Frasi da libro
Il Natale di Poirot

Il Natale di Poirot
Agatha ChristieTitolo originale Hercule Poirot's Christmas (Inglese, 1939)

Il Natale di Poirot è un romanzo giallo scritto da Agatha Christie e pubblicato nel 1939 in lingua inglese e nel 1940 in Italia. È la diciassettesima avventura della scrittrice che ha come protagonista il famoso Hercule Poirot.


Agatha Christie photo

„Dunque," mormorò, "secondo lei le feste natalizie sono un'epoca poco favorevole ai delitti."
"E' quel che penso."
"Perché?"
"Perché?" Johnson parve un pò perplesso. "Perché, come ho detto, c'è un senso diffuso di allegria, di buona volontà… di buoni pranzi…"
"Come siete sentimentali, voi inglesi!"
"Bé, e anche se fosse così, che male ci vede? E' forse un male amare le tradizioni, le vecchie feste?"
"Oh no, nessun male, anzi è una cosa molto poetica! Ma esaminiamo i fatti. Lei ha detto che Natale è un'epoca di buoni pranzi. Questo significa che in questi giorni si mangia e si beve troppo… Per conseguenza… indigestioni, e all'indigestione si accompagna spesso una speciale irritabilità del carattere."
"Ma i delitti non vengono commessi per irritabilità."
"uhm! Non ne sono troppo sicuro… Ma partiamo anche da un altro punto di vista. A Natale impera lo spirito di "buona volontà". Vecchi litigi vengono dimenticati, coloro che si trovano in disaccordo fanno la pace… Sia pure provvisoriamente, le famiglie che sono state separate per tutto l'anno si raccolgono ancora una volta. In queste occasioni, amico mio, deve ammettere che i nervi possono venir sottoposti a dura prova. Persone che non hanno alcuna voglia di essere amabili fanno uno sforzo per apparirlo… C'è in essi molta ipocrisia, a Natale, onorevole ipocrisia, senza dubbio, ipocrisia pour le bon motif, ma sempre ipocrisia."
"Bé… io non presenterei le cose in questo modo," disse Johnson con aria dubbiosa.
Poirot gli sorrise.
"No, no, sono io che le presento così… e che sostengo come lo sforzo per essere buoni e amabili crei un malessere che può riuscire in definitiva pericoloso. Chiudete le valvole di sicurezza del vostro contegno naturale, e, presto o tardi, la caldaia scoppierà provocando un disastro."
Il colonnello Johnson guardò il piccolo belga.
"Non riesco mai a capire quando parla sul serio e quando si sta burlando di me."
"Non parlo sul serio, no!" disse Poirot ridendo. "Nemmeno per sogno. Ma sostengo che condizioni artificiali di vita finiscono sempre con una naturale reazione.“

—  Agatha Christie, libro Il Natale di Poirot

Hercule Poirot's Christmas

Agatha Christie photo

„Dunque," chiese, "tu non apprezzi proprio la fedeltà? La fedeltà alle proprie memorie?"
"Io credo che solo il presente abbia importanza, non il passato. Lasciamolo perdere il passato. Se cerchiamo di mantenerlo in vita, lo alteriamo, lo vediamo in una prospettiva sbagliata… esageriamo sempre."
"Ma io ricordo a perfezione ogni parola e ogni incidente di quei giorni!" esclamò David con passione.
"E non dovresti, caro: perché così rivivi quei giorni col sentimento di un ragazzo, mentre dovresti giudicarli con l'equilibrio e la maturità di un uomo."
"E che importa?"
Hilda esitò. Si rendeva conto che non era saggio proseguire, eppure desiderava troppo dire certe cose.
"Ecco… io credo che tu continui a veder tuo padre come un… mostro. Ne fai una specie di personificazione del male… Probabilmente invece, se lo vedessi oggi, ti renderesti conto che è un uomo qualunque, un uomo forse dominato dalle passioni, non esente da biasimo, ma sempre e soltanto un uomo, non una specie di mostro inumano."
"Non capisci… Il modo in cui ha trattato mia madre…"
"Vi è una certa forma di dolcezza, di sottomissione," disse Hilda gravemente, "che stimola i peggiori istinti di un uomo, mentre lo stesso uomo affrontato con spirito deciso diventerebbe una creatura tutta diversa."
"Dunque, secondo te, è colpa della mamma…"
"No, no," lo interruppe Hilda. "Sono certa che tuo padre deve averla trattata molto male, ma… ma il matrimonio è una cosa specialissima e non credo che un estraneo - sia pure un figlio - abbia il diritto di giudicare tra i coniugi. Comunque, il tuo risentimento attuale non può più aiutare in nulla tua madre… Tutto è finito, ormai: non rimane che un vecchio malandato in salute che desidera rivedere suo figlio per Natale."
"E tu vuoi che io vada?"
Ancora una volta Hilda esitò. Poi si decise.
"Sì," disse. "Desidero che tu vada, e la faccia finita una volta per tutte.“

—  Agatha Christie, libro Il Natale di Poirot

Hercule Poirot's Christmas

Autori simili

Agatha Christie photo
Agatha Christie50
scrittrice britannica 1890 - 1976
Virginia Woolf photo
Virginia Woolf125
scrittrice, saggista e attivista britannica
Doris Lessing photo
Doris Lessing14
scrittrice inglese
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley152
scrittore britannico
William Somerset Maugham photo
William Somerset Maugham77
scrittore e commediografo britannico
Rudyard Kipling photo
Rudyard Kipling64
scrittore e poeta britannico
Richard Dawkins photo
Richard Dawkins61
etologo, biologo e divulgatore scientifico britannico
Toni Morrison photo
Toni Morrison27
scrittrice statunitense
Oriana Fallaci photo
Oriana Fallaci152
scrittrice italiana
Marina Ivanovna Cvetaeva photo
Marina Ivanovna Cvetaeva5
poetessa e scrittrice russa
Autori simili
Agatha Christie photo
Agatha Christie50
scrittrice britannica 1890 - 1976
Virginia Woolf photo
Virginia Woolf125
scrittrice, saggista e attivista britannica
Doris Lessing photo
Doris Lessing14
scrittrice inglese
Aldous Huxley photo
Aldous Huxley152
scrittore britannico
William Somerset Maugham photo
William Somerset Maugham77
scrittore e commediografo britannico
x