„Gli esistenzialisti sono scomparsi all'arrivo degli strutturalisti. All'arrivo di Lacan. Gli strutturalisti erano interessati al linguaggio, alla grammatica e alle parole. Sartre e gli esistenzialisti invece erano interessati all'esperienza. Ovviamente io sto con gli esistenzialisti. Con le parole puoi dire qualunque cosa. Puoi mentire finché vuoi, ma non puoi mentire quando ri-crei un'esperienza. Come diceva La Rochefoucauld: «Perché parli tanto? Che hai da nascondere?». Spesso le parole servono a nascondere le cose. Io voglio avere un ricordo perfetto e controllo perfetto del passato. Che senso avrebbe allora mentire?“

Origine: Distruzione del padre, Ricostruzione del padre. Scritti e interviste, p. 251

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 04 Giugno 2020. Storia

Citazioni simili

Albert Camus photo
Richard Nixon photo
Ellen Page photo
Flavio Pagano photo
John Lennon photo
Sergio Caputo photo

„Essere o non essere firmati Saint Laurent? gli esistenzialisti si chiedevano nei bar.“

—  Sergio Caputo cantautore e musicista italiano 1954

Tigre contro tigre, n. 10
Effetti personali

Edward Snowden photo
Laurell K. Hamilton photo
Anthony de Mello photo
Lamberto Sposini photo
Francesco Moser photo
Philip K. Dick photo

„Lo strumento fondamentale per la manipolazione della realtà è la manipolazione delle parole. Se puoi controllare il significato delle parole, puoi controllare le persone che devono usare le parole.“

—  Philip K. Dick scrittore di Fantascienza statunitense 1928 - 1982

The basic tool for the manipulation of reality is the manipulation of words. If you can control the meaning of words, you can control the people who must use the words.

Francesco Guccini photo
Fabri Fibra photo
Decimo Giunio Giovenale photo

„Che cosa farò a Roma? Non so mentire.“

—  Decimo Giunio Giovenale, libro Satire

III, 41
Quid Romae faciam? Mentiri nescio.
Satire

Umberto Saba photo
Oprah Winfrey photo

Argomenti correlati