Frasi da libro
Tusculanae disputationes

I cinque libri delle Tusculanae disputationes costituiscono un'opera filosofica di Marco Tullio Cicerone, che vide la luce all'incirca nel 45 a.C.Lo scopo dell'opera era di divulgare a Roma la filosofia stoica. Il titolo deriva dal fatto che Cicerone affermava di averle composte nella sua villa di Tusculum.


Marco Tullio Cicerone photo

„Io quand'ero questore scoprii la sua tomba [di Archimede], sconosciuta ai Siracusani, cinta con una siepe da ogni lato e vestita da rovi e spineti, sebbene negassero completamente che esistesse. Tenevo, infatti, alcuni piccoli senari, che avevo sentito essere scritti nel suo sepolcro, i quali dichiaravano che alla sommità del sepolcro era posta una sfera con un cilindro. Io, poi, osservando con gl'occhi tutte le cose – c'è, infatti, alle porte Agrigentine una grande abbondanza di sepolcri – volsi l'attenzione ad una colonnetta non molto sporgente in fuori da dei cespugli, sulla quale c'era sopra la figura di una sfera e di un cilindro. E allora dissi subito ai Siracusani – c'erano ora dei principi con me – che io ero testimone di quella stessa cosa che stavo cercando. Mandati dentro con falci, molti ripulirono e aprirono il luogo. Per il quale, dopo che era stato aperto l'accesso, arrivammo alla base posta di fronte. Appariva un epigramma sulle parti posteriori corrose, di brevi righe, quasi dimezzato. Così la nobilissima cittadinanza della Grecia, una volta veramente molto dotta, avrebbe ignorato il monumento del suo unico cittadino acutissimo, se non lo fosse venuto a sapere da un uomo di Arpino.“

—  Marco Tullio Cicerone, libro Tusculanae disputationes

V, 23, 64-66
Cuius ego quaestor ignoratum ab Syracusanis, cum esse omnino negarent, saeptum undique et vestitum vepribus et dumetis indagavi sepulcrum. Tenebam enim quosdam senariolos, quos in eius monumento esse inscriptos acceperam, qui declarabant in summo sepulcro sphaeram esse positam cum cylindro. Ego autem cum omnia collustrarem oculis – est enim ad portas Agragantinas magna frequentia sepulcrorum – animum adverti columellam non multum e dumis eminentem, in qua inerat sphaerae figura er cylindri. Atque ego statim Syracusanis – erant autem principes mecum – dixi me illud ipsum arbitrari esse, quod quaererem. Immissi cum falcibus multi purgarunt et aperuerunt locum. Quo cum patefactus esset aditus, ad adversam basim accessimus. Apparebat epigramma exesis posterioribus partibus versiculorum dimidiatum fere. ita nobilissima Graeciae civitas, quondam vero etiam doctissima, sui civis unius acutissimi monumentum ignorasset, nisi ab homine Arpinate didicisset.
Philippicae, Tusculanae disputationes

Marco Tullio Cicerone photo
Marco Tullio Cicerone photo

„Mi sembra che la morte sia un male.“

—  Marco Tullio Cicerone, libro Tusculanae disputationes

I, 5, 9
Malum mihi videtur esse mors.
Philippicae, Tusculanae disputationes

Autori simili

Marco Tullio Cicerone photo
Marco Tullio Cicerone113
avvocato, politico, scrittore, oratore e filosofo romano -106 - -43 a.C.
Publio Cornelio Tacito photo
Publio Cornelio Tacito48
storico, oratore e senatore romano
Lucio Anneo Seneca photo
Lucio Anneo Seneca157
filosofo, poeta, politico e drammaturgo romano
Demostene photo
Demostene17
politico e oratore ateniese
Gaio Giulio Cesare photo
Gaio Giulio Cesare13
console, dittatore, oratore, scrittore romano
Eneo Domizio Ulpiano photo
Eneo Domizio Ulpiano11
politico e giurista romano
Decimo Giunio Giovenale photo
Decimo Giunio Giovenale36
poeta e oratore romano
Apuleio photo
Apuleio32
scrittore e filosofo romano
Petronio Arbitro photo
Petronio Arbitro27
scrittore, filosofo
Autori simili
Marco Tullio Cicerone photo
Marco Tullio Cicerone113
avvocato, politico, scrittore, oratore e filosofo romano -106 - -43 a.C.
Publio Cornelio Tacito photo
Publio Cornelio Tacito48
storico, oratore e senatore romano
Lucio Anneo Seneca photo
Lucio Anneo Seneca157
filosofo, poeta, politico e drammaturgo romano
Demostene photo
Demostene17
politico e oratore ateniese