Frasi di Romano il Melode

Romano il Melode foto

6   0

Romano il Melode

Data di nascita: 490
Data di morte: 556

Romano il Melode fu poeta ed autore di inni di genere religioso. La Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse lo venerano come santo, celebrandone la festa il 1º ottobre.


„Deponi, dunque, madre, deponi il tuo dolore: | non si addice a te il gemere, poiché fosti chiamata "piena di grazia.“

„Dieci vergini possedevan la virtù dell'intatta verginità, | ma per cinque di loro il duro esercizio fu senza frutto. | Le altre brillarono per le lampade dell'amore per l'umanità, | per questo lo sposo le invitò.“


„Rendi chiara la mia lingua, mio Salvatore, apri la mia bocca | e, dopo averla riempita, trafiggi il mio cuore, perché il mio agire | sia coerente con le mie parole.“

„Dove vai, figlio? Perché così rapido compi il corso della tua vita? | Mai avrei creduto, o figlio, di vederti in questo stato, | né mai avrei immaginato che a tal punto di furore sarebbero giunti gli empi | da metterti le mani addosso contro ogni giustizia.“

„Io ardisco tenerti in mano come una lampada; | chi porta, infatti, una lucerna fra gli uomini è illuminato senza bruciare. | Illuminami dunque, Tu che sei la Lucerna inestinguibile.“

„Oggi la Vergine partorisce il Trascendente.“

Autori simili