Frasi di Marco Tullio Cicerone

Marco Tullio Cicerone foto

112   38

Marco Tullio Cicerone

Data di nascita: 3. Gennaio 106 a.C.
Data di morte: 7. Dicembre 43 a.C.
Altri nomi: Marcus T. Cicero, Цицерон

Marco Tùllio Ciceróne è stato un avvocato, politico, scrittore, oratore e filosofo romano.

Esponente di un'agiata famiglia dell'ordine equestre, Cicerone fu una delle figure più rilevanti di tutta l'antichità romana. La sua vastissima produzione letteraria, che va dalle orazioni politiche agli scritti di filosofia e retorica, oltre a offrire un prezioso ritratto della società romana negli ultimi travagliati anni della repubblica, rimase come esempio per tutti gli autori del I secolo a.C., tanto da poter essere considerata il modello della letteratura latina classica.

Attraverso l'opera di Cicerone, grande ammiratore della cultura greca, i Romani poterono anche acquisire una migliore conoscenza della filosofia. Tra i suoi maggiori contributi alla cultura latina ci fu senza dubbio la creazione di un lessico filosofico latino: Cicerone si impegnò, infatti, a trovare il corrispondente vocabolo in latino per tutti i termini specifici del linguaggio filosofico greco. Tra le opere fondamentali per la comprensione del mondo latino si collocano invece le Lettere , che offrono numerosissime riflessioni su ogni avvenimento, permettendo di comprendere quali fossero le reali linee politiche dell'aristocrazia romana.

Cicerone occupò per molti anni anche un ruolo di primaria importanza nel mondo della politica: dopo aver salvato la repubblica dal tentativo eversivo di Lucio Sergio Catilina ed aver così ottenuto l'appellativo di pater patriae , ricoprì un ruolo di primissima importanza all'interno della fazione degli Optimates. Fu infatti Cicerone che, negli anni delle guerre civili, difese strenuamente fino alla morte una repubblica giunta ormai all'ultimo respiro e destinata a trasformarsi nel principatus augusteo.


„O fortunata Roma, nata sotto il mio consolato!“ da De consulatu suo; citato in Quintiliano, Institutio Oratoria, come verso particolarmente cacofonico e sgradevole; e da Giovenale, Satire, X, 122

„Se presso alla biblioteca ci sarà un giardino, nulla ci mancherà.“ IX, 4, a Varrone


„Siamo schiavi delle leggi per poter essere liberi.“ da Pro Aulo Cluentio Habito, 146

„Nulla c'è che Dio non possa fare.“ III, 39

„Anche una vita breve è abbastanza lunga per vivere con virtù e onore.“

„La leggerezza è propria dell'età che sorge, la saggezza dell'età che tramonta.“

„Ciascuna parte della vita ha un suo proprio carattere, sì che la debolezza dei fanciulli, la baldanza dei giovani, la serietà dell'età virile e la maturità della vecchiezza portano un loro frutto naturale che va colto a suo tempo.“

„Con la virtù per guida, la fortuna per compagna.“ X, 3


„La vecchiaia è il compimento della vita, l'ultimo atto della commedia.“ XXIII

„Le leggi tacciono in tempo di guerra.“ da Pro Milone, IV, 11

„L'opera poetica di Lucrezio è proprio come mi scrivi: rivela uno splendido ingegno, ma anche notevole abilità artistica.“ da Epistulae ad Quintum fratrem, II, 9, 3

„Finché c'è vita, c'è speranza.“ dalle Epistulae Ad Atticum


„Sardi da vendere (l'uno più tristo dell'altro).“ VII, 24, 2

„La storia è testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita, nunzia dell'antichità.“ II, 9

„Come non tutti i vini, così non tutti i caratteri inacidiscono invecchiando.“

„È da stolti il vedere i vizi altrui e dimenticare i propri.“ III, 30

Autori simili