p. 124.
Origine: Nel 1919, Archivio Einstein 33-257.
Origine: Pensieri di un uomo curioso, p. 124

Albert Einstein photo

„Se verrà dimostrato che la mia teoria della relatività è valida, la Germania dirà che sono tedesco e la Francia che sono cittadino del mondo. Se la mia teoria dovesse essere sbagliata, la Francia dirà che sono un tedesco e la Germania che sono un ebreo.“

—  Albert Einstein scienziato tedesco 1879 - 1955

Origine: Da un discorso in Sorbona alla Società filosofica francese, 6 aprile 1922; riportato dalla stampa francese, 7 aprile 1922, Archivio Einstein 36-378; riportato in Berliner Tageblatt, 8 aprile 1922, Archivio Einstein 79-535.
Origine: Pensieri di un uomo curioso, p. 31

Aldous Huxley photo
Friedrich Nietzsche photo

„Il fatto che una teoria sia confutabile, non è il suo fascino più insignificante: proprio per questo essa attrae le intelligenze più acute.“

—  Friedrich Nietzsche filosofo, poeta, saggista, compositore e filologo tedesco 1844 - 1900

18; 1993

Albert Camus photo
Bertrand Russell photo
Groucho Marx photo
John Maynard Keynes photo

„Montesquieu, il maggior economista francese, quello che è giusto paragonare a Adam Smith, e che in perspicacia, chiarezza di idee e buon senso (doti che ogni economista dovrebbe possedere) supera di cento cubiti i fisiocratici.“

—  John Maynard Keynes economista britannico 1883 - 1946

Origine: Dalla prefazione all'edizione francese di Teoria generale dell'occupazione, dell'interesse e della moneta; citato in Raymond Aron, Le tappe del pensiero sociologico, CDE, Milano, 1984, p. 35.

Karl Raimund Popper photo
Carl Gustav Jung photo

„La teoria del trauma è stata perciò accantonata perché antiquata, infatti avendo compreso che la radice delle nevrosi non è il trauma, bensì il conflitto erotico nascosto, il trauma perde la sua importanza patogena.“

—  Carl Gustav Jung psichiatra, psicoanalista e antropologo svizzero 1875 - 1961

Origine: La psicologia dei processi inconsci (1917), p. 25; 1997

Maksim Gor'kij photo
Carl von Clausewitz photo
Carl von Clausewitz photo

„Guai alla teoria che si metta in opposizione allo Spirito!“

—  Carl von Clausewitz, libro Della guerra

libro II, II, 13, Essi non tengono conto del genio che è al di fuori d'ogni regola
Variante: Guai alla teoria che si mette in opposizione con lo spirito.

David Bohm photo
Jonathan Safran Foer photo

„Dopo essere fuggito dalla Polonia occupata dai nazisti, il premio Nobel Isaac Bashevis Singer paragonò i pregiudizi di specie alle «teorie razziste più estremistiche». Singer sosteneva che i diritti degli animali fossero la forma più pura di difesa della giustizia sociale perché gli animali sono i più vulnerabili di tutti gli oppressi. A suo parere i maltrattamenti degli animali erano l'epitome del paradigma morale secondo cui «la forza è diritto.»“

—  Jonathan Safran Foer, libro Se niente importa

Origine: Isaac Bashevis Singer: «Tutte le volte in cui Herman aveva assistito al massacro di un animale o di un pesce, era sempre stato assalito dalla stessa riflessione: nel loro comportamento con le creature viventi, tutti gli uomini dimostravano di essere nazisti. La presuntuosità con la quale l'uomo faceva con le altre specie quel che gli piaceva era una esemplificazione delle teorie razziste più estremistiche, il principio secondo il quale la forza è diritto».
Origine: Se niente importa, Ci sono, pp. 229-230

James Clerk Maxwell photo
George Steiner photo
George Steiner photo

„L'intellettuale non ha scelta, salvo fra essere sé stesso o tradire sé stesso. Se pensa che la «felicità», come appare nelle definizioni fondamentali della teoria e della pratica dell'American way of life, sia preferibile, se non sospetta che la «felicità» in quasi tutte le sue forme sia il dispotismo dell'ordinario, del volgare, ha sbagliato mestiere. Queste cose sono organizzate meglio nel mondo del despota. Gli artisti, i pensatori, gli scrittori ricevono il tributo irremovibile dell'attenzione e della repressione politiche. Il KGB e lo scrittore serio sono pienamente d'accordo perché sano entrambi – anche perché agiscono entrambi in funzione di questa conoscenza – che una poesia (quando Pasternak citò il primo verso di un sonetto di Shakespeare alla presenza di uno Ždanov inviperito, per esempio), un romanzo, una scena di tragedia possono essere la centrale energetica degli affari umani, che niente è più carico di detonatori di sogni e di azioni che la parola, e soprattutto la parola che si conosce a memoria. […] Imprigionare un uomo perché cita Riccardo III durante le purghe del 1937, arrestarlo a Praga perché tiene un seminario su Kant, significa valutare esattamente l'importanza della grande letteratura e della grande filosofia. Significa onorare perversamente, ma cionondimeno onorare, l'ossessione della verità.
Quale testo, quale dipinto, quale sinfonia potrebbe scuotere l'edificio della politica americana? Quale atto di pensiero astratto ha qualche influenza? Chi se ne cura?“

