„Sotto l'immenso volto stellato | ch'io sia sepolto, ch'io sia lasciato. || Lì si riposi chi, ormai quieto, | viveva lieto, lieto morì. || Tu solo questo scrivi per me: | quivi lui dorme ove volle, ov'è. || Così si torna dai flutti foschi, | così, la sera, a casa dai boschi.“

Epitaffio
Origine: Traduzione di Giorgio Bassani. Citato in Domenico Scarpa, L'arcipelago, prefazione a Robert Louis Stevenson, L'isola del tesoro, traduzione di Lilla Maione, Universale Economica Feltrinelli, X ed., Milano, 2014, p. 25

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Robert Louis Stevenson photo
Robert Louis Stevenson53
scrittore scozzese 1850 - 1894
Modifica

Citazioni simili

Salvatore Quasimodo photo
Scuola Medica Salernitana photo
Angelo di Costanzo photo
Ludovico Ariosto photo
Gene Gnocchi photo
Luciano Ligabue photo
Piero Martinetti photo
Cristina Campo photo
Italo Calvino photo
Pompeo Gherardo Molmenti photo
Abhinavagupta photo
Ugo Foscolo photo
Salvator Rosa photo

„Ma in me la fantasia vegliando allora, | mentre che il senso si riposa, e dorme, | mille cose alla mente apre, e colora.“

—  Salvator Rosa pittore, incisore e poeta italiano 1615 - 1673

Autore: p. 317
Satire, Satira VI, L'invidia

John Webster photo
Matteo Molinari photo
Luciano Ligabue photo
Vincenzo Monti photo
Johann Wolfgang von Goethe photo

„Oh, amici miei! Perché il fiume del genio rompe così raramente gli argini, così di rado straripa con alti flutti scuotendo le vostre anime stupefatte?“

—  Johann Wolfgang von Goethe, libro I dolori del giovane Werther

Cari amici, su entrambe le sponde del fiume abitano i placidi signori le cui casette e i giardini, le aiuole di tulipani e le erbe dell'orto andrebbero distrutte dalla piena delle acque e perciò si danno cura di allontanare l'incombente pericolo con dighe e canali.
I dolori del giovane Werther

Argomenti correlati