„Si stavano baciando. Detto così siete scusati per aver pensato che fosse un bacio normale, tutto labbra e pelle e magari persino un po' di lingua. Ma vi siete persi il sorriso di Ragno, la luce nei suoi occhi.“

I ragazzi di Anansi

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Neil Gaiman photo
Neil Gaiman75
fumettista, scrittore e giornalista britannico 1960

Citazioni simili

David Foster Wallace photo
Johann Wolfgang von Goethe photo
Markus Zusak photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Oscar Wilde photo

„Ho ancora il bacio di Walt Whitman sul mio labbro.“

—  Oscar Wilde poeta, aforista e scrittore irlandese 1854 - 1900

Max Gazzé photo

„È un bacio non dato | l'amore pensato.“

—  Max Gazzé cantautore e bassista italiano 1967

da L'amore pensato
La favola di Adamo ed Eva

Johannes Secundus photo
Lillo Gullo photo
Fabrizio De André photo
Carlo Mazzoni photo
David Foster Wallace photo

„E gli occhi. Io non so dire il colore degli occhi di Lenore Beadsman; non posso guardarli; per me quegli occhi sono il sole.
Sono blu. Le sue labbra sono carnose e rosse e tendono al rorido e più che chiedere pare pretandano, in quel loro broncio di seta liquida, d'esser baciate. Io le bacio spesso, lo ammetto, inutile negarlo, ne sono un baciatore, e un bacio con Lenore è, se mi è concesso indugiare un po' su questo tema, non tanto un bacio quanto una dislocazione, è rimozione e poi brusca assunzione di essenza dall'io alle labbra, sicchè è non tanto il contatto di due corpi umani per fare le solite cose a colpi di labbra quanto due insiemi di labbra in reciproca cova e in comunione di specie sin dagli albori dell'era post-Scarsdale, forti di condizione ontologica autonoma sancita dalla suddetta comunione, che trascinano dietro e sotto di sè, mentre si uniscono e diventano una cosa sola, due ormai completamente superflui corpi terreni appesi al bacio come spossati cambi di fiori sursbocciati ovvero come mute ormai inservibili. Un bacio con Lenore è una sequenza in cui io pattino con scarpe imburrate sull'umida pista del suo labbro inferiore, protetto dalle intemperie grazie all'aggetto madido e tiepido di quello superiore, per infine riparare tra labbro e gengiva e rimboccarmi il labbro sin sul naso come un bimbo la coperta e da lì scrutare con occhi lustri e ostili il mondo esterno di Lenore, del quale non voglio più far parte.“

—  David Foster Wallace, libro La scopa del sistema

The Broom of the System

Aldo Busi photo
Francesco De Gregori photo

Argomenti correlati