„Non posso negarne l'esistenza ma, dal punto di vista ontologico, la dicotomia è una sola: Inter-Juve. L'Inter (come i gatti e Londra) è fascinosa e imprevedibile. La Juventus (come i cani e Parigi) è solida e rassicurante. Il resto è contorno. Ho scritto dicotomia, ma Inter-Juve è di più. È una contrapposizione come Hegel e Kant, Coppi e Bartali, Fellini e Visconti, Usa e Urss, Apple e Microsoft, Beatles e Rolling Stones, yin e yang, moto Bmw e moto giapponesi. Non si tratta di stabilire chi è meglio e chi è peggio (anche se io un sospetto ce l'avrei). Inter e Juve sono pianeti distanti, che entrano in contatto solo in occasione di una partita, di un'amicizia o di un matrimonio. Allora, qualcosa succede. Gli interisti sono romantici, con una punta di decadenza. Gli juventini, neoclassici. Noi siamo idealisti, loro positivisti. Gli interisti sono una nazione dolente (tre scudetti in trent'anni e un Helsingborgs quando non te l'aspetti); gli juventini credono nelle magnifiche sorti e progressive (e spesso vengono accontentati).“

— Beppe Severgnini

Pubblicità

Citazioni simili

Pubblicità
Marco Simoncelli foto
Antonio Conte foto
Gianni Agnelli foto
Gianni Mura foto
Leo Buscaglia foto
Paolo Di Canio foto
Pubblicità
Teresa di Lisieux foto
Javier Zanetti foto
Pavel Nedvěd foto
Francesco Totti foto
Pubblicità
Antonio Ingroia foto
Meister Eckhart foto
Sándor Márai foto
Zlatan Ibrahimović foto
Avanti