„Leggere non servì soltanto da risorsa conoscitiva, utile a esplorare, dal fondo del mio pozzo buio, il più che potessi del lontanissimo cielo: significò soprattutto mangiare, saziare una mia fame degli altri e delle loro vite veridiche o immaginarie: dunque fu, in qualche modo, una pratica cannibalesca.“

—  Gesualdo Bufalino, Leggere, vizio punito
Pubblicità

Citazioni simili

Agostino d'Ippona photo
Pubblicità
Paolo Apolito photo

„L'antropologia è dunque oggi anche un modo di pensare noi stessi come altri, è un modo di leggere momenti importanti delle nostre esistenze alla luce di segni e di credenze complessi.“

—  Paolo Apolito
dall'incontro con gli studenti del liceo "Cartesio" di Giugliano, 7 dicembre 2001, trasmesso nella trasmissione Il Grillo, Rai Uno, 23 gennaio 2002

Herman Melville photo
Peter Altenberg photo
Gilbert Keith Chesterton photo

„Una nuova filosofia in generale significa in pratica l'espressione di qualche vecchio vizio.“

—  Gilbert Keith Chesterton scrittore, giornalista e aforista inglese 1874 - 1936
All things considered, cap 19

Mao Tsé-Tung photo
 Teofrasto photo
Pubblicità
Alberto Moravia photo
Giorgio Faletti photo
Roberto Casati photo
Leonardo Sciascia photo
Pubblicità
Terry Pratchett photo
Giorgio Antonucci photo
Leonardo Sciascia photo
Diogene di Sinope photo