„Ci si dovrebbe lasciar guidare, nelle letture, solo dalla propria inclinazione: quello che si legge per una sorta di senso del dovere porterà ben poco vantaggio.“

citato in James Boswell, Vita di Samuel Johnson, 14 luglio 1763

Ultimo aggiornamento 18 Settembre 2020. Storia
Samuel Johnson photo
Samuel Johnson17
critico letterario, poeta e saggista britannico 1709 - 1784

Citazioni simili

Publilio Siro photo

„È un aiuto ben da poco quello che nuoce a ciò che dovrebbe sostenere.“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Quam miserum auxilium est, ubi nocet quod sustinet!

Rudolf Steiner photo
Papa Giovanni XXIII photo

„Dovere di ogni uomo, dovere impellente del cristiano è di considerare il superfluo con la misura delle necessità altrui, e di ben vigilare perché l'amministrazione e la distribuzione dei beni creati venga posta a vantaggio di tutti.“

—  Papa Giovanni XXIII 261° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1881 - 1963

Origine: Dal Radiomessaggio a tutti i fedeli cristiani ad un mese dal Concilio http://www.vatican.va/holy_father/john_xxiii/speeches/1962/documents/hf_j-xxiii_spe_19620911_ecumenical-council_it.html, 11 settembre 1962.

Robert Baden-Powell photo

„La Promessa del Lupetto
Prometto di fare del mio meglio:
per compiere il mio dovere verso Dio ed il Re;
per osservare la Legge del Branco e fare una Buona Azione a vantaggio di qualcuno ogni giorno.“

—  Robert Baden-Powell militare, educatore e scrittore inglese, fondatore del movimento scout 1857 - 1941

The Wolf's Cub Promise
I promise to DO MY BEST–
To do my duty to God and the King,
To keep the Law of the Wolf Cub Pack,
and to do a good turn to somebody every day.
Origine: Manuale dei Lupetti, p. 19

Pupi Avati photo
Ada Hegerberg photo
Tullio De Mauro photo
Giordano Bruno photo
Terry Pratchett photo

„Quale è il primo assioma che proclama la Legge? – La Legge non ammette ignoranza. – Come! la legge è il gran vincolo della società, la legge non soffre che alcuno ignori i suoi ordini e i propri doveri, e intanto si lasciano i più senza i mezzi di apprenderli?“

—  Enrico Mayer pedagogista e scrittore italiano 1802 - 1877

La legge aggrava la mano punitrice su colui che la infranse, né si arresta alle grida del misero, che protesta non aver saputo d'infrangerla; – anzi a colui che fin dall'infanzia abbandonato a sé stesso, e senza il freno di alcun salutare insegnamento, seguitò impunemente il sentiero del tacito vizio, dove la legge non guarda, per entrar poi sulla via del delitto, ove la legge il coglie e punisce: a questo sciagurato cui tolse dal petto ignoranza ogni sentimento di morale, ogni distinzione del giusto e dell'ingiusto, dice la legge: Io non ammetto ignoranza? Eh! chi non sente che queste parole suonano in simil caso come feroce ironia?... Eppure la legge dee proferirle, perché altrimenti chi più le andrebbe soggetto?... Ma d'altra parte la sentenza che cade su quell'infelice, e su tante altre vittime della propria abjezione, ricade col tempo su quelli, che posti in più alto grado sociale, trascurarono di educare i loro sventurati fratelli. (p. 18)
Frammenti di un viaggio pedagogico

Erasmo da Rotterdam photo
Emanuele Tesauro photo

„Ciascuno pregia le cose conforme alla propria inclinazione.“

—  Emanuele Tesauro drammaturgo, retore e letterato italiano 1592 - 1675

da La politica di Esopo frigio

Publilio Siro photo

„Nasconde la propria inclinazione il disonesto quando si comporta onestamente!“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Il malvagio che fa del bene sta nascondendo la sua vera natura.
Sententiae
Originale: (la) Naturam abscondit, cum improbus recte facit.

Umberto Eco photo

„Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è una immortalità all’indietro.“

—  Umberto Eco semiologo, filosofo e scrittore italiano 1932 - 2016

Variante: Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto cinquemila anni: c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito... perché la lettura è un'immortalità all'indietro.

Ernesto Balducci photo
Umberto Eco photo

Argomenti correlati