Frasi di Fernando Arrabal

Fernando Arrabal foto

3   0

Fernando Arrabal

Data di nascita: 11. Agosto 1932

Fernando Arrabal Terán è un drammaturgo, saggista, regista, sceneggiatore, poeta, scrittore e pittore spagnolo.

Considerato uno degli autori più importanti e completi del XX secolo, Arrabal è spesso visto come l'incarnazione dell'arte contemporanea; è infatti l'unico ad aver collaborato con tutte e tre le icone dell'arte contemporanea: André Breton per il Surrealismo; Tristan Tzara per il Dadaismo e Andy Warhol per la Pop art. Le sue opere teatrali sono tra le più rappresentate al mondo. Si tratta di un teatro che porta spesso all'estremo le tematiche del realismo, dell'assurdità dell'esistenza, della patafisica e dell'impegno civile e politico.

Da bambino subisce un forte trauma per la misteriosa scomparsa del padre, prima condannato a morte e successivamente evaso. A causa di ciò, come ha scritto il premio Nobel Vicente Aleixandre, la conoscenza che fornisce Arrabal viene permeata di una luce morale che è contenuta nella materia stessa della sua arte.

Ha diretto sette lungometraggi. Ha pubblicato quattordici romanzi, circa ottocento libri di poesia, vari saggi tra i quali si evidenziano i testi dedicati al gioco degli scacchi. Le sue opere sono state tradotte in numerose lingue. Ebbe particolare eco la sua Lettera al Generale Franco pubblicata quando il dittatore era ancora in vita. Alla morte di Franco, il nome di Arrabal appare nella lista dei cinque spagnoli più pericolosi: Carrillo, la Pasionaria, Líster, il Campesino e, appunto, Arrabal. L'opera completa del suo teatro, edita nelle principali lingue, è stata pubblicata in due volumi di più di duemila pagine nella collezione Clásicos Castellanos della casa editrice Espasa nel 1997 e aggiornata nel 2009.

Nel 1963, con Alejandro Jodorowsky e Roland Topor, fonda il Movimento Panico. Dal 1990 è Trascendent Satrape del Collegio di Patafisica. Amico di Andy Warhol e di Tristan Tzara, fece parte per tre anni del gruppo surrealista di André Breton; per questo motivo, Mel Gussow lo definisce l'unico sopravvissuto delle «tre reincarnazioni della modernità».

Dal Dictionnaire des littératures de langue française .



„Incubo. Parola che in spagnolo suona innocente, pesadilla, ma non lo è: l'incubo sono i cavalli nella notte, è il diavolo.“

„Baal Babilonia è stato il mio primo romanzo, poi ne sarebbero seguiti una dozzina. È un libro che alcuni hanno amato molto. L'ho scritto in un momento in cui per me era più facile descrivere i sentimenti che le sensazioni. E non è cambiato molto: sono tuttora incapace di descrivere un orgasmo.“

„Io non sono un grande analizzatore della politica. La mia attenzione scientifica va all'astrofisica, al prione, a mucca pazza. La politica la vivo un po' come l'amore.“