Frasi su vite

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema vite.

Argomenti correlati

Un totale di 453 frasi, il filtro:


Eugenio Montale photo

„Occorrono troppe vite per farne una.“

—  Eugenio Montale poeta, giornalista e critico musicale italiano 1896 - 1981
The Occasions

Lana del Rey photo
Pubblicità
Nicholas Sparks photo
Oscar Wilde photo
 Gesù photo
Stefano Rodotà photo
Keanu Reeves photo
Jim Morrison photo
Pubblicità
George R. R. Martin photo
Nicholas Sparks photo
Citát „Io verrò a cercarti, attraverso mille mondi e dieci mila vite, finché non ti avrò trovata.“
Keanu Reeves photo
 Temistocle photo

„Preferisco un uomo senza quattrini piuttosto che quattrini senza uomo.“

—  Temistocle politico e militare ateniese -524 - -459 a.C.
citato in Plutarco, Vite Parallele, 18

Pubblicità
Noyz Narcos photo

„Il regno del male dilaga prendendosi vite innocenti, agghiaccianti pensieri violenti degli adolescenti“

—  Noyz Narcos rapper, beatmaker e writer italiano 1979
da Il dramma, in Truceboys EP, 2000

Publio Virgilio Marone photo
Leonardo Sciascia photo

„E voglio finire con un aneddoto che riguarda il Pirandello siciliano e che, nella dilagante stupidità di oggi, che tende a relegare la Sicilia in una particolare etnia (si ha il pudore di non usare la parola "razza": ma soltanto di non usarla), assume un grande significato. Nel 1932 Emilio Cecchi, che dirigeva la Cines, comunica a Pirandello l'intenzione di trarre un film dalla novella Lontano. Ma ha uno scrupolo: "nella novella come sta scritta, il marinaio norvegese si sente irresistibilmente attratto da una vita più vasta, e dai ricordi della patria, per il fatto di trovarsi legato, con il matrimonio, ad un ambiente meno che meschino; in fondo è in lui l'insofferenza dell'uomo appartenente a civiltà più energiche e libere, naufragato in un'isola abitata da gente ristretta, fra la quale egli sente mancarsi il fiato". Cecchi, scrittore che tuttora amo, era affetto da una invincibile idiosincrasia nei riguardi della Sicilia, dei siciliani: e la si può più immediatamente riscontrare nei suoi Taccuini, oltre che in questa sua lettura della novella Lontano. La novella non sta scritta come lui la leggeva; e Pirandello infatti così risponde: "Caro Cecchi, il contrasto non è tra due civiltà; ma tra due vite naturalmente diverse, quella di un uomo del Nord e quella di una donna del Sud; e il dramma che ne nasce, il dramma di restar "lontano" tra i vicini più vicini: la propria donna, il proprio figlio. Non c'è dunque da farsi scrupoli sulla natura di quelli a cui Lei mi accenna. Tutt'altro! Non era, né poteva essere nelle mie intenzioni di rappresentar barbara o di civiltà inferiore la Sicilia...". Naturalmente, il film non si fece. Ma queste parole di Pirandello restano, ci restano.“

—  Leonardo Sciascia scrittore e saggista italiano 1921 - 1989

Avanti