„La maggior parte della gente non è preparata alla morte, alla propria o a quella di chicchesia. Ne sono scioccati, terrorizzati. È come una grossa sorpresa. Che diavolo, non dovrebbe esserlo. Io mi porto la morte nel taschino. A volte la tiro fuori e le parlo: "Ciao bella, come va? Quand'è che vieni a prendermi? Sono pronto".
Nella morte non c'è niente di triste, non più di quanto ce ne sia nello sbocciare di un fiore. La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita, la pisciano via. La cagano fuori. Muti idioti. Troppo presi a scopare, film, soldi, famiglia, scopare. Hanno la testa piena di ovatta. Mandano giù Dio senza pensare, mandano giù la patria senza pensare. Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta. Sono brutti, parlano male, camminano male. Gli suoni la grande musica dei secoli ma loro non sentono. Per molti la morte è una formalità. C'è rimasto ben poco che possa morire.“

—  Charles Bukowski, Il capitano è fuori a pranzo, 12/9/91, 11:19 PM; 2000, p. 13

Citazioni simili

Eraclito photo
Fabrizio De André photo
Massimo Cacciari photo
Giorgio Gaber photo
Jim Morrison photo
Quino photo
Luciano De Crescenzo photo
Fernando Pessoa photo
Guido Gozzano photo
José Saramago photo
Nicolás Gómez Dávila photo
Fabrizio De André photo
Fernando Pessoa photo
João Guimarães Rosa photo
Eugenio Borgna photo
Tiziano Sclavi photo
Takeshi Kitano photo
Zenone di Cizio photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

x