Frasi di José Mourinho

José Mourinho foto
208  6

José Mourinho

Data di nascita: 26. Gennaio 1963
Altri nomi:Жозе Моуриньо

Pubblicità

José Mário dos Santos Mourinho Félix, noto semplicemente come José Mourinho , è un allenatore di calcio ed ex calciatore portoghese, tecnico del Manchester United.

Considerato come uno dei migliori allenatori della sua generazione nonché della storia di questo sport, è soprannominato The Special One .

Conclusa una modesta carriera da calciatore, ha intrapreso quella di allenatore dapprima come assistente in Portogallo e in Spagna e poi come allenatore in prima di Benfica e União Leiria. La sua ascesa si concretizza con il trasferimento al Porto, dove in due stagioni e mezza vince due campionati , una Coppa e una Supercoppa nazionale ma soprattutto una Coppa UEFA e una UEFA Champions League . Nel 2004 viene chiamato alla guida del Chelsea, con il quale conquista due Premier League , due Coppe di Lega , una Coppa d'Inghilterra e un Community Shield . Dopo aver rescisso il suo contratto con il club inglese nel 2007, firma con l'Inter dove in due stagioni vince due campionati , una Coppa Italia , una Supercoppa italiana nonché una UEFA Champions League , riportando i nerazzurri alla conquista del massimo trofeo continentale a quarantacinque anni di distanza dall'ultima volta. Conclusa l'esperienza in Italia, si trasferisce dapprima in Spagna per guidare il Real Madrid, con il quale conquista un campionato , una Coppa del Re e una Supercoppa nazionale , e poi in Inghilterra, nuovamente al Chelsea dove vince un'altra Premier League e un'altra Coppa di Lega . Dalla stagione 2016-2017, è il nuovo allenatore del Manchester United, con il quale conquista subito Community Shield e Coppa di Lega .

Mourinho può vantarsi di essere nella stretta cerchia di allenatori capaci di vincere il titolo in quattro Paesi diversi . Inoltre è uno dei cinque allenatori, insieme ad Ernst Happel, Ottmar Hitzfeld, Jupp Heynckes e Carlo Ancelotti, ad aver vinto la UEFA Champions League con due squadre diverse .

A livello individuale, tra gli altri riconoscimenti, è stato nominato come miglior allenatore del mondo dall'IFFHS nel 2004, 2005, 2010 e 2012, nonché come miglior allenatore dell'anno FIFA nel 2010 e UEFA nel 2004, 2005, 2006 e 2010.

Autori simili

Herbert Kilpin foto
Herbert Kilpin7
calciatore britannico
Aldo Agroppi6
allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Vujadin Boškov foto
Vujadin Boškov44
allenatore di calcio e ex calciatore serbo
Alessio Tacchinardi foto
Alessio Tacchinardi16
allenatore di calcio e ex calciatore italiano
Nereo Rocco foto
Nereo Rocco12
allenatore di calcio e calciatore italiano
Paolo Di Canio foto
Paolo Di Canio7
allenatore di calcio e ex calciatore italiano
Luigi Garzya foto
Luigi Garzya1
allenatore di calcio e calciatore italiano
Carmine Nunziata foto
Carmine Nunziata1
calciatore e allenatore di calcio italiano
Andrea Stramaccioni foto
Andrea Stramaccioni9
allenatore di calcio e ex calciatore italiano
Matías Almeyda foto
Matías Almeyda4
allenatore di calcio e ex calciatore argentino