—  George Steiner scrittore e saggista francese 1929 - 2020

da Gli archivi dell'Eden: p. 218

Peter Singer photo
Lucio Anneo Seneca photo

„Lunga è la via dell'insegnare per mezzo della teoria, breve ed efficace per mezzo dell'esempio.“

—  Lucio Anneo Seneca, libro Epistulae morales ad Lucilium

6, 5
Longum iterest per praecepta, breve et efficax per exempla
Epistulae morales ad Lucilium

Fëdor Dostoevskij photo

„È una cosa lunga, Avdot'ja Romànovna. Si tratta… come posso spiegarvelo?… Si tratta di una specie di teoria, secondo la quale io ritengo, per esempio, che un delitto sia lecito, se lo scopo essenziale è buono. Una sola cattiveria e cento buone azioni! Naturalmente, per un giovane con molti meriti e con un amor proprio smisurato è anche spiacevole sapere che, per esempio, se avesse solo tremila rubli, tutta la sua carriera, tutto il suo avvenire e lo scopo della sua vita assumerebbero un aspetto diverso; e intanto quei tremila rubli non ci sono. Ag­giungete, poi, l'esasperazione provocata dalla fame, da un'abi­tazione angusta, dagli stracci, dalla chiara consapevolezza della sua bella posizione sociale e anche di quella della sorella e della madre. Ma soprattutto la vanità, l'orgoglio e la vanità, accompagnati magari, lo sa Iddio, da inclinazioni buone…. Io non lo accuso, non pensatelo nemmeno, vi prego; e poi, non è affar mio. C'entrava anche una sua teoria personale, una teoria così e così, secondo la quale gli uomini si dividono in mate­riale grezzo e individui speciali, cioè individui per i quali, data la loro posizione elevata, la legge non vale; anzi, sono loro che fanno le leggi per gli altri uomini, per il materiale, per la spazzatura. Non c'è male, una teoria così e così: une thèorie comme une autre. Napoleone lo ha terribilmente affascinato; cioè, con più precisione, lo ha affascinato l'idea che moltissimi uomini geniali non abbiano badato a una cattiveria singola e siano passati oltre, senza stare a pensarci. A quanto sembra, si è immaginato di essere anche lui un uomo geniale, ossia ne è stato convinto per un certo tempo. Ha sofferto molto e soffre ancora, pensando che ha saputo formulare la teoria, ma che non è riuscito a passare oltre senza stare a pensarci, e che, quindi, non è un uomo geniale. […] oggi tutte le cose si sono arruf­fate; del resto, non sono mai state molto in ordine. I russi, in generale, hanno una mentalità molto larga, Avdot'ja Romà­novna, larga come il loro paese, e sono molto inclini alle fantasti­cherie, al disordine; però, è un guaio avere una mentalità larga senza essere particolarmente geniali.“

—  Fëdor Dostoevskij, libro Delitto e castigo

Delitto e castigo

José Gabriel Funes photo
Nicolás Gómez Dávila photo
David Foster Wallace photo
Sabina Guzzanti photo
Bettino Craxi photo
Ashley Montagu photo
Marco Dezzi Bardeschi photo

„Ridefiniamo quindi il restauro come la sommatoria di due ordini di operazioni: Restauro = progetto di conservazione dell'esistente (come valore complessivo) + progetto del nuovo (come valore aggiuntivo).“

—  Marco Dezzi Bardeschi ingegnere e architetto italiano 1934 - 2018

citato da Simone Venturini in AA.VV., Il restauro cinematografico. Principi, teorie, metodi, Campanotto, 2006, p. 44. ISBN 9788845608049

Fabri Fibra photo

„Se la parola non detta è oro | vorrei metterla in rima per guadagnare.“

—  Fabri Fibra rapper, produttore discografico e scrittore italiano 1976

da Teoria e pratica, n. 4
Casus belli

Fabri Fibra photo

„Faccio i testi che voi non fate, | io mi svuoto con le rime, voi vi gonfiate.“

—  Fabri Fibra rapper, produttore discografico e scrittore italiano 1976

da Teoria e pratica, n. 4
Casus belli

Maurizio Crozza photo

„La teoria di Benjamin dice che un corpo immerso nell'acqua si lava, un corpo immerso in un altro corpo si diverte, un corpo immerso in due corpi è orgia.“

—  Maurizio Crozza comico, imitatore e conduttore televisivo italiano 1959

Imitazioni, Antonino Zichichi, Apparizioni su Rai Uno