Frasi dal lavoro
Fasti

I Fasti sono un poema eziologico di Ovidio, scritto in distici elegiaci, ad imitazione degli Aitia di Callimaco, di cui riprende, oltre che il metro, anche alcune soluzioni formali e narratologiche.


Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo

„Grande era un tempo la riverenza per una testa canuta.“

—  Publio Ovidio Nasone, Fasti

V, 57
Magna fuit quondam capitis reverentia cani.
Fasti

Publio Ovidio Nasone photo

„Divino spirto è in noi; per lui movente | Vita godiam: l'estro, onde anch'io mi accendo, | Semi contien della divina mente.“

—  Publio Ovidio Nasone, Fasti

(VI, 5-6, traduzione di G. B. Bianchi; citato in Fumagalli 1921, p. 545)
Est deus in nobis, agitante calescimus illo, | Impetus hic sacrae semina mentis habet.
Fasti

Publio Ovidio Nasone photo

Autori simili

Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone104
poeta romano -43 - 17 a.C.
Claudio Claudiano photo
Claudio Claudiano3
poeta romano
Decimo Giunio Giovenale photo
Decimo Giunio Giovenale36
poeta e oratore romano
Quinto Orazio Flacco photo
Quinto Orazio Flacco120
poeta romano
Publio Virgilio Marone photo
Publio Virgilio Marone110
poeta romano
Quinto Ennio photo
Quinto Ennio26
poeta, drammaturgo e scrittore romano
Marco Valerio Marziale photo
Marco Valerio Marziale33
poeta ed epigrammista romano
Gaio Valerio Catullo photo
Gaio Valerio Catullo63
poeta romano
Eneo Domizio Ulpiano photo
Eneo Domizio Ulpiano11
politico e giurista romano
Tito Lívio photo
Tito Lívio173
storico romano
Autori simili
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone104
poeta romano -43 - 17 a.C.
Claudio Claudiano photo
Claudio Claudiano3
poeta romano
Decimo Giunio Giovenale photo
Decimo Giunio Giovenale36
poeta e oratore romano
Quinto Orazio Flacco photo
Quinto Orazio Flacco120
poeta romano
Publio Virgilio Marone photo
Publio Virgilio Marone110
poeta romano