Frasi di Asma al-Assad

Asma al-Assad photo
15   4

Asma al-Assad

Data di nascita: 11. Agosto 1975

Asmā ʾ Akhras, meglio nota col nome da sposata, come Asmāʾ al-Asad , è la moglie del presidente della Siria Bashar al-Asad.

„Il mio Paese non è ricco, la società è solidale perché basata sulla famiglia.“

—  Asma al-Assad

Origine: Da un'intervista a Famiglia cristiana; citato in Uniti contro la povertà – Intervista alla moglie del presidente siriano https://codacons.it/uniti-contro-la-povert-intervista-alla-moglie-del-presidente-siriano/, Codacons.it, 26 ottobre 2008.

„Non è tanto importante la posizione che si occupa, ma ciò che si fa. La posizione, però, è una piattaforma incredibile, che va gestita con responsabilità per garantire l'uso delle risorse in modo che possano influenzare positivamente i cambiamenti nel Paese. Più si riesce a costruire un rapporto con la popolazione, più fiducia si crea tra le persone e più efficace sarà l'azione di cambiamento. Il più delle volte le soluzioni vengono dalle persone che hanno problemi.“

—  Asma al-Assad

Variante: Non è tanto importante la posizione che si occupa, ma ciò che si fa. La posizione, però, è una piattaforma incredibile, che va gestita con responsabilità per garantire l'uso delle risorse in modo che possano influenzare positivamente i cambiamenti nel Paese. Più si riesce a costruire un rapporto con la popolazione, più fiducia si crea tra le persone e più efficace sarà l'azione di cambiamento. Il più delle volte le soluzioni vengono dalle persone che hanno problemi.

„Io ho incontrato l'uomo dei miei sogni. Inoltre, nello stesso periodo altri fatti significativi sono avvenuti, specialmente in Siria. L'analfabetismo è sceso. La povertà è calata del 20 per cento, la crescita economica è passata dal meno 1 per cento del 2000 al più 6,1 del 2007. Il Governo si è impegnato a raddoppiare le spese per l'insegnamento in cinque anni. C'è stata una crescita delle opportunità nel nostro Paese in ogni settore. Per alcuni la situazione può sembrare scoraggiante. Io la trovo stimolante.“

—  Asma al-Assad

Variante: Io ho incontrato l'uomo dei miei sogni. Inoltre, nello stesso periodo altri fatti significativi sono avvenuti, specialmente in Siria. L'analfabetismo è sceso. La povertà è calata del 20 per cento, la crescita economica è passata dal meno 1 per cento del 2000 al più 6,1 del 2007. Il Governo si è impegnato a raddoppiare le spese per l’insegnamento in cinque anni. C'è stata una crescita delle opportunità nel nostro Paese in ogni settore. Per alcuni la situazione può sembrare scoraggiante. Io la trovo stimolante.

„In Europa l'immigrazione è un problema. Per noi è la conseguenza del problema. La gente lascia i nostri Paesi e viene da voi. Ecco allora che lavorare insieme diventa prioritario. Oggi abbiamo in Siria 1,5 milioni di iracheni, oltre 500 mila rifugiati palestinesi e nell'estate 2006 circa 700 mila libanesi si sono rifugiati da noi. È come se in Italia fossero arrivati 5,8 milioni di profughi in pochi mesi. Noi cosa abbiamo fatto? Abbiamo aperto le nostre scuole: sono 30 mila i bambini iracheni che studiano nelle scuole siriane e speriamo con l'anno prossimo di arrivare a 50 mila. Perché lo facciamo? Perché se ai minori diamo la possibilità di studiare, sosteniamo una generazione, e non importa che siano iracheni. Sono i nostri vicini. Abbiamo aperto anche i nostri ospedali. E soprattutto abbiamo aperto i nostri cuori. La Siria non è un Paese ricco e questa ondata ha avuto un grande impatto. Ma cos'altro potevamo fare?“

—  Asma al-Assad

Variante: In Europa l’immigrazione è un problema. Per noi è la conseguenza del problema. La gente lascia i nostri Paesi e viene da voi. Ecco allora che lavorare insieme diventa prioritario. Oggi abbiamo in Siria 1,5 milioni di iracheni, oltre 500 mila rifugiati palestinesi e nell'estate 2006 circa 700 mila libanesi si sono rifugiati da noi. È come se in Italia fossero arrivati 5,8 milioni di profughi in pochi mesi. Noi cosa abbiamo fatto? Abbiamo aperto le nostre scuole: sono 30 mila i bambini iracheni che studiano nelle scuole siriane e speriamo con l’anno prossimo di arrivare a 50 mila. Perché lo facciamo? Perché se ai minori diamo la possibilità di studiare, sosteniamo una generazione, e non importa che siano iracheni. Sono i nostri vicini. Abbiamo aperto anche i nostri ospedali. E soprattutto abbiamo aperto i nostri cuori. La Siria non è un Paese ricco e questa ondata ha avuto un grande impatto. Ma cos'altro potevamo fare?

Autori simili

Barack Obama photo
Barack Obama77
44º Presidente degli Stati Uniti d'America
Courtney Love photo
Courtney Love9
cantante e attrice statunitense
James Hetfield photo
James Hetfield4
cantante e chitarrista statunitense
Gianrico Carofiglio photo
Gianrico Carofiglio48
magistrato, scrittore e politico italiano
Jack Ma photo
Jack Ma2
imprenditore cinese
Anthony Robbins photo
Anthony Robbins12
scrittore, oratore
Michael Jordan photo
Michael Jordan30
cestista statunitense
Bashar al-Assad photo
Bashar al-Assad17
politico siriano
Maram al-Masri photo
Maram al-Masri5
poetessa e scrittrice siriana
Emmanuel Macron photo
Emmanuel Macron16
25° Presidente della Repubblica francese
Anniversari di oggi
Khalil Gibran photo
Khalil Gibran210
poeta, pittore e filosofo libanese 1883 - 1931
Lenin photo
Lenin55
rivoluzionario e politico russo 1870 - 1924
Vladimir Vladimirovič Nabokov photo
Vladimir Vladimirovič Nabokov82
scrittore, saggista e critico letterario russo 1899 - 1977
Domenico Cirillo photo
Domenico Cirillo32
medico e botanico italiano 1739 - 1799
Altri 70 anniversari oggi
Autori simili
Barack Obama photo
Barack Obama77
44º Presidente degli Stati Uniti d'America
Courtney Love photo
Courtney Love9
cantante e attrice statunitense
James Hetfield photo
James Hetfield4
cantante e chitarrista statunitense
Gianrico Carofiglio photo
Gianrico Carofiglio48
magistrato, scrittore e politico italiano
Jack Ma photo
Jack Ma2
imprenditore cinese