Frasi di Ramón Gómez De La Serna

Ramón Gómez De La Serna foto

124   12

Ramón Gómez De La Serna

Data di nascita: 3. Luglio 1888
Data di morte: 12. Gennaio 1963

Ramón Gómez de la Serna è stato uno scrittore e aforista spagnolo, generalmente ascritto alla Generazione del '14 o Novecentismo, e considerato l'inventore del genere letterario conosciuto come greguería.

All'età di trentasei anni Ramón aveva pubblicato circa un'ottantina di volumi. La sua produzione letteraria fu particolarmente ricca nel complesso fino a contare una novantina di titoli a partire con Entrando en fuego del 1904 e finendo con Automoribundia e Nuevas páginas de mi vida: Lo que no dije en mi “Automoribundia”.

Frasi Ramón Gómez De La Serna


„I laghi sono le pozzanghere rimaste dopo il diluvio.“ libro Mille e una greguería

„Azionava il suo accendino come uno che si suicida elegantemente.“


„La differenza che c'è tra le ninfe e le sirene è che le ninfe danno baci dolci e le sirene salati.“

„C'è in ogni armadio un paio di calzini che non si usano mai, ma che sono semenza di calzini.“

„Il tram approfitta delle curve per piangere.“

„Com'è amaro vedere il tempo nella clessidra! È come bere un bicchiere di deserto. (p. 46)“

„Fetta di cocomero: luna di sangue. (p. 75)“

„Oh, se ci fosse un'ora di più nella giornata, un'ora eccezionale, un'ora a buon mercato: la venticinquesima ora! Non abbiamo bisogno che di quest'ora durante la quale capiremmo tutto... (p. 43)“


„Mentre scrive la ricetta, il dottore ci guarda un'ultima volta per valutare se prescrivere una medicina di quelle care o di quelle a buon prezzo. (p. 53)“

„La tragedia della goccia d'acqua che gocciola di notte nel lavandino angoscia più d'ogni altra cosa il cuore umano. (p. 84)“

„L'unico che cambia veramente la faccia del pianeta è chi ara modestamente il proprio campo. (p. 89)“

„Le serre sono carceri modello per piante. (p. 25)“


„Il 9 è l'orecchia dei numeri. (p. 78)“

„Le greguerías hanno qualcosa dell'indovinello, evitano l'aspetto del colmo e non devono mai essere barzellette o facezie, per quanto lo possano sembrare. Non devono somigliare a nulla che sia già stato detto. Non sono riflessioni né hanno niente a che vedere con esse, giacché bisogna diffidare delle riflessioni, che sono come quelle palle di neve che fabbricano i monelli cattivi nascondendo una pietra dentro la neve. La greguería non è nemmeno aforistica. L'aforisma è enfatico e sentenzioso. Io non lo pratico. (p. 11)“

„I gelati sono così allegri perché sono come parrucche da clown. (p. 47)“

„L'orecchio umano interroga sempre, perché, se si osserva bene, ha una forma interrogativa. (p. 52)“

Autori simili