„La gloria del maestro sono i discepoli, nei quali si rispecchia e sopravvive.
Emulando l'umiltà del suo grande amico, frate Luca circondò di un alone di silenzio e dimenticanza la sua esistenza e le sue gesta.“

Vita di Sant'Antonio

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

„La gloria del maestro sono i discepoli, nei quali si rispecchia e sopravvive.“

—  Vergilio Gamboso 1929 - 2011

Origine: Vita di Sant'Antonio, p. 174

Gesù photo

„Il discepolo non è da più del maestro; ma ognuno ben preparato sarà come il suo maestro.“

—  Gesù fondatore del Cristianesimo -7 - 30 a.C.

6, 40
Nuovo Testamento, Vangelo secondo Luca

Charles Baudelaire photo

„Al poeta impeccabile | al perfetto mago delle lettere francesi | al mio carissimo e veneratissimo Maestro e Amico | Théophile Gautier | con la più profonda umiltà | dedico | questi fiori malsani.“

—  Charles Baudelaire poeta francese 1821 - 1867

dedica de I fiori del male; citato in prefazione a Théophile Gautier, Il romanzo della mummia, cura e traduzione di Laura Aga-Rossi, BEN, 1995

Nicolás Gómez Dávila photo
Tommaso d'Aquino photo

„Il maestro si limita a «muovere», a stimolare il discepolo e il discepolo solo se risponde a questo stimolo – sia durante che dopo l'esposizione del maestro – arriva ad un vero apprendimento.“

—  Tommaso d'Aquino frate domenicano 1225 - 1274

Origine: Citato in Albino Luciani, Illustrissimi, p. 135, premessa di Igino Giordani, commento di Giovanni Mocchetti, Edizioni A.P.E., Mursia, Milano, 1979.

Anthony de Mello photo
Leonardo Da Vinci photo

„Tristo è quel discepolo che non avanza il suo maestro.“

—  Leonardo Da Vinci pittore, ingegnere e scienziato italiano 1452 - 1519

Codice Forster III
Aforismi, novelle e profezie
Variante: Tristo è quel discepolo che non avanza il suo maestro. (Modern Italian)

Confucio photo

„Il maestro disse: La nostra gloria più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarci sempre dopo una caduta.“

—  Confucio, libro Dialoghi

Dialoghi
Origine: Citato in Dizionario delle citazioni, a cura di Ettore Barelli e Sergio Pennacchietti, BUR, 1992.

Friedrich Nietzsche photo

„Maestri e scolari. – Conviene all'umanità di un maestro, mettere i propri discepoli in guardia contro se stesso.“

—  Friedrich Nietzsche filosofo, poeta, saggista, compositore e filologo tedesco 1844 - 1900

447; 2006

Gesualdo Bufalino photo

„Il miglior maestro non ha discepoli, insegna soltanto ipotesi.“

—  Gesualdo Bufalino scrittore 1920 - 1996

Origine: Il malpensante, Giugno, p. 70

Friedrich Nietzsche photo
Erodoto photo
Edoardo Sanguineti photo

„Sarei tentato di dire che non esistono cattivi maestri, ma solo cattivi discepoli.“

—  Edoardo Sanguineti poeta italiano 1930 - 2010

dall'intervista di Paolo Stefano, Da dimenticare? Io ci metto anche D'Annunzio e Sciascia, Corriere della sera, 10 maggio 1993

Paramahansa Yogananda photo
Anthony de Mello photo

„Sei così fiero della tua intelligenza», disse il maestro a un discepolo. «Sei come il condannato che è fiero della vastità della sua cella.“

—  Anthony de Mello gesuita e scrittore indiano 1931 - 1987

Un minuto di saggezza nelle grandi religioni

„Il discepolo deve stare accanto al Maestro. Questi deve applicare, per la trafissione, bocca a bocca, forma a forma, sino a non fondersi perfettamente cogli oggetti (di tali sue operazioni). Fusosi perfettamente il mentale, discepolo e maestro vengono a trovarsi nel cosiddetto stato transmentale, grazie a cui il discepolo è immediatamente iniziato. Unitosi sole e luna, il vivente si identifica (con lo stato unitivo venuto a verificarsi).“

—  Abhinavagupta, Tantrāloka

2013, 273-275
Tantrāloka, Capitolo XXIX
Origine: La citazione fa riferimento al rito di iniziazione detto "per trafissione", destinato a chi aspira a "fruizioni". Con tale termine si intende la possibilità, per l'adepto, di fruire dei piaceri mondani della vita e di ottenere la liberazione soltanto in punto di morte. Rinunciando invece alle fruizioni si può aspirare alla liberazione in vita.

Niccolò Tommaseo photo

„Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria.“

—  Niccolò Tommaseo scrittore italiano 1802 - 1874

da Preghiere di Niccolò Tommaseo: edite e inedite

Argomenti correlati