„Magari, Critone, fosse capace di fare il male, perché, allora, sarebbe capace, anche di fare il bene. E questa sarebbe una gran bella cosa. Invece non è capace di fare né l'uno né l'altro, non ti fa diventare né saggio né stolto, ma agisce, così, a casaccio.“

—  Platone, libro Critone

Socrate, cap. 3
Critone

Ultimo aggiornamento 01 Dicembre 2020. Storia
Platone photo
Platone144
filosofo greco antico -427 - -347 a.C.

Citazioni simili

Dalai Lama photo
Mario Soldati photo
Alessandro Manzoni photo
Blaise Pascal photo
Paul Gavarni photo

„La considerazione porta oro, non si può fare a meno né dell'uno né dell'altra.“

—  Paul Gavarni disegnatore francese 1804 - 1866

Citato in Le petit philosophe de poche, Textes réunis par Gabriel Pomerand

Guy de Maupassant photo

„La fortuna non ha misura né nel bene né nel male.“

—  Decimo Laberio scrittore e drammaturgo romano -106 - -43 a.C.

Costas Rigas photo
Erich Fromm photo
Mauro Leonardi photo
Milton Friedman photo
Paolo Cognetti photo
Elisabetta della Trinità photo
Benedetto Croce photo

„Non possiamo distaccarci dal bene e dal male della nostra Patria, né dalle sue vittorie né dalle sue sconfitte.“

—  Benedetto Croce filosofo, storico e politico italiano 1866 - 1952

Origine: Da Scritti e discorsi politici (1943-1947), Laterza.

Zenone di Cizio photo

„Il piacere è indifferente, vale a dire né bene né male.“

—  Zenone di Cizio filosofo greco antico -334 - -263 a.C.

Origine: Citato in 1923, p. 121.

Luigi Fabbri photo
Giuseppe Verdi photo

„Io… vorrei che il giovane quando si mette a scrivere, non pensasse mai ad essere né melodista, né realista, né idealista, né avvenirista, né tutti i diavoli che si portion queste pedanterie. La melodia e larmonia non devono essere che mezzi nella mano dell'artista per fare della Musica, e se verrà un giorno in cui non si parlerà più né di melodia né di armonia né di scuole tedesche, italiane, né di passato né di avvenire ecc. ecc. ecc. allora forse il regno dell'arte.“

—  Giuseppe Verdi compositore italiano autore di melodrammi 1813 - 1901

Variante: Io…vorrei che il giovane quando si mette a scrivere, non pensasse mai ad essere né melodista, né realista, né idealista, né avvenirista, né tutti i diavoli che si portino queste pedanterie. La melodia e l’armonia non devono essere che mezzi nella mano dell'artista per fare della Musica, e se verrà un giorno in cui non si parlerà più né di melodia né di armonia né di scuole tedesche, italiane, né di passato né di avvenire ecc. ecc. ecc. allora forse comincierà il regno dell'arte.
Origine: Da una lettera a Opprandino Arrivabene, 14 luglio 1875; citato in Marcello Conati, Verdi: interviste e incontri, EDT srl, 2000, p. 197 https://books.google.it/books?id=kb9gk11MAAIC&pg=PA197. ISBN 8870634906

Argomenti correlati