„L'uomo malvagio, pertanto, non è mai sicuro quando abita con se stesso, poiché abita con un malvagio e nessuno potrà dargli più fastidio della sua stessa persona.“

La lettera d'oro

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Guglielmo di Saint-Thierry photo
Guglielmo di Saint-Thierry52
filosofo, teologo 1085 - 1148

Citazioni simili

Ramakrishna photo
Giovanni Battista Niccolini photo
Gilbert Keith Chesterton photo
Karl Rahner photo

„L'uomo abita sulla riva del mare infinito del mistero.“

—  Karl Rahner gesuita e teologo tedesco 1904 - 1984

Origine: Citato in Rosino Gibellini, La teologia del XX secolo, Queriniana, Brescia, 1999, p. 244. ISBN 88-399-0369-0

Martin Heidegger photo
Le Corbusier photo

„L'uomo abita male, questa è la ragione vera e profonda dei rivolgimenti attuali.“

—  Le Corbusier architetto, urbanista, pittore e designer svizzero naturalizzato francese 1887 - 1965

Origine: Citato in Christian Norberg-Schulz, Genius Loci, Electa, p. 191. ISBN 88-435-4263-X

Jim Morrison photo

„Uomo, sei malvagio, va' via dal mio giardino.“

—  Jim Morrison cantautore e poeta statunitense 1943 - 1971

Canzoni

Ettore Sottsass photo
Martín Lutero photo
Dante Alighieri photo

„È da uomo malvagio l'ingannare colla menzogna.“

—  Dante Alighieri poeta italiano autore della Divina Commedia 1265 - 1321

Jack London photo
Carl Gustav Jung photo
Teognide photo
Vittorio Alfieri photo
Arthur Conan Doyle photo

„Il maligno dice male de' buoni; lo stolto or de' buoni, or de' malvagi; il saggio di nessuno mai.“

—  Michele Colombo linguista e letterato italiano 1747 - 1838

da Trattatelli tradotti dalla lingua malabarica nell'italiana favella, in Opuscoli, 1832

José Ortega Y Gasset photo
Friedrich Nietzsche photo
Tito Lívio photo

„Come, un uomo malvagio è più sicuro imputarlo che assolverlo, così, il lusso sarebbe più tollerabile trattenerlo piuttosto che lasciarlo libero, come succede ad un animale indomabile, eccitato proprio dai vincoli, lasciato libero.“

—  Tito Lívio, libro Ab Urbe condita libri

Marco Porcio Catone: XXXIV, 4; 1997
Et hominem improbum non accusari tutius est quam absolvi, et luxuria non mota tolerabilior esset quam erit nunc, ipsis vinculis sicut ferae bestiae inritata, deinde emissa.
Ab urbe condita, Libro XXXI – Libro XL

Argomenti correlati