Frasi José Mourinho

Pubblicità
Pubblicità

„Il mio primo scudetto all'Inter non lo abbiamo vinto in campo bensì al centro sportivo di Appiano Gentile. Era un sabato e il nostro inseguitore era il Milan, che nell'anticipo di quella sera era stato battuto rendendoci così campioni. Era la terz'ultima di campionato e noi dovevamo giocare il giorno dopo col Siena. Al centro esplose subito la baldoria, con tutta la squadra a chiedermi di andare a festeggiare in Piazza Duomo assieme ai tifosi. Io ho pensato: se ci andiamo non andremo a letto prima delle tre-quattro del mattino e poi scendiamo in campo stanchi e addormentati e la striscia di partite di fila sempre vinte finisce lì. No, non possiamo farlo: "Tutti a letto" ho tuonato. Quando già ero in camera mia pronto a coricarmi bussa alla porta Júlio Cesar. Il suo era un grido di dolore, piangeva a dirotto: "Mister, dobbiamo andarci in Piazza Duomo, ci aspettano in migliaia. Se non ci andremo tu in vita tua non vincerai più niente". Parole che sembravano una maledizione. Ho pensato: "Sono fregato". Non sono superstizioso, ma quelle parole mi hanno lasciato traballante. Bene. Andiamoci tutti: e così è avvenuto. I tifosi quando ci hanno scoperto sono diventati pazzi. Siamo tornati ad Appiano verso le tre di domenica e nel pomeriggio i giocatori sono stati fantastici, dando tutto per non perdere l'imbattibilità e per non consentire agli avversari di dire che avevano battuto i neocampioni d'Italia. Questi ricordi, lo ripeto, mi procurano tanta nostalgia. Gioisco per i successi dell'Inter e soffro quando l'Inter viene battuta o fermata, com'è successo in queste ultime settimane... Fra l'altro, l'unica volta in vita mia in cui ho vinto ai rigori è stata la Supercoppa Italiana conquistata contro la Roma, il primo dei miei trofei nerazzurri. È che quando si va ai rigori per decidere il vincitore mi assale il panico. Così perdo sempre, comprese due finali di Champions League. Soltanto l'Inter mi ha regalato anche questa gioia.“

— José Mourinho

„Capello si deve ritenere molto fortunato, perché ha la possibilità di lavorare con alcuni dei migliori calciatori del mondo, come John Terry, Rio Ferdinand, Steven Gerrard ed Ashley Cole, ma a volte devi avere il coraggio di dare un taglio al passato, devi prenderti i tuoi rischi e affidarti a qualche giovane, perché niente dura per sempre. E qui arriviamo al nocciolo della questione, perché il calcio inglese non ha talenti emergenti che possano fare la differenza, ovvero giocatori in grado di crescere e diventare campioni. Una delle cose che mi hanno sempre sorpreso quando stavo in Inghilterra è il modo in cui viene seguito il calcio giovanile. Si fa tanto chiasso sull'argomento, ma forse la soluzione è più semplice di quanto si creda. In Portogallo, un ragazzino può iniziare a giocare nel Porto a 10 anni e all'età di 16 aver già incontrato 10 o 12 volte il Benfica o lo Sporting Lisbona; aver disputato partite importanti, anche davanti a un pubblico numeroso, ed essere pronto al grande salto. In Inghilterra, invece, ciò non è possibile perché il calendario è fatto su base regionale e questo per me è il vero errore. Che senso ha per un giovane del Chelsea vincere 14 a 0 contro Cobham e incontrare i pari età di Liverpool o Manchester United giusto una volta l'anno, se va bene? Cosa può davvero imparare da una cosa del genere? Mi rendo conto che molti allenatori delle squadre della Premier League non sono inglesi e che non lo sono nemmeno molti giocatori, ma quando sei in un'altra nazione tu hai il dovere di migliorare il modo in cui funzionano le cose anche lì. Ed è esattamente quello che ho cercato di fare io quando sono arrivato al Chelsea nel 2004, ma sul calendario non ho potuto fare nulla. Ecco perché ritengo che allenare la Nazionale inglese sia un compito davvero arduo, ma almeno contro Andorra sarà una gara facile e non possono esserci assolutamente problemi nel conquistare i tre punti. Con la Croazia, invece, sarà un po' diverso, perché loro hanno grande qualità e poi sono fieramente nazionalisti. È vero, hanno già battuto l'Inghilterra due volte nelle ultime due partite, ma non credo affatto che ci sarà una terza occasione.“

— José Mourinho

Pubblicità
Avanti
Anniversari di oggi
Michael Jordan foto
Michael Jordan30
cestista statunitense 1963
Alejandro Jodorowsky foto
Alejandro Jodorowsky32
scrittore, drammaturgo e poeta cileno 1929
Ernst Jünger foto
Ernst Jünger268
filosofo e scrittore tedesco 1895 - 1998
Giordano Bruno foto
Giordano Bruno248
filosofo e scrittore italiano 1548 - 1600
Altri 102 anniversari oggi
Autori simili
Herbert Kilpin foto
Herbert Kilpin7
calciatore britannico
Aldo Agroppi6
allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Vujadin Boškov foto
Vujadin Boškov44
allenatore di calcio e ex calciatore serbo
Alessio Tacchinardi foto
Alessio Tacchinardi16
allenatore di calcio e ex calciatore italiano
Nereo Rocco foto
Nereo Rocco12
allenatore di calcio e calciatore italiano